Skip to content

Crowdsourcing e open-innovation. Perché la folla conosce la soluzione migliore.

Categorie di crowdfunding

Nell’articolo "Ex ante crowdfunding and the recording industry: a model for the U.S.?" Tim Kappel definisce il crowdfunding in questo modo: "the act of informally generating and distributing funds, usually online, by groups of people for specific social, personal, entertainment or other purposes".

Inoltre nello stesso articolo distingue due diverse tipologie di crowdfunding che definisce "ex post facto" e "ex ante".

Nel primo caso viene offerto un supporto finanziario che é reso disponibile in cambio di un prodotto completo, nel secondo caso, il supporto è fornito indipendentemente dal risultato allo scopo di perseguire un obiettivo comune, è il caso dei fondi donati a Barack Obama per la sua campagna per le presidenziali. Il modello ex ante è stato usato con articolare frequenza ed efficacia in ambito artistico, in particolare nel settore del film-making ma anche da scrittori e artisti di vario genere.

Normalmente il contribuente riceve un riconoscimento definito da Kappel "patronage perks" che si traduce nella presenza del nome nei titoli di coda del film realizzato, in riconoscimenti nei ringraziamenti di un romanzo o in accessi al backstage e altri privilegi simili.

Il sistema é in evoluzione in particolare per alcuni settori come nel caso dell’industria musicale; oltre ai "patronage perks" possono essere attribuiti dei diritti monetari sulle vendite dei futuri album o registrazioni. In quest’ultimo caso si parla anche di sistema di coinvolgimento, infatti i partecipanti investono nel futuro e nel successo degli artisti e ne seguono i progressi con interesse e attenzione ben diversa da quella di normali spettatori.

Quando si parla di modelli ex ante é possibile creare un’ulteriore suddivisione interna in due categorie definite "betting model" o "investing model". Quello definito investing model si concretizza nella vendita di prodotti allo scopo di raggiungere una data somma di denaro, con betting model invece diversi soggetti competono per l’assegnazione dei fondi che vengono attribuiti solo se raggiungono una data soglia proporzionale alla quota iniziale prestabilita che il soggetto dichiara di voler raggiungere.

Una diversa distinzione é espressa nell’articolo "Crowdfunding: Tapping the Right Crowd". Anche in questo caso le categorie sono due, ma sono differentemente distinte. Una prima categoria consiste semplicemente nel pre-ordine del prodotto. Chiaramente l’acquisto preventivo è agevolato da prezzi ridotti, ma consente all’azienda o al soggetto patrocinatore di ottenere i fondi necessari a lanciare il prodotto. La folla che investe nel progetto avrà quindi agevolazioni e diventerà parte dei clienti in un momento successivo.

Una seconda forma è quella definita di "profit-sharing", che prevede individui disposti a fornire fondi ottenendo in cambio profitti e guadagni successivi. In questo caso il rapporto è prettamente economico, non vi sono garanzie che il soggetto fornitore di fondi diverrà successivamente anche cliente rispetto alla struttura finanziata. In entrambi i casi sono garantiti benefici rispetto al consumatore "regolare".

Gli autori sono giunti alla conclusione per cui l’azienda tende a preferire il modello basato sui pre-ordini quando l’ammontare del capitale iniziale necessario sia relativamente basso, e a preferire un meccanismo di investimento condiviso quando il capitale richiesto sia più consistente. La ragione è relativa alle differenze di prezzo garantite per utenti che acquistano con pre-ordini; qualora la quota del finanziamento sia molto alta i vantaggi per l’azienda tendono a diminuire. Gli individui sono più omogenei quando è applicato il modello del profit-sharing.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Crowdsourcing e open-innovation. Perché la folla conosce la soluzione migliore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Gregorio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione professionale e multimedialità
  Relatore: Fabio Muzzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

portali
innovazione
folla
open innovation
crowdsourcing
crowdfunding
creatività applicata
saggezza della folla
entribù

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi