Skip to content

Sindacati e Partecipazioni statali. Il caso Lanerossi-ENI (1959-1973)

1968: le richieste sindacali alla Lanerossi

Nonostante da parte dei sindacati ci si attendesse un assestamento della situazione riguardante l'utilizzo delle ore di straordinario, visto che il definitivo assetto industriale che si era completato nell'autunno del 1967, con l'inaugurazione ufficiale, in ottobre, dei due nuovi stabilimenti di Schio, l'abuso di questa forma di lavoro continuò anche nei mesi successivi, e si affiancò al disagio di molti lavoratori per le sospensioni dal lavoro e la conseguente perdita di intere settimane di stipendio. La posizione dei sindacati, venne espressa con una lettera indirizzata alla Direzione della Lanerossi, nella quale ci si soffermò anche sull'intervento delle Commissioni interne che si opponevano duramente a questa situazione lavorativa paradossale:
[…] sia la Commissione Interna che le Organizzazioni Sindacali, hanno sempre ribadito che non si possono accogliere richieste di lavoro straordinario quando si continua a sospendere lavoratori, quando vi sono decine e decine di operai sospesi a zero ore, quando si fanno perdere giornate e settimane di lavoro.

La FILTEA, a volte sostenuta in questa scelta dalle altre due sigle sindacali, spesso non mancava di stimolare i lavoratori anche a rifiutarsi di accettare di effettuare le ore di straordinario per non permettere a queste condizioni lavorative di perpetuarsi indefinitamente nel tempo, facendole apparire normali.

Inaccettabile era ritenuto il fatto che i lavoratori sospesi venivano ufficialmente lasciati a casa per «mancanza di lavoro».

La Federtessili invitava però i dipendenti Lanerossi a «guardare il bicchiere mezzo pieno» alla conclusione del processo di ristrutturazione aziendale, perché si era riusciti comunque ad arginare alcuni contraccolpi negativi, garantendo l'apertura di attività tessili alternative per alcuni lavoratori che erano stati considerati in esubero. Nonostante le delusioni della gestione ENI, la CISL confermava la propria linea di moderazione e responsabilità, attribuendosi il merito di aver “attenuato” quantomeno il disagio dei lavoratori.

Indipendentemente dalle colpe delle gestioni aziendali passate, un Sindacato responsabile non può disertare il campo di fronte ai grossi problemi, ma li deve affrontare coraggiosamente per orientarli verso la soluzione la meno dannosa per i lavoratori. É QUELLO CHE HA FATTO LA CISL esigendo la creazione di nuovi posti di lavoro (circa 1.000), attenuando il disagio dei lavoratori con provvidenze economiche e controllando i carichi di lavoro.

La FILTEA, che si era sempre scontrata con le scelte di ridimensionamento del personale della direzione, si stupì nel leggere su un volantino della Federtessili l'auspicio che ora l'ENI si preoccupasse di “pareggiare” il numero di posti di lavoro che aveva trovato quando aveva acquisito la Lanerossi nel 1962. Per la FILTEA, dopo la ristrutturazione era insensato invocare il mantenimento dei posti di lavoro ai livelli precedenti, tanto più tenendo conto che nel giugno 1966, Federtessili e Uiltessili avevano firmato un accordo aziendale che prevedeva proprio un taglio del numero delle maestranze, giudicato inevitabile, e che non prendeva un serio impegno per creare nuove attività lavorative in zona.

In merito alle alternative industriali create attorno alla Lanerossi Falisi precisa:
Sono stati dei momenti, bisogna dir la verità, per l'assunzione di personale giovane. Per esempio nei maglifici tu difficilmente riuscivi a rimpiazzare un vecchio filandiere o una vecchia operaia che lavorava in filatura a fare la magliaia. Ci sono state anche, ma la maggior parte erano persone che andavano in pensione ed erano rimpiazzate dai vari figli che venivano presi dentro la Rosabel o la Rossitex.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sindacati e Partecipazioni statali. Il caso Lanerossi-ENI (1959-1973)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Chemello
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Gilda Zazzara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sindacato
partecipazioni statali
industria tessile
lanerossi
eni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi