Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione del comportamento all'impatto di un componente aeronautico realizzato in materiale composito

Il lavoro di tesi è frutto dell'attività svolta presso il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA) sito a Capua (CE). Oggetto dello studio è la risposta all'impatto del pannello di copertura della deriva verticale dell'aeromobile P180. In particolare sono riportate la procedura di fabbricazione dei provini (resin infusion) e le modalità di svolgimento delle prove Drop-Weight con i relativi risultati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 6 Introduzione Il comportamento all’impatto di un materiale è legato alla capacità di assorbire e dissipare energia. Nelle applicazioni strutturali, tale sollecitazione può derivare da eventi che vanno dalla caduta accidentale di utensili manuali fino alle collisioni ad alta velocità; in queste condizioni la risposta della struttura spazia dal danno localizzato alla disintegrazione totale. I dati derivanti dalle prove meccaniche statiche non possono essere in genere impiegati nella progettazione di componenti a rischio impatto, soprattutto se questi sono costituiti da materiali che presentano comportamento dipendente dalla velocità di deformazione. Le modalità di frattura in condizioni di sollecitazioni dinamiche, inoltre, possono essere di molto differenti rispetto a quelle osservate nei test statici. Le norme internazionali che riportano metodi di prova all’impatto sui materiali sono varie; esse, tuttavia, non forniscono parametri caratteristici da utilizzare per scopi progettuali. Le specifiche consentono per lo più di comparare le modalità di rottura e la capacità di assorbire energia di materiali differenti testati in condizioni identiche. * * * * Il presente elaborato di Laurea è stato realizzato a seguito dell’attività svolta presso il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA) sito a Capua (CE), ed in particolare, presso i laboratori del gruppo TEMA (TEcnologie e Materiali Avanzati). Il lavoro si colloca nell’ambito del progetto VITAS (Vettore Innovativo per il Trasporto Aereo Sostenibile), avviato da Piaggio Aeroindustries al fine di valutare, con il supporto tecnico del CIRA, la possibilità di installare parti realizzate in composito sull’aeromobile P180 (Figura 1), con lo scopo di ridurne il peso totale.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Massimo Lanna Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1212 click dal 01/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.