Skip to content

Opportunità e vincoli per il finanziamento pubblico all'agroindustria in Toscana. Il caso della misura 123a del Piano di Sviluppo Rurale

La disciplina degli aiuti di stato

L’articolo 87 del Trattato CE afferma che “sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza”. La finalità di questa disposizione è evitare che questo sostegno pubblico alteri la “competizione ad armi pari” tra le imprese all’interno del mercato comune (Tesauro, 2005) e conduca alla instaurazione di forme di protezionismo nazionale (Luchena 2006).
L’articolo 87, tuttavia, non dà una chiara definizione di aiuto di stato.

La letteratura in questione è comunque abbastanza ampia. Herrmann riprendendo una sentenza della Corte di Giustizia definisce aiuto di stato “un qualsiasi intervento pubblico che concede un vantaggio economico o finanziario ad alcune imprese o produzioni, distinte dalla generalità delle produzioni o delle imprese dello Stato membro in causa” (Herrmann 1998). Più recentemente Luchena, dopo una lunga digressione sulle caratteristiche che deve assumere un intervento affinché possa essere definito aiuto di stato, lo definisce come “intervento di originaria provenienza pubblica, che si risolve in un vantaggio economico-finanziario “selettivo” i cui effetti sensibili possono minacciare di falsare la concorrenza e gli scambi infra - comunitari” (Luchena 2006).
Da queste nozioni si evince pertanto che un intervento, affinché possa essere inteso come aiuto di stato, debba avere alcuni requisiti:
- origine pubblica, ma non necessariamente statale;
- natura selettiva, nel senso che beneficiano dell’aiuto soltanto determinati operatori o produzioni;
- effetto anticoncorrenziale sensibile.

In genere anche le misure di aiuto per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli sono considerate come suscettibili di alterare in modo rilevante la concorrenza, poiché favoriscono certe imprese (quelle appunto appartenenti a questo settore) e possono incidere anche sugli scambi, dal momento che interessano un’ampia gamma di prodotti (Gatto, Mantino, Martielli 2002).
Esistono tuttavia alcune deroghe al quadro delineato dall’art. 87 del Trattato CE che attenuano in qualche misura il principio di incompatibilità tra l’aiuto di stato ed il mercato comune. Queste deroghe sono incluse nel comma 2 e nel comma 3 dell’articolo. In virtù dell’oggetto del presente lavoro, l’analisi si concentrerà sul comma 3. Questo comma alla lettera c) stabilisce che sono compatibili con il mercato comune quegli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di alcune attività o di alcune regioni, sempre che non siano contrari al comune interesse. E’ in base a questa disposizione, pertanto, che possono essere concesse delle deroghe agli aiuti di stato nel campo degli aiuti agricoli e, nello specifico, di quelli agroindustriali.
La compatibilità di questi aiuti e quindi l’esistenza della deroga è soggetta al giudizio della Commissione Europea, potere che le viene attribuito dall’art. 88 del Trattato CE. Si tratta in particolare di un giudizio realizzato ex-ante, in quanto gli stati membri devono notificare alla Commissione qualsiasi progetto diretto a istituire aiuti prima di procedere alla sua applicazione, ed è la Commissione che decide sulla sua compatibilità, avendo un ampio margine di discrezionalità.
Le condizioni contenute nella lettera c) del comma 3, che stabiliscono se un aiuto di stato possa essere considerato compatibile, sono pertanto due. Prima di tutto l’aiuto deve creare delle condizioni che agevolino lo sviluppo e poi il suo effetto economico non deve essere lesivo dell’interesse comune. La valutazione che compie la Commissione è duplice: da un lato accetta la distorsione, almeno potenziale, della concorrenza, dall’altro “ricomprende l’aiuto nell’alveo del principio di giustificazione compensatoria” (Luchena 2006).
Il quadro giuridico in materia di aiuti di stato al settore agroindustriale è composto, oltre che dalle norme del trattato CE viste sopra, dai regolamenti per le organizzazioni comuni di mercato e dagli orientamenti comunitari per gli aiuti di stato nel settore agricolo e forestale (Comunicazione 2006/C 319/01).
Il trattato, come è stato descritto in precedenza, prevede una incompatibilità degli aiuti di stato con il mercato comune, prevede altresì alcune deroghe contenute nell’art. 87.3.c e dei sistemi di controllo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Opportunità e vincoli per il finanziamento pubblico all'agroindustria in Toscana. Il caso della misura 123a del Piano di Sviluppo Rurale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Morgenni
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Governo e direzione d'impresa
  Relatore: Silvia Scaramuzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 227

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agroalimentare
accesso al credito
finanziamenti pubblici
legge 488/92
asimmetrie informative
regione toscana
agroindustria
misura 123a psr
istituto sviluppo agroalimentare (isa)
piana sviluppo rurale (psr)

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi