I punti essenziali dell’ attuale normativa europea sugli Ogm

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Micaela Pepe Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 768 click dal 30/11/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento:

Questo articolo è estratto dal documento:

La disciplina giuridica degli Organismi Geneticamente Modificati: tra diritto dell'Unione Europea e diritto interno di Micaela Pepe

Secondo la direttiva 2001/18/Cee, e le sue successive modificazioni, i punti essenziali sull'emissione deliberata nell'ambiente di organismi geneticamente modificati, con specifico riferimento ai generi alimentari e agli alimenti per animali derivati da OGM. Sembrerebbero i seguenti:

- Rintracciabilità

Per rintracciabilità si intende la possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento, di un mangime, di un animale destinato alla produzione alimentare o di una sostanza destinata o atta ad entrare a far parte di un alimento o di un mangime attraverso tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione".
Lo scopo è quello di far sì che tutto ciò che entra nella catena alimentare (mangimi, animali vivi destinati al consumo umano, alimenti, ingredienti, additivi, etc.) conservi traccia della propria storia, seguendone il percorso che va dalle materie prime fino alla erogazione al consumatore finale.
La rintracciabilità consiste nell'utilizzare le "impronte", ovvero la documentazione raccolta dai vari operatori coinvolti nel processo di produzione, per isolare un lotto produttivo in caso di emergenza, e consentire al produttore e agli organi di controllo che hanno il dovere di vigilare sulla sicurezza alimentare del cittadino, di gestire e controllare eventuali situazioni di pericolo attraverso la conoscenza dei vari processi produttivi (flussi delle materie prime: documentazione di origine e di destinazione, etc.).

Gli OGM importati o prodotti devono essere identificati con un codice che permetta di conoscere con precisione il tipo di modifica genetica subita.
Attraverso la creazione di un codice unico esiste la possibilità, in qualunque fase, di verificare chi ha importato il prodotto geneticamente modificato e da dove esso proviene. La finalità della rintracciabilità è quella di consentire il ritiro immediato, rapido e integrale di tali prodotti geneticamente modificati, qualora essi si rivelassero nocivi o pericolosi per la salute umana.

- Etichettatura

L 'etichettatura dei prodotti alimentari mira a garantire che i consumatori dispongano di informazioni complete sul contenuto e sulla composizione dei prodotti, allo scopo di tutelarne la salute e gli interessi. Altre informazioni possono riguardare una qualità particolare del prodotto, come l'origine o il metodo di produzione. Alcuni prodotti alimentari, come gli organismi geneticamente modificati, i prodotti alimentari allergeni, i prodotti alimentari destinati ai lattanti o varie bevande sono più soggetti di altri a regolamentazioni specifiche.
Anche l'etichettatura di determinati prodotti non alimentari deve contenere informazioni particolari, al fine di garantirne la sicurezza di utilizzo e di permettere al consumatore di operare una vera scelta. Inoltre gli imballaggi dei prodotti alimentari devono rispettare determinati criteri di fabbricazione per evitare che i prodotti stessi subiscano contaminazioni.

Devono essere etichettati tutti i cibi e i mangimi in cui la presenza di materiale geneticamente modificato autorizzato è superiore allo 0,9%. Invece sullo 0,5% è stato attestato il limite di tolleranza per la presenza di OGM. non autorizzati, purché si tratti di OGM. comunque già valutati come non pericolosi.

- Procedura di autorizzazione

Per autorizzare la commercializzazione di cibi e mangimi transgenici è prevista una procedura con un ruolo centrale svolto dalla nuova Agenzia europea per la sicurezza alimentare.
Quando si tratta di sementi o piante per alimenti, destinate alla coltivazione, è obbligatorio richiedere una valutazione di rischio ambientale all' autorità competente di uno Stato membro.
Ovviamente per l'autorizzazione è necessario conoscere tutte le informazioni possibili sull'OGM da autorizzare, compresa una serie completa di studi per verificare la sicurezza sulla salute e sull'ambiente dell'OGM. in questione. L'autorizzazione è limitata a un periodo di 10 anni.

- OGM. in moratoria

Per questi OGM non ancora autorizzati, c'è una soglia di tolleranza dello 0,5%. Se la soglia viene superata la conseguenza è il ritiro immediato dal mercato.