Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento.

L’experiential marketing parte da un presupposto e da un contesto diverso rispetto a quelli del marketing tradizionale. Il contesto è quello dell’età dell’informazione, la quale sta cambiando i punti di vista rispetto a molti ambiti del vissuto. Il presupposto invece risiede nel fatto che questo approccio parte dal consumatore, non visto come “potenziale cliente” ma come “persona”, quindi come “essere umano” capace di vivere esperienze: esperienze che possono essere di acquisto, di consumo, di shopping, ecc (Gobè, 2002).
Partendo da questo presupposto si sono analizzati i fondamenti sul quale si poggia il marketing esperienziale e si è analizzata e sviluppata una metodologia di gestione e sviluppo di strategie di marketing legate a questo tipo di approccio.

Mostra/Nascondi contenuto.
eXPeriential marketing 1.1 Verso il marketing dell'esperienza Il marketing tradizionale, inteso come quell'insieme di canoni, concetti e metodologie che sono stati concepiti in questi ultimi trent'anni, è nato e si è sviluppato soprattutto durante l'età industriale. Funzione principale di questo approccio era ed è quella di descrivere il mercato: la natura dei prodotti, il comportamento dei consumatori e la concorrenza (Schmitt, 1999). Gli ambiti principali di applicazione di queste metodologie sono stati lo sviluppo di nuovi prodotti, la progettazione di nuove linee di produzione e di nuovi marchi, la progettazione della comunicazione e lo studio di strategie per rispondere alle mosse dei concorrenti. In questi ultimi anni, però, da quando si è entrati nell'era dell'informazione, si sta assistendo ad una sorta di rivoluzione nel modo di approcciare al mercato. Questo nuovo modo di vedere le cose è causa ed effetto di tre fenomeni che si sono sviluppati, e si stanno tuttora sviluppando, simultaneamente: l'onnipresenza dell'information technology, la supremazia del brand e l'ubiquità della comunicazione (Schmitt, 1999). 1.2 L'onnipresenza dell'information technology “Tutto ciò che può essere digitale, lo sarà”, queste sono le parole attraverso le quali vede il futuro Razorfish, una azienda nata nel 1995 e che si dedica allo sviluppo di strategie di comunicazione digitale, e che sono diventate il manifesto di molti futuristi. In questi ultimi i anni progressi tecnologici hanno avuto una portata inimmaginabile solo pochi anni prima: si pensi solo alla velocità dei microprocessori, passata nell'arco di un decennio dai 33 Mhz dei primi Pentium ai 2,44 Ghz di oggi, oppure alla capacità dei dispositivi di storaggio delle informazioni. I progressi in ambito tecnologico non sono la sola innovazione che ha portato l’information technology. Nel futuro, ma già oggi, i media si integreranno tra loro e internet diventerà un catalizzatore di molte - 3 -

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Ruffini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8646 click dal 11/10/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.