Skip to content

Il ruolo delle Organizzazioni Non Governative nel sistema del Tribunale Penale Internazionale per i crimini commessi nel territorio dell'ex Jugoslavia

Informazioni tesi

  Autore: Georgia Bertagna Libera
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Patrizia De Cesari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

Negli ultimi anni le Organizzazioni Non Governative (ONG) hanno dimostrato di possedere i requisiti necessari per giocare un ruolo fondamentale nell’ordinamento internazionale; in particolare, di grande rilievo è stata la loro partecipazione ai meccanismi internazionali di risoluzione delle dispute. Le ONG sono intervenute in modo incisivo specialmente nei sistemi giurisdizionali internazionali per la tutela dei diritti umani, esercitando la loro influenza anche nel percorso formativo di alcuni Tribunali, così come è avvenuto nel caso del Tribunale Penale per l’ex-Jugoslavia (TPI).
In quest’ultimo caso, infatti, fin dallo scoppio dei primi disordini nei Balcani alcune ONG impegnate nella tutela dei diritti umani hanno reagito alle violazioni umanitarie commesse durante il conflitto chiedendo alla Comunità Internazionale di intervenire per punirne i responsabili. Diffondendo anche presso l’opinione pubblica le notizie di quanto stava accadendo, hanno contribuito a creare un ambiente politico più favorevole all’istituzione di un Tribunale internazionale che giudicasse i criminali di guerra. In seguito, le ONG hanno ottenuto un riconoscimento significativo della validità del loro operato e sono state autorizzate a prendere attivamente parte ai lavori della Commissione di Esperti delle NU, i cui rapporti hanno indotto il Segretario Generale a creare il TPI. Quando il Consiglio di Sicurezza decise, nella risoluzione 808 del 1993, che sarebbe stato necessario un Tribunale per i crimini commessi nei Balcani, le ONG si assicurarono che il progetto fosse effettivamente realizzato. Inoltre, numerose ONG hanno svolto parte del lavoro investigativo, identificando alcuni casi in cui sembrava ci fossero prove immediatamente disponibili e sufficienti ad aprire un procedimento. È lo stesso Statuto del Tribunale Penale per l’ex-Jugoslavia ad aver affidato loro questo compito: l’art. 18 (Investigation and preparation of indictment) ha previsto che il Procuratore inizi l’attività d´indagine ex officio o sulla base di informazioni ottenute da qualsiasi fonte e tra queste sono menzionate le ONG. Il solo responsabile delle indagini rimane il Prosecutor, il quale deve svolgere l’attività di investigazione e decidere se, in base alle informazioni in suo possesso, è opportuno richiedere l’incriminazione; tuttavia la legge gli riconosce la possibilità di servirsi dell’aiuto di diversi soggetti, quali le ONG, che in questo modo hanno la possibilità di portare l’attenzione del Procuratore su di un determinato episodio
In un secondo momento altre ONG, quali Juristes Sans Frontières (JSF), sono potute intervenire nei processi in qualità di Amicus Curiae, così come prevede la regola 74 del Regolamento di Procedura e di Prova del TPI. Per mezzo dell’ammissione dell’Amicus Curiae i giudici hanno modo di far partecipare ad un procedimento terzi che in realtà non sarebbero legittimati a farlo, in quanto estranei alla causa, autorizzandoli ad esporre il loro punto di vista su un punto di fatto o una questione di diritto, la cui risoluzione è necessaria per arrivare alla sentenza finale.
Nel 1994, in occasione di un incontro tra JSF e Médecins du Monde con il Presidente del Tribunale A. Cassese, il Cancelliere T. Van Boven ed il Procuratore aggiunto G. Blewitt, fu suggerita la possibilità che le ONG delegassero degli osservatori presso le giurisdizioni nazionali che avessero trattato casi suscettibili di rientrare nella competenza giurisdizionale del TPI e che aiutassero il Tribunale ad identificare i testimoni importanti per gli investigatori o ad esaminare alcuni fatti particolarmente significativi. Le ONG avrebbero in questo modo potuto aiutare il Tribunale ad affermare la sua priorità (primacy) sulle Corti nazionali: fornendo ai giudici dell’Aja e al Prosecutor informazioni relative alle indagini o ad un procedimento in corso presso una Corte nazionale.
La partecipazione delle ONG a tali sistemi giurisdizionali è importante perché indice di un nuovo fenomeno: il potere riconosciuto alla Società Civile di esercitare una certa influenza nell’ordinamento internazionale, che normalmente considera invece come soggetti rilevanti solo gli attori statali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è assistito adun cambiamento all’interno dello scenario internazionale: sono variati, in particolare, i soggetti che hanno la possibilità (ma soprattutto la capacità) di esercitare la loro influenza nella Comunità Internazionale e, quindi, che contribuiscono alla creazione ed all’evoluzione del diritto internazionale. Se, infatti, in passato la Dottrina aveva pressoché unanimemente classificato come soggetti di diritto internazionale solo gli “attori statali”, oggi a fianco di questi ultimi deve essere collocata la categoria degli “attori non statali”, che comprende soggetti aventi caratteristiche anche molto diverse. Nel corso del primo capitolo si cercherà di fornire una globale visione di questo nuovo fenomeno, che vede come protagoniste, tra gli altri, le Organizzazioni Non Governative (ONG), capaci, grazie al loro alto grado di specializzazione e ad una struttura interna ben ordinata, di giocare un ruolo sempre più incisivo nell’ordinamento internazionale. Come vedremo, la reazione degli Stati di fronte a questo cambiamento è stata varia: se da un lato alcuni hanno ben accolto questo intervento, perché in grado di fornire loro un prezioso aiuto in diversi settori (a tal punto che sono gli Stati stessi che a volte ne richiedono la collaborazione); altri invece hanno giudicato superflua e poco opportuna questa presenza, che mette in discussione la capacità degli attori statali di gestire autonomamente la Comunità Internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amicus curiae
diritto internazionale
ong
ordinamento internazionale
soggetto di diritto internazionale
tribunale penale internazionale ex jugoslavia
tribunali di guerra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi