Skip to content

Intellectual capital nelle organizzazioni non profit: Literature review

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Gortana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Gina Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Il tema intorno al quale si concentra la seguente tesi è un argomento tutt’oggi considerato parzialmente incompleto. La letteratura, infatti, ha approfondito solo recentemente il tema dell'Intellectual Capital (IC) nell’ambito delle organizzazioni non profit (ONP). Questa categoria, nel territorio italiano, si presenta come un insieme variopinto di piccole-medie organizzazioni che, discostandosi dai canoni di gestione strategica e aziendale tipici delle imprese private, si trova a dover affrontare le stesse sfide e sopravvivere nel mercato con meno risorse, monetarie e non. In via generale, le ONP sono organizzazioni private che perseguono finalità sociali, senza scopi lucrativi, e che basano la propria attività sui contributi di risorse provenienti da figure legate all’organizzazione. Gli apporti di capitale dei soggetti finanziatori e il capitale lavoro offerto dai lavoratori non profit e volontari sono tra le risorse più importanti.
I tratti distintivi che differenziano le ONP, dagli altri enti presenti sul mercato, accentuano la necessità, per queste organizzazioni, di adottare metodi e strumenti di gestione adatti alle dinamiche non profit. Le ONP, paradossalmente, si trovano in una condizione tale per cui le parti interessate (membri, riceventi servizi, ecc.) godano di una conoscenza approfondita della propria attività e siano direttamente coinvolte nella risoluzione dei problemi quotidiani. Queste condizioni rappresentano un'ottima base per valorizzare, nell’ambito delle ONP, il ruolo dell’IC, che appunto si basa su fattori chiave intangibili, tra cui la conoscenza.
L'ispirazione per questa tesi emerge dal riconoscere che il concetto di IC gioca un ruolo fondamentale nella complessità della gestione delle ONP, nonostante sia ancora poco conosciuto.
L’IC è definito, nell’immaginario collettivo, come uno strumento per la misurazione di categorie di risorse, difficilmente valutabili con i metodi di valutazione standard (costo di acquisto/produzione, valore di mercato, ecc.). L’IC è articolato in tre categorie: Capitale Umano (include le risorse legate alle conoscenze e abilità dell’organico); Capitale Relazionale (riconducibile alle relazioni esistenti con soggetti esterni); Capitale Strutturale (comprende le infrastrutture di supporto e la cultura aziendale). Ognuna di esse racchiude una schiera di risorse che permettono l’accesso a un vantaggio competitivo. Tali risorse costituiscono un sistema fortemente integrato, di conseguenza la misurazione dell’IC dovrebbe analizzare, oltre ai singoli sottogruppi, anche i legami che si instaurano tra essi.
Il problema degli intangibles rappresenta una delle principali variabili con la quale un’organizzazione, for profit e non profit, deve approcciarsi, cercando i modi migliori per includere il valore di questi asset nel bilancio d’impresa. Il dilemma riguarda principalmente le modalità di misurazione e valutazione di questi fattori, spesso presenti nell’azienda in forma tacita e che neces¬sitano di essere portati allo scoperto. Per fare ciò è necessario che il valore contabile attribuito ad asset immateriali, come la conoscenza, la reputazione e il rapporto fiduciario con la propria clien¬tela, coincida al valore aziendale che, di fatto, è apportato all’organizzazione (fatto che accade raramente).
L’obiettivo della tesi è di identificare e riassumere il concetto dell’IC nelle ONP, presentando un sunto efficace sul tema. La metodologia scelta è quella della literature review, attraverso l’analisi e la rielaborazione di articoli accademici che nell’ultimo decennio hanno toccato l’argomento.
