Skip to content

Liquidity e Valore: un'Analisi Empirica in Italia

L’efficienza dei mercati finanziari

Una estesa letteratura è dedicata allo studio della cosiddetta ipotesi dei mercati efficienti, con alterni risultati. Secondo una formalizzazione proposta da Eugene Fama in un noto lavoro del 1970, esistono tre distinte ipotesi di efficienza dei mercati:
1) l’efficienza operativa sussiste quando i mercati funzionano con i più bassi costi di transazione, e si pone come obiettivo quello di generare condizioni operative per minimizzare costi di transazione e massimizzare condizioni incontro di domanda-offerta;
2) l’efficienza allocativa è propria di un mercato in cui i prezzi guidano le risorse verso una loro ottimale allocazione, ovvero capacità di collocare le risorse disponibili tra i richiedenti fondi, in una scala di priorità basata su caratteristiche di rischio-rendimento.
3) l’efficienza informativa si verifica se i prezzi riflettono tempestivamente e in modo corretto, le informazioni a disposizione degli operatori e presupposto fondamentale è che le informazioni sono note a tutti.


È bene soffermarsi su questa terza forma di efficienza, dove si intuisce in via definitiva che i prezzi che si formano su un mercato efficiente dal punto di vista informativo sono corretti. Restringendo il discorso solo ai mercati finanziari, ciò vuol dire che non esistono titoli sopravvalutati o sottovalutati, per cui nell’acquisto di uno di essi si sia fermamente sicuri di pagare il giusto prezzo. In effetti si comprende meglio l’efficienza dei mercati finanziari se si accetta che essa può presentarsi sotto diverse forme che rispecchiano diversi gradi di intensità.
L’efficienza dei mercati può essere in forma debole, in forma semi-forte e in forma forte. I tre diversi livelli di intensità dell’efficienza, afferiscono a tre diverse tipologie di informazioni che i prezzi dovrebbero incorporare. Si dice che un mercato è efficiente in forma debole (weak-form efficiency) se i prezzi che vi si formano incorporano tutte le informazioni riguardanti i prezzi passati, quindi è impossibile realizzare extraprofitti sulla base dei prezzi passati. Un mercato è efficiente in forma semi-forte (semi-strong-form efficiency), invece, se i prezzi riflettono, oltre alle informazioni passate, anche tutte le informazioni pubbliche.
Diventa quindi impossibile realizzare extraprofitti sulla base di queste informazioni.
L’efficienza in senso forte (strong-form efficiency), fa riferimento, invece, a quei mercati in cui i prezzi incorporano oltre alle informazioni sui prezzi passati e le informazioni pubbliche, anche le informazioni privilegiate, private e quindi tutta l’informazione rilevante per l’azienda. Una rilettura delle diverse forme di efficienza dei mercati, suggerisce che quando l’efficienza esiste solo in forma debole, soggetti che sanno leggere e interpretare le informazioni pubbliche, come gli investitori professionali (tra cui in particolare i fondi comuni di investimento) e che possiedono l’informazione privata, possono realizzare extraprofitti; mentre, come già detto, non è possibile ottenere guadagni anomali in base ai prezzi passati.
Se al contrario, l’efficienza è in forma semi-forte, solo gli insider utilizzando l’informazione privilegiata, possono approfittarne realizzando alti rendimenti.
Infine, nessun extraprofitto è possibile in un mercato efficiente in forma forte. Il lavoro di Fama del 1970, traendo conclusioni sulla base della letteratura dei 25 anni precedenti, sosteneva l’efficienza dei mercati, se non altro in forma debole.
[...]
Tuttavia questa ipotesi dei mercati efficienti presuppone che:
-le persone siano pienamente informate e interpretino in maniera corretta l’informazione pubblica e privata.
-le persone siano razionali, e quindi massimizzino una determinata funzione di utilità definita sulla base dei guadagni finanziari.
-le decisioni di investimento portino a prezzi di equilibrio (ovvero, prezzi efficienti, che rimangono piuttosto stabili in assenza di nuova informazione) e le azioni degli individui siano indipendenti (ogni comportamento imitativo è dunque escluso).
In realtà gli individui hanno razionalità limitata e possono comportarsi in maniera opportunistica. La razionalità limitata fa riferimento alle difficoltà che gli individui incontrano nella capacità di elaborare l’informazione e trattare con la complessità delle situazioni. Secondo Simon (1947), gli agenti sono razionali nelle intenzioni, ma di fatto limitatamente tali. Il riconoscimento che i soggetti economici incontrano limiti insormontabili alla capacità di reperimento e di elaborazione dell’informazione rilevante per prendere una decisione, incoraggia allo studio delle istituzioni. I soggetti economici affrontano, infatti, la complessità delle scelte attraverso l’ adozione di regole e procedure che consentano loro di delimitare l’insieme delle alternative entro cui compiere le scelte.
La razionalità limitata è dunque responsabile di parte dei costi di transazione ex ante di redigere un contratto. La mancata specificazione a priori delle possibili eventualità future ha implicazioni anche su costi di transazione ex post. La seconda assunzione di comportamento, l’opportunismo, poggia sulla combinazione di due attributi: l’egoismo e l’astuzia. Un individuo opportunista non soltanto persegue egoisticamente il proprio interesse individuale, ma ricorre anche alla violazione di prescrizioni etiche e di altra natura. La prima assunzione dell’ipotesi dei mercati perfetti recita che gli individui sono pienamente informati, ma in realtà in molte relazioni contrattuali le parti hanno informazioni diverse sull’oggetto della loro transazione o sulle condizioni di contesto. In questi casi la transazione è caratterizzata da asimmetria informativa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Liquidity e Valore: un'Analisi Empirica in Italia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Anna Alvarenz
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Maurizio La Rocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 274

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

moral hazard
market maker
asimmetrie informative
disclosure
liquidity
illiquidity
specialist
tournover
batch auction
noise trader
amiverst
mercati order driven
microstruttura dei mercati
bid/ask
trading cost

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi