Skip to content

Analisi del settore smartphone attraverso il modello delle cinque forze competitive

Prodotti Sostituti

Gli smartphone eseguono una grande varietà di funzioni, quindi ogni prodotto che si specializza in una di queste potrebbe potenzialmente essere un sostituto. Tuttavia proprio perché lo smartphone nasce come dispositivo che a sua volta ha l'obiettivo di rimpiazzarne molti altri, il livello di minaccia di sostituzione è generalmente piuttosto basso.
Stando a quanto appena scritto quindi le potenziali minacce possono essere molteplici: telefoni cellulari, lettori musicali, fotocamere, dispositivi GPS e di navigazione, console di videogiochi, eccetera.

Di seguito ho però deciso di prendere in considerazione solamente i dispositivi più completi a livello hardware e software, quelli cioè che concentrano le funzioni più importanti che si richiedono agli smartphone e quindi che ne rappresentano la minaccia più seria.
Prendiamo innanzitutto in considerazione i telefoni cellulari, o dumbphone, ancora largamente diffusi. La clientela a cui si rivolgono i produttori di cellulari è sostanzialmente la medesima del settore smartphone, che come già visto nel capitolo 1 ne rappresenta la naturale evoluzione. Se valgono le considerazioni già fatte sul grado di penetrazione dei dispositivi intelligenti, non si può che arrivare alla conclusione che i cellulari sono destinati a scomparire dal mercato e quindi non possono essere una valida minaccia di sostituzione, se non in casi particolari. Infatti è necessario dire che il prezzo degli smartphone è ancora troppo elevato per alcune fasce di clientela, che per ora tendono a puntare su dispositivi meno costosi e di uso più immediato. Inoltre, molti attuali utenti smartphone utilizzano quest'ultimo in abbinamento ad un telefono cellulare classico per le più disparate ragioni, tra cui l'ovviare al gravoso problema della scarsa durata della batteria.
Una delle caratteristiche più importati degli smartphone è quella di poter svolgere funzioni pressoché analoghe a quelle dei computer, per questo bisogna prendere in considerazione la minaccia che possono rappresentare questi ultimi. In particolare si devono considerare laptop e soprattutto netbook, cioè computer portatili con dimensioni ridotte rivolti ad un pubblico consumer per soddisfare bisogni di leggerezza e portabilità. I netbook hanno debuttato sul mercato nel 2008 con i modelli EEEPc di Asus e Aspire One di Acer, conquistando in pochi mesi rilevanti quote di mercato (22% nel 2009). Nonostante la presenza di una tastiera fisica e il fatto che possano svolgere anche funzioni di telefonia mobile se abbinati ad un client VoIP come Skype, non ritengo che possano essere una grande minaccia per gli smartphone, poiché sono destinati per la maggior parte ad essere rimpiazzati da dispositivi come i tablet PC.
Valutiamo ora il livello di sostituzione degli eBook reader, dispositivi portatili che permettono di caricare libri in formato elettronico per poterli avere a disposizione e leggerli esattamente come libri cartacei. Il primo ad affermarsi è stato Amazon Kindle commercializzato dalla compagnia leader dell'e-commerce, che nelle successive riedizioni si è evoluto introducendo anche la connettività WiFi e 3G. Nonostante il mercato degli eBook sia in forte espansione, ritengo che il futuro di questo più che nei reader vada ricercato ancora nei tablet, che possono offrire una molteplicità di funzioni addizionali oltre alla semplice lettura di libri. Questa tesi è avvalorata anche dall'ultimo modello di Amazon Kindle, denominato Fire, che può essere classificato come mini tablet. Secondo numerose indiscrezioni inoltre Amazon sta pensando seriamente di entrare nel settore smartphone con un proprio device, e alla luce di ciò si può dedurre che i reader non rappresentino una importante minaccia sostitutiva per i telefonini intelligenti.
Il discorso da fare è più articolato riguardo i già citati tablet, dispositivi dalle dimensioni compatte che utilizzano le dita come unico metodo di input al posto di mouse e tastiera.
Il concetto di tablet è stato introdotto da Microsoft nel 2000 e si è poi lentamente evoluto fino ad arrivare alla versione attuale, che ha visto la luce con iPad di Apple nel 2010, ottenendo un grande successo. Semplificando si può affermare che la prima generazione di tablet sia basata essenzialmente sui personal computer, mentre la generazione post-iPad sugli smartphone, adottandone la medesima architettura (ARM) e dotandosi degli stessi sistemi operativi. La seconda generazione si può ulteriormente suddividere in device con connessione dati tramite scheda SIM e device dotati solo di connettività WiFi. Una terza generazione sta inoltre emergendo, con caratteristiche comuni alle prime due ed eventuali accessori come testiere rimovibili che rendono più comoda la scrittura. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi del settore smartphone attraverso il modello delle cinque forze competitive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Fumagalli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Maria De Luca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

telecomunicazioni
analisi
mercato
cellulari
mobile
google
porter
analisi settoriale
smartphone
apple
industry
iphone
samsung
cinque forze
tablet
produttori smartphone
horace dediu
smartphone industry

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi