Skip to content

L’uso della metafora visiva e della lingua inglese in pubblicità: uno studio eye-tracking