Skip to content

Il cantiere navale medievale nel Mediterraneo: un problema archeologico

L’Arsenale della Repubblica di Genova

L’arsenale di Genova rappresenta una realtà del tutto particolare, da molti punti di vista: diversa rispetto a Venezia per la scarsità di strutture medievali conservate, ma anche per un’organizzazione del tutto atipica che non risponde, in generale, alla definizione stessa di arsenale pubblico, almeno per l’epoca medievale.
Gran parte delle strutture dell’arsenale medievale sono state distrutte durante i lavori per le Colombiadi, nel 1992, insieme a parte delle strutture del porto vecchio, (nonostante fosse nota la localizzazione delle strutture medievali, e già una ventina di anni prima, fossero state oggetto di interventi di scavo), le fonti documentarie sono quindi fondamentali per ricostruire la vita del cantiere di stato, anche se, come vedremo, proprio in concomitanza con quei lavori, furono effettuati scavi di emergenza, e parte delle strutture salvate o comunque interamente rilevate.

Prima di cercare di capire il funzionamento dell’arsenale di Genova, è necessario fare due premesse.

La prima è ricordare che a Genova esisteva il nesso porto-arsenale, quindi le strutture erano fisicamente comprese nel porto e separate dalla città dalla cinta difensiva, almeno fino alla costruzione del nuovo Arsenale militare nel golfo di La Spezia, nel 1851. La seconda è che, la comprensione del complesso non è molto agevole, non solo per la perdita di gran parte delle strutture, ma anche per il ruolo, sempre secondario, che l’arsenale riveste nella cantieristica genovese, che ne determina lunghi periodi di gravi incurie.
La fonte più antica sono gli Annali di Caffaro, che menzionano scarii realizzati dal Comune dal 1162 “pro utilitate rei publice”e “pro comodo navium”, la cui localizzazione “a fossato Buccebovis usque ad fossatum Sancti Sepulcri”, corrisponde a denominazioni ancora esistenti nell’area dell’arsenale; Caffaro non utilizza il termine arsenale, né fa riferimento ad attività di costruzione navale, ma la sostanziale continuità della sede fisica porta ad individuare questi scali come i primi dell’arsenale, in realtà è improprio parlare di arsenale, per una struttura non ancora definita, e che assolveva soprattutto a funzioni di riparo e riparazione.

Se infatti la storia dell’arsenale va di pari passo con quella del Porto di Genova, è solo dalla metà del XIII secolo che questo assume un aspetto definito, con i pontili del grano, del vino, della mercanzia, dei pesci, del legno (i cui nomi si riferiscono chiaramente alle merci che vi si scaricano), e con la creazione di una prima magistratura preposta, I Salvatores Portus et Moduli, nel 1281. Da lì in poi due date, fondamentali per Genova, creeranno le premesse per lo sviluppo della città come potenza mercantile, e, di conseguenza, del Porto: il 1261, anno del Trattato del Ninfeo, [...] il 1284, la sconfitta di Pisa alla Meloria, in seguito alla quale Genova è incontrastata potenza Tirrenica.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il cantiere navale medievale nel Mediterraneo: un problema archeologico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Peruzzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Guido Vannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

napoli
venezia
olbia
genova
la spezia
archeologia industriale
pisa
amalfi
ostia
marsiglia
cantieri navali
galee
arsenali
mainz
archeologia navale
archeologia marittima
squeri
archeologia delle acque
repubbliche marinare
calafati
calafataggio
hogendijk
ostenburg
archeologia della produzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi