Skip to content

L'apprendistato nella legislazione nazionale e regionale

Apprendistato professionalizzante

Nell’ambito della riforma operata dal d. lgs. n.

276/2003, l’apprendistato professionalizzante risulta la tipologia che più somiglia all’istituto precedente.
Infatti è l’unica delle tre tipologie non finalizzata all’acquisizione di un titolo di studio certificabile, ma alla “qualificazione” del lavoratore, da perseguire attraverso “una formazione sul lavoro e l’acquisizione di competenze di base, trasversali e tecnico professionali”. Il passaggio dalla “qualifica”, che era la finalità individuata dalla prima legge quadro sull’apprendistato (legge n. 25/1955), alla più generica “qualificazione” tiene conto della nuova dimensione dello strumento, che è sempre più rivolto ai giovani che hanno acquisito un titolo secondario o anche una qualifica professionale, i quali usufruiscono dello strumento per sviluppare quelle competenze utili a entrare nel mercato del lavoro.
L’apprendistato “professionalizzante’’ è destinato a divenire, nel sistema immaginato dal legislatore delegato, il principale contratto formativo.
Esso raccoglie l’eredità lasciata dal “vecchio” apprendistato e dal CFL di tipo ‘’A’’ ed è finalizzato al conseguimento di una “qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e all’acquisizione di competenze di base, trasversali e tecnico professionali“.
Questa tipologia di apprendistato non si interseca con i percorsi di istruzione e formazione, ma si colloca al termine di essi con lo scopo di sviluppare le competenze dell’individuo attraverso una formazione sul lavoro nell’ottica dell’acquisizione di una professionalità specifica e connessa ad un determinato ambito lavorativo.
La formazione che lo caratterizza mira, dunque, a trasferire le cognizioni teoriche e pratiche che caratterizzano una determinata figura professionale. La determinazione di quest’ultima, diversamente da quanto avviene per la definizione delle qualifiche, non è di competenza del legislatore nazionale e regionale, mentre trova la sua sede naturale nella contrattazione collettiva.
Possono accedere a questo tipo di apprendistato i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni. Viene quindi dato per presupposto l’adempimento dell’obbligo formativo. Il limite di età può tuttavia abbassarsi per quei giovani che siano in possesso di una qualifica professionale prima del compimento del diciottesimo anno d’età: in tal caso la conclusione del contratto di apprendistato è consentita anche ai soggetti diciassettenni.
La durata del periodo di apprendistato professionalizzante viene fissata dai contratti collettivi stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentativi sul piano nazionale o regionale. Essa deve essere determinata tenendo conto del tipo di qualificazione che il giovane deve conseguire, ma in ogni caso, dovrà collocarsi tra un minimo di due e un massimo di sei anni. Se il termine minimo di durata biennale trova giustificazione nell’esigenza che al giovane sia impartita una formazione effettiva (che postula trascorrere di un certo periodo di tempo), non altrettanto giustificata è la fissazione del termine di durata massima in sei anni: per il conseguimento di una qualificazione, sei anni sembrano un periodo troppo ampio, soprattutto se si considera che, in tale periodo, è ammessa la possibilità di sottoinquadramento del giovane lavoratore. Non è possibile parlare di durata minima garantita o, di diritto a svolgere il programma negoziale per l’intero periodo convenuto, infatti un simile garanzia viene meno per la possibilità per ambo le parti di recedere durante l’apprendistato secondo il regime ordinario dei contratti a tempo indeterminato (al ricorrere di una giusta causa o di un giustificato motivo).

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'apprendistato nella legislazione nazionale e regionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Giuseppe Dellaquila
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gaetano  Veneto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apprendistato
crediti formativi
formazione
libretto formativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi