Skip to content

Le nuove politiche europee sul diritto d'asilo. "La protezione dei rifugiati e dei richiedenti asilo nello spazio comune europeo di libertà, sicurezza e giustizia"

Il riconoscimento dello status di rifugiato

Ai richiedenti asilo riconosciuti come rifugiati ai sensi della Convenzione di Ginevra, oltre ad essere concesso asilo permanente, viene loro riconosciuto lo status di rifugiato, comprensivo di una serie di diritti, ma anche di doveri, collegati a tale condizione.
La Convenzione, infatti, stabilisce che ciascun rifugiato ha obblighi nei confronti del Paese in cui riceve protezione (Paese di rifugio): i rifugiati, dunque, si devono conformare alle leggi nazionali ed alle misure messe in atto dalle autorità per mantenere l'ordine pubblico.
La Convenzione di Ginevra prevede, innanzitutto, che lo status personale del rifugiato sia determinato "in base alla legge del suo Paese di domicilio o, in mancanza di un domicilio, dalla legge del Paese di residenza" (art.

12, par. 1): viene lasciata, quindi, ai Governi dei Paesi membri il compito di stabilire, con o senza la partecipazione dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, le procedure ritenute più opportune.
Per porre rimedio all'estrema genericità di tale disposizione, che comporta l'adozione di procedure differenti tra Stato e Stato, il Comitato Esecutivo (EXCOM) del Programma dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha adottato nel 1977 una Conclusione (n. 8 / XXVIII) indicante una serie di condizioni e requisiti da osservare per garantire un esame appropriato delle domande di asilo ed assicurare un minimo di decisioni uniformi in materia di eleggibilità (ad es. è stabilito che "il funzionario competente, al quale il richiedente si rivolge alla frontiera oppure all'interno del territorio di uno Stato contraente, dovrebbe essere tenuto a conformarsi al principio del non-respingimento e a riferire tali casi ad un'istanza superiore; che un servizio ben identificato – possibilmente un unico servizio centrale – dovrebbe essere incaricato di esaminare le domande di status di rifugiato e prendere una decisione in prima istanza").
Per quanto riguarda, invece, "i diritti precedentemente acquisiti dal rifugiato e derivanti dal suo statuto personale, in particolare quelli dipendenti dal matrimonio", è stabilito che questi "saranno rispettati da tutti gli Stati contraenti, con riserva, se è il caso, dell'adempimento delle formalità previste dalla legislazione di ciascuno Stato; tuttavia, deve trattarsi di un diritto che detto Stato avrebbe riconosciuto quand'anche l'interessato non fosse divenuto un rifugiato" (art. 12, par. 2).
La Convenzione, poi, riconosce una serie di diritti essenziali ai rifugiati sulla base di tre criteri fondamentali: il criterio del trattamento nazionale, in base al quale gli Stati contraenti garantiranno ai rifugiati che risiedono abitualmente sul loro territorio, lo stesso trattamento riservato a qualunque cittadino di quello Stato; il criterio del trattamento della nazione più favorita, in applicazione del quale sarà accordato ai rifugiati un trattamento più favorevole rispetto a quello riservato ai cittadini di un Paese straniero e, infine, il criterio del trattamento non meno favorevole di quello riservato agli stranieri in generale. L'analisi dei singoli diritti verrà effettuata al paragrafo 5.
Pur mancando uno specifico obbligo per gli Stati di ammettere i rifugiati nel proprio territorio, la Convenzione ha indirettamente affrontato la questione relativa al loro ingresso, vietando agli Stati contraenti di adottare misure e sanzioni penali nei confronti di individui che penetrano o soggiornano irregolarmente nel territorio, di rifugiati che arrivano direttamente dal Paese dove sussiste la possibilità che la loro vita o la loro libertà siano in pericolo, purché si presentino alle autorità nazionali dando conto dei motivi della loro entrata o permanenza irregolare (art. 31, par. 1). In tal modo, la Convenzione ha cercato di salvaguardare quegli individui che, pur trovandosi nelle condizioni di poter usufruire della tutela riconosciuta ai rifugiati, siano entrati illegalmente nel territorio dello Stato, consentendogli di rimanere temporaneamente su tale territorio e permettendo allo Stato territoriale di valutare successivamente la sussistenza delle condizioni per la concessione dell'asilo.
È bene chiarire, inoltre, che la protezione offerta dalla Convenzione ai rifugiati non si configura come un vero e proprio asilo. Al contrario, essa individua una serie di limiti all'espulsione del rifugiato: in particolare, è previsto che "gli Stati contraenti possono espellere un rifugiato che risiede regolarmente sul loro territorio soltanto per motivi di sicurezza nazionale o di ordine pubblico" (art. 32, par. 1).

In caso di espulsione, che può essere eseguita soltanto in base ad un provvedimento preso in conformità alla procedura prevista dalla legge, "il rifugiato deve, se motivi impellenti di sicurezza nazionale non vi si oppongano, essere ammesso a giustificarsi, a presentare ricorso e a farsi rappresentare a questo scopo davanti a un'autorità competente o davanti a una o più persone specialmente designate dall'autorità competente" (art. 32, par. 2), e "gli Stati contraenti assegnano a detto rifugiato un termine adeguato, che gli permetta di farsi ammettere regolarmente in un altro Paese" (art. 32, par. 3).
Per quando riguarda la tutela dei diritti in essa sanciti, la Convenzione di Ginevra si differenzia dagli strumenti normativi internazionali per la tutela dei diritti umani, mancando un meccanismo di garanzia dei diritti particolarmente sofisticato: essa, infatti, non istituisce alcun organo (politico o giurisdizionale) che sia incaricato di accogliere le richieste di ricorso da parte di uno Stato contraente o anche di un singolo qualora si ritenga sia stata commessa una violazione delle norme contenute nella Convenzione; piuttosto obbliga gli Stati contraenti "a cooperare con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, od ogni altro istituto delle Nazioni Unite che gli succeda, nell'esercizio delle sue funzioni ed in particolare a facilitare il suo compito di sorveglianza sull'applicazione delle disposizioni di questa Convenzione" (art. 35, par. 1).
Ciascuno Stato è, inoltre, obbligato a presentare dei rapporti agli organi competenti delle Nazioni Unite al fine di fornire le informazioni e i dati statistici relativi: allo status dei rifugiati; alla applicazione della Convenzione e alle leggi, regolamenti e decreti che sono o entreranno in vigore per quanto concerne i rifugiati (art. 35, par. 2).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le nuove politiche europee sul diritto d'asilo. "La protezione dei rifugiati e dei richiedenti asilo nello spazio comune europeo di libertà, sicurezza e giustizia"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Bellofiore
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Nicoletta Parisi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
trattato di lisbona
respingimenti
unhcr
richiedenti asilo
diritti umani
protezione umanitaria
libia
rifugio
protezione sussidiaria
persecuzione
protezione internazionale
rifugiati
migrazioni
asilo
convenzione di ginevra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi