Skip to content

Linked Open Data per il Cultural Heritage italiano: conversione e pubblicazione nel Semantic Web del Fondo antico del Comune di Novi Ligure

Informazioni tesi

  Autore: Diletta Goglia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Informatica Umanistica
  Corso: Lettere
  Relatore: Andrea Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un enorme e rapido aumento non solo della quantità ma anche della varietà di risorse disponibili online (testi, suoni, immagini, video, 3D, ecc...).
È nata perciò la necessità di descrivere questi dati in maniera appropriata per permettere agli utenti di trovarli sul web e accedervi ( search and retrieval ), renderli disponibili a istituzioni e organizzazioni per creare servizi e permettere anche a fruitori non umani di “consumarli” (es. motori di ricerca, applicazioni, ecc...) Specialmente in virtù di questo apporto sempre più decisivo delle tecnologie digitali, le istituzioni culturali hanno avvertito fortemente la necessità di estendere l’accesso al proprio patrimonio, aprendo l’orizzonte conoscitivo attraverso il confronto e la collaborazione con altre realtà.
Gli scenari per lo sviluppo e la trasmissione della conoscenza, nonché per un nuovo ripensamento del concetto stesso di conoscenza, trovano condizioni ideali in “ambienti” come il web semantico.
Per queste ragioni, archivi e musei oggi si preoccupano di convertire l’informazione in dati aperti e soprattutto collegati , superando l’approccio limitante e ormai obsoleto dei “silos di informazione”.
I dati infatti acquistano valore quando sono interconnessi con altri dati, e questo arricchimento è possibile grazie all’applicazione dei principi e delle tecnologie Linked Open Data (LOD) .
Far uscire fuori i dati locali e renderli aperti e universalmente accessibili significa offrire opportunità di visibilità anche a dataset di piccola dimensione o che fanno riferimento ad una località geografica circoscritta.
Inoltre l’integrazione dei dati con quelli di altre istituzioni non solo aumenta il loro potenziale informativo ma li rende più completi e riusabili in contesti anche molto diversi da quelli d’origine.
La mission delle istituzioni culturali oggi è quindi quella di trattare e comunicare le informazioni sui beni culturali partecipando alla costruzione del web semantico e alla divulgazione della conoscenza del Cultural Heritage.
Tutti i principi che costituiscono il paradigma dei Linked Data , applicati nel mondo del Cultural Heritage, ne consentono una comunicazione efficace, arricchita e di ampio raggio, raggiungibile anche dai nuovi fruitori di informazione: le macchine.
In quest’ottica l'obiettivo del progetto consiste nella creazione di un dataset Linked Open Data relativo alla descrizione di beni artistici e culturali.
Lo scopo finale è quello di pubblicare tali dati all'interno della rete LOD Cloud , rendendoli disponibili all'utilizzo da parte anche delle macchine: l’opportunità offerta da questo nuovo metodo di pubblicare dati sul web, è l’esempio una radicale trasformazione del rapporto tra utente (umano e non) e universo dei beni culturali.
Il progetto vuole perciò presentarsi come esempio, in scala, della rivoluzione copernicana dei Linked Open Data nel mondo dei beni culturali.
● Il Capitolo 1 passa in rassegna il vasto mondo dei Linked Open Data e del web semantico, illustrandone i principi, l’evoluzione nel tempo e approfondendo i concetti di RDF, ontologie, vocabolari.
● Il Capitolo 2 scende nel dettaglio del mondo dei beni culturali, e in particolar modo dell’approccio Linked Open Data applicato all'interno di questo mondo, evidenziando i vantaggi che vi può apportare.
Viene fatta una panoramica generale degli standard di metadati internazionali e nazionali, con particolare attenzione ad alcuni standard d’interesse utilizzati in Italia per i beni culturali.
● Il Capitolo 3 descrive lo stato dell’arte degli Open Data e dei Linked Data in Italia per trarne qualche informazione quantitativa in modo da valutare l’adozione di tali approcci.
Inoltre passa in rassegna alcuni lavori simili al progetto svolto.
● Il Capitolo 4 presenta una panoramica generale del Linked Open Data Project e della sua evoluzione nel tempo.
Illustra inoltre alcuni modelli e approcci alla pubblicazione di dati LOD presenti in letteratura, e si sofferma sulla descrizione del portale Mèmora, la fonte dei dati del progetto.
● Il Capitolo 5 descrive nel dettaglio tutte le fasi del lavoro di conversione e pubblicazione dei dati del Fondo antico di Novi Ligure in Linked Open Data .
● Il Capitolo 6, infine, presenta una breve valutazione del lavoro svolto ed espone i possibili sviluppi futuri e le considerazioni conclusive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un enorme e rapido aumento non solo della quantità ma anche della varietà di risorse disponibili online (testi, suoni, immagini, video, 3D, ecc...). È nata perciò la necessità di descrivere questi dati in maniera appropriata per permettere agli utenti di trovarli sul web e accedervi ( ​search and retrieval ​), renderli disponibili a istituzioni e organizzazioni per creare servizi e permettere anche a fruitori non umani di “consumarli” (es. motori di ricerca, applicazioni, ecc...) Specialmente in virtù di questo apporto sempre più decisivo delle tecnologie digitali, le istituzioni culturali hanno avvertito fortemente la necessità di estendere l’accesso al proprio patrimonio, aprendo l’orizzonte conoscitivo attraverso il confronto e la collaborazione con altre realtà. Gli scenari per lo sviluppo e la trasmissione della conoscenza, nonché per un nuovo ripensamento del concetto stesso di conoscenza, trovano condizioni ideali in “ambienti” come il web semantico. Per queste ragioni, archivi e musei oggi si preoccupano di convertire l’informazione in dati ​aperti ​e soprattutto ​collegati ​, superando l’approccio limitante e ormai obsoleto dei “silos di informazione”. I dati infatti acquistano valore quando sono interconnessi con altri dati, e questo arricchimento è possibile grazie all’applicazione dei principi e delle tecnologie ​Linked Open Data ​ (LOD) ​. Far uscire fuori i dati locali e renderli aperti e universalmente accessibili significa offrire opportunità di visibilità anche a dataset di piccola dimensione o che fanno riferimento ad una località geografica circoscritta. Inoltre l’integrazione dei dati con quelli di altre istituzioni non solo aumenta il loro potenziale informativo ma li rende più completi e riusabili in contesti anche molto diversi da quelli d’origine. La ​mission ​delle istituzioni culturali oggi è quindi quella di trattare e comunicare le informazioni sui beni culturali partecipando alla costruzione del web semantico e alla divulgazione della conoscenza del ​Cultural Heritage ​. 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

patrimonio culturale
cultural heritage
archivio digitale
linked open data
open data
linked data
digital humanities
novi ligure
beni culturali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi