Skip to content

Le garanzie assicurative nella finanza aziendale

Informazioni tesi

  Autore: Antonietta Belletti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Claudio Cacciamani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

Negli ultimi anni si è assistito ad un notevole progresso sia nel campo della finanza aziendale che in quello della gestione del rischio d’impresa: la prima, inizialmente relegata in posizione subordinata di reperimento di risorse finanziarie tout-court, ha assunto oggi dignità di vertice, attraverso una gestione finanziaria accentrata e integrata con le scelte strategiche d’impresa ; la seconda, nata negli anni ’50 come funzione prettamente tecnica di gestione dei rapporti assicurativi, ha subito negli anni un allargamento di competenze, integrando in un'unica figura gestionale (il risk manager) le funzioni di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio del rischio .
Nonostante i progressi fatti, queste due funzioni sono sempre state trattate separatamente, sia nei modelli finanziari teorici che nella prassi aziendale: la finanza aziendale è funzione presidiata dal capital management il cui compito è quello di definire la composizione ottimale delle fonti di finanziamento (capitale proprio e capitale di terzi) al fine di minimizzare il costo medio del capitale (WACC); la gestione dei rischi è presidiata dal risk management per quanto riguarda i rischi puri , ed eventualmente da un treasurer per quanto riguarda i rischi finanziari . Capital manager, risk manager e treasurer operano così in maniera del tutto autonoma e separata senza interagire tra loro.
L’obiettivo del presente lavoro consiste nel mostrare la forte correlazione tra le due funzioni sopraccitate, evidenziando i possibili benefici derivanti dall’adozione di un modello integrato di assicurazione e finanza, sia per quanto riguarda la capital allocation che per la gestione dei rischi, approfondendo in modo particolare le garanzie assicurative utilizzate per sterilizzare il rischio derivante da ogni singola voce di bilancio.
In questo senso l’opera si articola come segue.
Il capitolo 1 si apre definendo i concetti di rischio e risk management; si prosegue quindi dimostrando l’influenza che il suddetto rischio ha sul valore aziendale e proponendo, in particolare, un modello integrato per la gestione dei rischi e l’allocazione del capitale (insurative model).
I capitoli 2 3 e 4 approfondiscono nel dettaglio i rischi insiti nelle singole poste di bilancio, fornendo per ciascuna voce le rispettive coperture.
Il capitolo 2 attiene alle voci dell’attivo di stato patrimoniale, soffermandosi in modo particolare sulla copertura delle immobilizzazioni materiali e dei crediti commerciali.
Il capitolo 3 attiene alle voci del passivo di stato patrimoniale: esso si apre con una modellizzazione della struttura finanziaria ottimale e prosegue analizzando in particolare le coperture dei debiti commerciali, da responsabilità civile e finanziari, approfondendo in particolare le Alternative Risk Transfer Solutions e i risvolti di Basilea 2 nell’accesso al credito.
Il capitolo 4, infine, attiene alle voci del conto economico, soffermandosi in particolare sulle problematiche connesse al fatturato (business interruption e weather derivatives)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Negli ultimi anni si è assistito ad un notevole progresso sia nel campo della finanza aziendale che in quello della gestione del rischio d’impresa: la prima, inizialmente relegata in posizione subordinata di reperimento di risorse finanziarie tout-court, ha assunto oggi dignità di vertice, attraverso una gestione finanziaria accentrata e integrata con le scelte strategiche d’impresa 1 ; la seconda, nata negli anni ’50 come funzione prettamente tecnica di gestione dei rapporti assicurativi, ha subito negli anni un allargamento di competenze, integrando in un'unica figura gestionale (il risk manager) le funzioni di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio del rischio 2 . Nonostante i progressi fatti, queste due funzioni sono sempre state trattate separatamente, sia nei modelli finanziari teorici che nella prassi aziendale: la finanza aziendale è funzione presidiata dal capital management il cui compito è quello di definire la composizione ottimale delle fonti di finanziamento (capitale proprio e capitale di terzi) al fine di minimizzare il costo medio del capitale (WACC); la gestione dei rischi è presidiata dal risk management per quanto riguarda i rischi puri 3 , ed eventualmente da un treasurer per quanto riguarda i 1 Pavarani Eugenio, Analisi Finanziaria. Valore, Solvibilità, Rapporti con i Finanziatori, Milano, McGraw-Hill 2002, pagg 20-37. 2 Forestieri Giancarlo, Risk Management. Strumenti e Politiche per la Gestione dei Rischi Puri dell’Impresa, Milano, EGEA, 1996, pagg. 4-8. 3 Si definiscono rischi puri quegli eventi di natura accidentale o dolosa che offrono solo possibilità di perdita, in contrapposizione ai rischi speculativi che offrono possibilità sia di utile che di perdita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilea 2
capitale contingente
captive insurance company
danno catastrofale
garanzie bancarie autonome
rischi indiretti
run off solutions
sace
value at risk
weather derivatives

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi