Skip to content

Adolescenti e Nuove diversità. Progettare Prevenzione

L’educatore professionale nella relazione d’aiuto con il ragazzo difficile

Nella società moderna, la cultura della complessità ha creato degli effetti sulla vita quotidiana delle persone: tra questi, si può individuare una crescente relativizzazione dei sistemi di significato trasmessi nei processi di socializzazione, la comparsa d’identità sempre più deboli, vulnerabili e frammentate, la suddivisione della società in tanti piccoli mondi autonomi e l’incalzante crisi del noi e della dimensione sociale della vita.
Non solo, anche i luoghi della formazione umana si sono moltiplicati e diversificati: i ragazzi si formano, imparano nuove abitudini ed accrescono le loro conoscenze in dimensioni ecologicosistemiche e spazio temporali diverse rispetto a quelle riconosciute tradizionalmente in ambito scolastico.
La crescente domanda di nuove figure professionali, da affiancare alle ormai riconosciute funzioni educative e istruttive del corpo insegnante, ha testimoniato la nascita di una nuova identità operativa, rappresentata dall’educatore professionale. Esso può essere definito come operatore sociale e sanitario che attua specifici progetti educativi, nell’ambito di un progetto preventivo e promozionale elaborato da un’equipe multidisciplinare, volti ad uno sviluppo equilibrato della personalità, con obbiettivi educativorelazionali in un contesto di partecipazione e recupero alla vita quotidiana.
L’educatore si situa, per di più, all’interno del progetto educativo tendente al miglioramento della qualità della vita individuale e collettiva, assumendo compiti di sviluppo e promozione delle potenzialità personali e sociali, avvalendosi di funzionali risposte alle problematiche di soggetti bisognosi di prevenzione e di recupero.
Tuttavia, riprendendo alcuni concetti espressi da P. Gaspari, il lavoro pedagogico dell’educatore si fonda sulla predisposizione, promozione e proposizione di tempi, di spazi e di dimensioni emozionali e cognitive, all’interno del progetto rieducativo, in grado di stimolare nell’altro, in difficoltà, le capacità potenziali di autorealizzazione del proprio sé. Tutto ciò svolto in un clima caratterizzato da intenzionalità e continuità: in effetti, come afferma R. Franchini, “lo specifico di questa professione è, non solo la continuità del vivere con, ma soprattutto l’intenzionalità del suo obiettivo che, in orizzonte tutto pedagogico, può essere indicato nel cambiamento”.
L’intervento dell’educatore è, così, finalizzato alla riscoperta della soggettività, quale fondamentale categoria dell’autentico incontro educativo. Il recupero del soggetto è uno degli elementi fondamentali del paradigma della complessità. Non a caso, è possibile definire lo stesso educatore come specialista della complessità, in quanto, parafrasando W. Bion, egli è tenuto a compiere continue scomposizioni e ricomposizioni dei significati dell’esistenza umana, ed è costretto ad apprendere dall’esperienza, avvalendosi della gestione dei vissuti quotidiani dei soggetti in difficoltà.
In tal senso, nel suo agire quotidiano, l’educatore extrascolastico si mette in gioco in prima persona e, l’accogliere dentro di sé le storie e i racconti degli altri, lo mettono nelle condizioni di confrontarsi e rileggere la propria storia. Questo processo di portare dentro di sé gli altri e farli incontrare con le proprie dimensioni interne gli consente di recuperare le dimensioni più riflessive dell’agire. L’educatore, che opera in un orizzonte di complessità, scopre la possibilità di cocostruire conoscenze, sia sul soggetto utente del suo intervento, sia su di sé, sia sul contesto in cui opera e agisce, attraverso la costruzione di legami tra le diverse scienze e le conoscenze, che hanno attraversato e che costituiscono la sua competenza professionale. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Adolescenti e Nuove diversità. Progettare Prevenzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Vichi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Progettazione e coordinamento dei servizi educativi e formativi
  Relatore: Patrizia Gaspari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi