Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un protocollo MAC multicanale per reti wireless ad-hoc

Dopo un'analisi dei principali protocolli MAC esistenti per reti wireless ad-hoc, si definisce un nuovo protocollo basato su tecniche di clustering multicanale per l'ottimizzazione della gestione del mezzo trasmissivo. CSMAC (Clustered and Synchronized Medium Access Control) fonde aspetti interessanti di tecnologie come 802.11, Bluetooth e HiperLAN con metodologie di clustering per generare un nuovo strato di comunicazione soft-QoS per MANET.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione Le tecnologie wireless hanno avuto un notevole sviluppo in questi ul- timi anni, ponendosi come valida alternativa alle tradizionali connessioni basate su architetture fisse. Infatti non sempre il cablaggio rappresenta la soluzione ideale al problema della connettività, soprattutto in termini di flessibilità e di economicità. La maggioranza dei dispositivi mobili attualmente presenti sul mer- cato, come computer palmari, smartphone o notebook, sono in grado di scambiarsi informazioni sfruttando tali tecnologie. È evidente quindi che si stiano gettando le basi per una nuova fron- tiera dell’Information Technology : trasmettere informazione, in maniera affidabile e veloce, in un sistema mobile, attraverso le reti wireless. La staticità non è certo una delle prerogative della società contempo- ranea che, al contrario, tende a svolgere gran parte delle proprie attività in contesti sempre più mobili. È per questo motivo che i dispositivi wireless di nuova generazione promuovono e mettono a disposizione dell’utente una vasta ed innovati- va gamma di servizi. Diventa così possibile instaurare connessioni per lo scambio di dati, voce e video in scenari estremi fino ad ora impensabili come campi di battaglia, aree colpite da gravi calamità naturali o, più in generale, zone prive d’infrastruttura. Fino a poco tempo fa stabilire una connessione in movimento significava avere un’infrastruttura di supporto su cui far affidamento, un esempio per tutti la rete cellulare. Come ben 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Stefano Massera Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2187 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.