La tesi si sviluppa nella prima parte dell’elaborato tramite una presentazione puntuale e concisa dei due oggetti protagonisti della ricerca; nella seconda parte del testo è presentata la raccolta e la successiva rielaborazione sistematica degli articoli esaminati. L’attività di raccolta e successiva stesura del manoscritto è stata ostacolata dalla scarsità del materiale e dall’eterogeneità delle ricerche condotte, diverse sia per metodo sia per focus dello studio. Tuttavia tali premesse hanno consentito di visualizzare l’IC nel contesto ONP attraverso le varie configurazioni e gli approcci proposti dagli autori, ampliando la visione generale dello scritto. Nel complesso, i ricercatori hanno definito l’IC come un concetto utile per migliorare l'efficacia delle ONP e auspicano a una diffusione dello studio su un territorio più ampio in futuro (Kong e Thomson, 2006).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Intr oduz i one Il te ma intorno a l qua le si c onc e ntra la se gue nte te si è un a rgome nto tutt’oggi c onside ra to pa rz ia lme nte inc omple to. L a le tte ra tura , infa tti, ha a pprofondito solo re c e nte me nte il te ma de ll'Inte lle c tua l C a pita l (IC ) ne ll’a mbito de lle orga niz z a z ioni non profit (ONP). Que sta c a te goria , ne l te rritorio ita lia no, si pre se nta c ome un insie me va riopinto di pic c ole -me die orga niz z a z ioni c he , disc osta ndosi da i c a noni di ge stione stra te gic a e a z ie nda le tipic i de lle impre se priva te , si trova a dove r a ffronta re le ste sse sfide e sopra vvive re ne l me rc a to c on me no risorse , mone ta rie e non. In via ge ne ra le , le ONP sono orga niz z a z ioni priva te c he pe rse guono fina lità soc ia li, se nz a sc opi luc ra tivi, e c he ba sa no la propria a ttività sui c ontributi di risorse prove nie nti da figure le ga te a ll’orga niz z a z ione . Gli a pporti di c a pita le de i sogge tti fina nz ia tori e il c a pita le la voro offe rto da i la vora tori non profit e volonta ri sono tra le risorse più importa nti. I tra tti distintivi c he diffe re nz ia no le ONP, da gli a ltri e nti pre se nti sul me rc a to, a c c e ntua no la ne c e ssità , pe r que ste orga niz z a z ioni, di a dotta re me todi e strume nti di ge stione a da tti a lle dina mic he non profit. L e ONP, pa ra dossa lme nte , si trova no in una c ondiz ione ta le pe r c ui le pa rti inte re ssa te (me mbri, ric e ve nti se rviz i, e c c .) goda no di una c onosc e nz a a pprofondita de lla propria a ttività e sia no dire tta me nte c oinvolte ne lla risoluz ione de i proble mi quotidia ni. Que ste c ondiz ioni ra ppre se nta no un'ottima ba se pe r va loriz z a re , ne ll’a mbito de lle ONP, il ruolo de ll’IC , c he a ppunto si ba sa su fa ttori c hia ve inta ngibili, tra c ui la c onosc e nz a . L 'ispira z ione pe r que sta te si e me rge da l ric onosc e re c he il c onc e tto di IC gioc a un ruolo fonda me nta le ne lla c omple ssità de lla ge stione de lle ONP, nonosta nte sia a nc ora poc o c onosc iuto. L ’IC è de finito, ne ll’imma gina rio c olle ttivo, c ome uno strume nto pe r la misura z ione di c a te gorie di risorse , diffic ilme nte va luta bili c on i me todi di va luta z ione sta nda rd (c osto di a c quisto/produz ione , va lore di me rc a to, e c c .). L ’IC è a rtic ola to in tre c a te gorie : C a pita le Uma no (inc lude le risorse le ga te a lle c onosc e nz e e a bilità de ll’orga nic o); C a pita le R e la z iona le (ric onduc ibile a lle re la z ioni e siste nti c on sogge tti e ste rni); C a pita le Struttura le (c ompre nde le infra strutture di supporto e la c ultura a z ie nda le ). Ognuna di e sse ra c c hiude una sc hie ra di risorse c he pe rme ttono l’a c c e sso a un va nta ggio c ompe titivo. T a li risorse c ostituisc ono un siste ma forte me nte inte gra to, di c onse gue nz a la misura z ione de ll’IC dovre bbe a na liz z a re , oltre a i singoli sottogruppi, a nc he i le ga mi c he si insta ura no tra e ssi. Il proble ma de gli intangible s ra ppre se nta una de lle princ ipa li va ria bili c on la qua le un’orga niz z a z ione , for profit e non profit, de ve a pproc c ia rsi, c e rc a ndo i modi migliori pe r

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terzo settore
capitale umano
intangibili
organizzazioni non profit
intellectual capital
capitale relazionale
capitale strutturale
literature review

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi