Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti etici, deontologici e medico legali in tema di recenti norme sulla Procreazione Medicalmente Assistita

La legge n. 40 del 19.02.2004 ha dettato una disciplina uniforme, la prima in Italia, sulle tecniche di procreazione medicalmente assistita.
Com’era pensabile, la suddetta normativa, peraltro abbastanza stringata in quanto contenuta in appena 18 articoli, ha scatenato diverse polemiche prevedibili, toccando argomenti che riguardano da vicino la sfera dei valori di ciascun individuo, innestandosi su posizioni e-tiche, oltre che medico legali.
Si è parlato di ‘manifesto dello Stato etico’, ravvisandosi nella leg-ge un’unica morale che detta le regole, relegando l’accesso alle tecniche in questione solo ad alcuni soggetti, rendendo tale accesso difficile penoso e pericoloso per la salute.
Al di là delle valutazioni strettamente soggettive, un dato è indubbio: tale legge struttura la procreazione assistita in modo essenzialmente terapeutico, rendendola una tecnica per ovviare a determinate patologie dei soggetti che vi ricorrono.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La legge n. 40 del 19.02.2004 ha dettato una disciplina uniforme, la prima in Italia, sulle tecniche di procreazione medicalmente assistita. Com’era pensabile, la suddetta normativa, peraltro abbastanza stringata in quanto contenuta in appena 18 articoli, ha scatenato diver- se polemiche prevedibili, toccando argomenti che riguardano da vici- no la sfera dei valori di ciascun individuo, innestandosi su posizioni e- tiche, oltre che medico legali. Si è parlato di ‘manifesto dello Stato etico’ 1 , ravvisandosi nella leg- ge un’unica morale che detta le regole, relegando l’accesso alle tecni- che in questione solo ad alcuni soggetti, rendendo tale accesso difficile penoso e pericoloso per la salute. Al di là delle valutazioni strettamente soggettive, un dato è indub- bio: tale legge struttura la procreazione assistita in modo essenzialmen- te terapeutico, rendendola una tecnica per ovviare a determinate pato- logie dei soggetti che vi ricorrono. Nello scorrere gli articoli di cui è composta la legge, balzano subito agli occhi due elementi essenziali che permeano la disciplina legislativa: l’embrione diventa soggetto di diritto, come si evince implicitamente 1 Così BIANCA LA MONICA, Regole e corpi di donne, in AA.VV., Ap- propriazione indebita (Milano 2004) 142.

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Rosario Bisicchia Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5489 click dal 20/10/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.