Skip to content

Infrasottile: catturare il cambiamento

Il readymade e l’infrasottile

Risale al 1913 il primo readymade, che è Ruota di bicicletta. L’opera, secondo le parole di Marcel, non è nata come opera, ma come semplice distrazione e diversivo all’interno del suo studio. Il concetto di readymade apre innumerevoli interrogativi per l’arte e tocca profondamente anche l’idea di infrasottile:
"La mia idea era quella di trovare, di scegliere un oggetto che non attirasse né per la sua bellezza né per la sua bruttezza… di trovare un punto di indifferenza nel mio sguardo verso di esso…"
L’indifferenza come metodo per evitare il gusto estetico e personale e non ricadere nel retinico che in quel periodo l’aveva tanto esasperato e da cui cercava di fuggire.

L’indifferenza è parte fondamentale nella nascita dell’idea stessa di readymade; ogni spiegazione data da Duchamp è sempre nata a posteriori rispetto al tempo in cui il primo oggetto è stato scelto per diventare readymade. L’idea originaria era infatti quella di creare un semplice diversivo, una specie di “distrazione” nel suo studio, che non lo impegnasse troppo e che gli permettesse di pensare-creare. Per permettere questo, l’indifferenza dev’essere necessaria:
"Naturalmente, potrei dire che esiste un gran numero di oggetti di questo tipo, ma in realtà non ce ne sono così tanti, è molto difficile. Quando si guarda una cosa, basta un attimo perché finisca per diventare interessante. [...] Quando capitava una cosa del genere con un oggetto, io lo scartavo.L’oggetto deve essere così insignificante da permettere allo sguardo-coscienza di scivolare via, e di non soffermarsi catturato da una qualche implicazione di gusto o di piacere."
Quasi casualmente, e senza troppo pensarci, avviene la nascita e la scelta del readymade. E anche per questa necessità di indifferenza Duchamp si impone di limitare il numero degli oggetti di questo tipo a un certo numero e di programmarli come se fossero “appuntamenti”. In questo modo evita di cadere in un sistema altrettanto “masturbatorio” di quello retinico che aveva ripudiato. I suoi oggetti “già fatti” devono essere il meno amabili possibili. Non devono provocare nessun piacere visivo, tant’è che una delle loro caratteristiche originarie era proprio quella di non essere esposti a troppi sguardi. Ruota di bicicletta, Attaccapanni, Pettine erano posti nello studio di Marcel, senza nessuna pretesa di ammirazione. Stavano. E basta. In questo senso, soprattutto, il concetto di infrasottile ritorna in superficie. La differenza (dimensionale) tra 2 oggetti fatti in serie [usciti dallo stesso stampo] è un infrasottile quando il massimo della precisione è ottenuto. Questi oggetti così trattati sono differenti dagli altri oggetti prodotti industrialmente e posseduti da tutti.E non solo. Gli oggetti così “decisi” sono diversi anche da loro stessi prima della decisione. Impossibile dire che Ruota di bicicletta capovolta sullo sgabello nello studio di Duchamp sia uguale alla stessa ruota di bicicletta che probabilmente giaceva sul pavimento. Sono lì, indifferenti al gusto come prima, ma hanno cambiato direzione. In modo del tutto infrasottile. La loro visibilità resta priva di contemplazione anche quando nel 1916 Duchamp li porta alla Exhibition of Modern Art insieme ad alcuni quadri e li pone nell’ingresso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Infrasottile: catturare il cambiamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marzia Rota
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lettere
  Relatore: Elio Grazioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cambiamento
duchamp
arte
scacchi
storia dell'arte
confine
vita
vetro
essere
emozione
divenire
sposa
polvere
infrasottile
sottile
rose selavy
marcel

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi