Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema del metissage

In questo lavoro sono affrontate le attuali tematiche dell'integrazione culturale e del melting pot attraverso l'analisi di due film ambientati in luoghi in cui queste realtà sono esistenti da alcuni anni; Parigi e Londra città metropolitane in cui convivono francesi e magrebini da un lato e inglesi e pakistani dall'altro,convivenza segnata spesso da violenza ed emarginazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA Il punto d’inizio della mia tesi è dato dalla situazione in cui noi oggi viviamo, una situazione in cui per usare le parole di Etienne Balibar (1990), tutti noi siamo posti di fronte ad “un razzismo senza razze” o meglio ancora ad un fenomeno in cui la funzione svolta dal mito della razza è stato sostituito da quello complesso dell’emigrazione. Un razzismo, quello attuale, che auspica il rispetto “tra culture”, purché non dia luogo al meticciato. Ho diviso il mio lavoro in due parti: nella prima, contenente due capitoli, ho affrontato due temi complessi che sono quello del multiculturalismo e dell’identità. Nella seconda parte, che dà il nome alla tesi, ho analizzato due film significativi che rappresentano il cinema del metissage, descrivendo precedentemente il metodo da me utilizzato per tale analisi. Oltre ai film, che rappresentano la parte centrale intorno a cui si snoda la tesi, ho attribuito molta importanza al secondo capitolo in cui ho parlato dell’identità e del fatto che è solo dall’ultimo secolo che questo termine si è fatto strada, ma da allora è diventato la parola chiave di ogni discorso politico,

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Ivana Baldi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3897 click dal 10/09/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.