Skip to content

La Badante risorsa attiva a supporto dell'infermiere nell'assistenza domiciliare

Il care giver e le caratteristiche dell’assistente familiare

La letteratura medica anglosassone, definendo con il termine care giver “colui che presta le cure” distingue il “care giver informale”, rappresentato dal figlio, il coniuge, o più raramente un altro familiare o un amico della persona assistita e il “care giver formale”, che comprende invece coloro aventi delle responsabilità di tipo istituzionale come medici, infermieri, fisioterapisti, OSS ecc…
Tuttavia i care givers informali non costituiscono una classe omogenea, anche se sono rilevabili alcune loro caratteristiche comuni.
Tra loro vi è, senza dubbio, una netta prevalenza femminile e si tratta per lo più di persone in età attiva (lo sono due care givers su tre); il 50% è pensionato, il 36% è lavoratore ed il restante 14% è costituito da casalinghe; nella gran parte dei casi i care givers convivono con il loro familiare malato dedicando in media sette ore al giorno alla cura diretta del paziente e quasi undici alla sua sorveglianza.
L’assistenza alle persone non autosufficienti si configura, in ogni caso, come un’attività che interferisce in maniera consistente con lo svolgimento di altri ruoli professionali, familiari e genitoriali, con tutte le conseguenze che ciò può comportare.
Uno studio approfondito “sul campo” effettuato in sei paesi: Germania, Grecia, Italia, Polonia, Regno Unito e Svezia, in ciascuno dei quali sono stati intervistati 1.000 familiari di anziani con età oltre i 65 anni disabili, residenti in comuni metropolitani, urbani e rurali di diverse regioni, è emerso che esistono caratteristiche comuni nel care giver, e, inoltre, tale studio è in grado di fornire un quadro molto rappresentativo anche della situazione nazionale.
Dai questionari sottoposti alle famiglie risulta che l'età media dei care givers è 57 anni di cui il 59% donne ed il 41% sono uomini, e il 68% di loro sono sposati o conviventi e il legame di parentela che li lega all’assistito è per il 70% figlio e per il 30% fratello o sorella.
La maggior parte di essi si occupa dell’assistenza senza utilizzare nessun servizio di sostegno; tuttavia in Svezia e Regno Unito e Germania, i servizi di supporto “specifici” (supporto psicologico, formazione ai care givers) sono più disponibili mentre in Italia i care givers possono usufruire solo di servizi "generici“, almeno sino ad oggi, non ancora ben definiti.
Molti care givers sostengono economicamente l’intera spesa sanitaria per il proprio assistito.
Il 50% ha età inferiore ai 65 anni e sono pensionati, il 36% lavora a tempo pieno, come impiegati e liberi professionisti, mentre il 14% ha rinunciato al proprio lavoro o svolge attività di casalinga, più della metà dichiarano di avere notevoli problemi economici.
Risulta perciò evidente, il notevole coinvolgimento della famiglia nella cura, assistenza, tutela e sostegno psicologico del proprio congiunto.
Dunque, se da un lato la famiglia svolge una funzione protettiva dell’anziano malato, dall’altro è presumibilmente portatrice di una forte domanda di tutela e di aiuto.
Il care giver, nella maggioranza dei casi inesperto, si trova a svolgere all’improvviso un ruolo che, spesso, sente inadeguato a sostenere, come testimonia la grande distanza in molti casi percepita tra quantità delle richieste e necessità del malato, da un lato, e bisogni personali e risorse disponibili da parte del care giver, dall’altro.
L’attività di sostegno e cura a familiari anziani fragili, se non adeguatamente appoggiata, infatti, può provocare un peggioramento significativo della qualità della vita del care-giver principalmente coinvolto, che rischia di sperimentare elevati livelli di tensione emotiva e psicologica, fino a diventare, a sua volta, una seconda vittima delle patologie invalidanti che colpiscono l’anziano.
La scelta per la famiglia che si profila all’orizzonte è quella di allontanare da casa il proprio congiunto e l’inserimento in struttura, o l’alternativa a questa drammatica soluzione è ricorrere al contributo di aiutanti familiari immigrate, prestatori d’opera a pagamento : le cosiddette “badanti”.
L’alternativa della badante solleva la famiglia da un onere considerevole, esse infatti coprendo un arco di tempo molto esteso della giornata, si sostituiscono in molti casi interamente ad essa svolgendo un lavoro che richiede flessibilità e continua disponibilità.
L’opzione della badante quindi, consente di non sradicare il proprio parente dall’ambiente in cui ha sempre vissuto, e non esistono alternative in termini di continuità di assistenza, disponibilità e costi, che possano essere equiparate a queste lavoratrici.
Di qui l’unicità di questa figura nel panorama assistenziale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Badante risorsa attiva a supporto dell'infermiere nell'assistenza domiciliare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marella Genta
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Medicina Veterinaria
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Annamaria Delpiano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chronic care model
selfcare
badante
caregiver

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi