Skip to content

Gestire l'innovazione: ricerca scientifica, project management e vantaggio competitivo

Informazioni tesi

  Autore: Rocco Elio Pentassuglia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dell'Amministrazione
  Relatore: Francesco Testa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

La tesi parte dal considerare la ricerca scientifica come possibile fattore di vantaggio competitivo nell’economia di un paese. Considera come sta evolvendo, in Italia, il modo di gestire i fondi destinati alla ricerca per far si che aumenti il “rendimento” degli stessi. Si è introdotto, infatti, un metodo di gestione dei fondi che tende a finanziare la ricerca per progetti. Questo ha provocato una diffusione dell’uso delle metodologie di project management anche tra dirigenti e ricercatori di enti pubblici e privati.

La sequenza logica attraverso cui si “snoda” la tesi è la seguente:

1. in epoca di globalizzazione aumentano gli scambi internazionali e, quindi, aumenta la concorrenza ed il confronto tra le economie dei singoli paesi;

2. i paesi a tecnologia intermedia, come l’Italia, rischiano di sentire maggiormente la concorrenza dei paesi emergenti soprattutto per le produzioni tradizionali per le quali la competitività si gioca principalmente sul prezzo e, quindi, dove incide maggiormente il costo del lavoro;

3. occorre operare investimenti al fine di:
a) migliorare le produzioni tradizionali per far emergere il fattore “qualità” quale elemento su cui giocare la competitività dei prodotti;
b) aumentare la presenza industriale in settori high-tech che assicurano maggiore valore aggiunto, crescita e stabilità occupazionale;

4. gli obiettivi di cui al punto 3 possono essere raggiunti anche con adeguati investimenti in R&S. Si rileva però che:
a) L’Italia è l’ultimo, tra i maggiori paesi industrializzati, per percentuale di PIL investita in R&S;
b) la maggior parte degli investimenti in R&S proviene dal settore pubblico. La scarsa propensione del settore privato ad investire in ricerca riduce ulteriormente la quantità della stessa che si “trasforma” in nuovi prodotti e, quindi, in vantaggio competitivo;

5. si espone, mediante l’esempio di un lavoro di ricerca, la differenza concettuale tra ricerca di base, ricerca fondamentale, ricerca industriale e trasferimento tecnologico;

6. da circa un decennio si registra una tendenza diversa nel modo di gestire i fondi destinati alla ricerca: si tende sempre più a finanziare progetti di ricerca presentati congiuntamente da più soggetti tra i quali dev’esserci la presenza di partner privati in grado, poi, di sfruttare industrialmente i risultati della ricerca stessa. Questa impostazione a provocato una diffusione dell’uso delle metodologie di project management anche tra dirigenti e ricercatori di enti pubblici e privati del settore ricerca (metodologie di P.M. a cui è dedicato un ampio spazio della tesi stessa);

7. vengono illustrati due progetti di ricerca in un settore tradizionale (agro-alimentare). Progetti proposti e coordinati da un Parco Scientifico e Tecnologico. In fase di realizzazione gli stessi progetti sono stati pianificati e controllati mediante tecniche di P.M.;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Premessa Negli ultimi anni il tema della globalizzazione è stato sempre più dibattuto sotto vari aspetti che possono essere ricondotti alla sua capacità di influire in modo significativo, e con relativa rapidità, nelle economie dei singoli Stati. Indipendentemente dalle considerazioni socio-politiche a riguardo, è indubbio che l’aumento degli scambi internazionali costringe le economie dei singoli stati ad un confronto sempre più serrato con quelle dei paesi concorrenti. Le parole d’ordine per le imprese restano “qualità” e “convenienza dei prodotti”, a queste si affianca sempre più la parola “internazionalizzazione”, intendendo con essa la necessità di ricercare spazi commerciali all’estero se si vogliono mantenere o ampliare le proprie quote di mercato. Argomenti come globalizzazione, internazionalizzazione, confronto con altri paesi, esame dei punti di forza e di debolezza dei sistemi produttivi delle singole economie etc. sono ispirati principalmente da uno dei principali obiettivi di ogni governo: mantenere quote stabili e soddisfacenti di occupazione. Non a caso nel documento che illustra le Linee guida per la politica scientifica e tecnologica del governo (19 aprile 2002) si legge: “La globalizzazione continua ad essere il fattore caratteristico del contesto internazionale e della evoluzione in atto; le dimensioni del fenomeno sono imponenti: a meno delle fluttuazioni cicliche, il valore delle transazioni commerciali a livello globale cresce a ritmi superiori al 10% per anno […]. L’auspicabile crescita dei paesi emergenti a tecnologia intermedia contiene in sé fattori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi