Skip to content

Per la storia della psichiatria: istituzionalizzazione e dibattito scientifico

Le recensioni di Ferrari nella «Rivista sperimentale di freniatria»

Nelle recensioni di Ferrari sono presenti lavori originali o innovativi di psichiatri italiani contro la sottovalutazione o ignoranza da parte della cultura psichiatrica europea, specie quella tedesca. Il suo intento era quello di comprendere e di far capire il pensiero altrui esprimendo le sue critiche con misura. Solo in pochi casi fa giudizi drastici o stroncatori.


Recensendo La psicologia dei sentimenti di Ribot, manifesta la sua adesione alle tesi dello psicologo francese e sottolinea che egli da un appoggio ad alcune teorie di Schopenhauer. Per quanto riguarda la sua posizione culturale, si può dire che non amava la filosofia, ma ammirava alcuni filosofi come Schopenhauer. Egli da sempre un informazione esatta delle tesi sostenute dai vari autori o dei risultati delle ricerche sperimentali, poi discute ipotesi e risultati con diverse posizioni o ricerche compiute da altri psichiatri o da lui stesso. Il suo atteggiamento di fondo è di stampo “galileiano” per cui la scienza consiste in un equilibrato rapporto fra esperienza e ragione, fra fatti e teorie. Quando sono assenti i fatti si cade in astrattezze, prive di senso, mentre quando manca la teoria si è fuori dalla proposta scientifica. Ferrari sottolinea inoltre il valore che i fatti hanno per se stessi e che essi devono essere collegati adeguatamente fra di loro, per spiegare i fenomeni.
Di fronte alla ricerca di Bechterew, sulle Vie di conduzione del cervello e nel midollo spinale, sottolinea che si tratta di un opera e difatti minuti accettati con una critica non abbastanza rigorosa.
Nel Compendio di Neuropatologia di Möbius critica il fatto che alcuni fatti non sono stati posti in debita luce e l’interpretazione è ancora discussa, ma riesce a dare sempre un chiaro concetto dello svilupparsi ed aggrupparsi dei vari sintomi.
Le prime 70 pagine espongono la neuropatologia in generale, tutto il resto del volume è dedicato allo studio delle malattie nervose speciali suddivise in esogene e endogene.
Nel trattato di neurologia ripubblica su 4 fascicoli, gli articoli originali e le recensioni delle opere altrui che ha avuto occasione di scrivere durante la sua carriera, ordinandole per materia, rispettando l’ordine cronologico, e i caratteri che spiccano di più sono l’euritmia e la nota personale. Ogni articolo si completa
con quello che viene dopo, così che si può seguire, il filo logico dello sviluppo intellettuale dell’autore, ma il miglior legame per tutti questi scritti, commenta Ferrari, è sempre la personalità dell’autore che, si manifesta nelle più piccole cose di cui egli tratta, ed in cui mette sempre la luce della sua mente e il delicatissimo senso della misura che lo distingue.
Vogliamo ricordare la recensione sull’opera Riguardo Shopenhauer, una monografia riguardante la vita del filosofo che Möbius giustifica per le malattie che gli vengono attribuite. Questo tema costituisce la prima parte del libro, la seconda riguarda invece le osservazioni che Möbius fa sulla sua dottrina. Ferrari conclude che è un libro degno di nota, perché è senza preconcetti di scuola e perché insegna come si possa procedere cautamente nella clinica e nell’interpretazione delle produzioni geniali.
Nella recensione del 1901 sulla Matematica. Ispirandosi alla teoria di Lombroso intitolata l’uomo di genio, ha analizzato l’argomento per vedere cosa ci fosse di vero e cosa di erroneo. Formandosi quindi un’idea analoga a quella di Lombroso, secondo cui il genio è legato allo studio delle facoltà, guardando la testa di un suo antenato, la definisce come la “testa del matematico”, e attraverso
lo studio della teoria degli “organi” di Gall, conclude che a questa facoltà
mentale corrisponde un’anomalia fisica: lo sviluppo della parte anteriore della 3° circonvoluzione frontale, quindi vi è una connessione tra particolarità psichica e proprietà fisica visibile. Il volume si chiude con delle critiche che furono mosse a Gall da una parte e la venerazione con cui Möbius parla di lui dall’altra. Ferrari si compiace per il rigido ordine matematico con cui è stato esposto il problema, per l’accuratezza dei dati, e le numerose illustrazioni del volume. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Per la storia della psichiatria: istituzionalizzazione e dibattito scientifico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Nieddu Murru
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Vincenzo Bongiorno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
malattia mentale
ferrari
manicomio
pazzia
psichiatria
ospedale psichiatrico
san lazzaro di reggio emilia
freniatria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi