Skip to content

Fixed Income Performance Attribution

La Performance Attribution

Il concetto di "attribuzione di performance" venne introdotto per la prima volta da due articoli pubblicati sul Financial Analyst Journal, rispettivamente da Gary Brinson e Nimrod Fachler, "Measuring non-US equity portfolio performance" nel 1985, e l'anno successivo da Gary Brinson, Randolph Hood e Gilbert Beebower, "Determinants of portfolio performance". L'insieme dei due studi costituisce il cosiddetto Brinson's model, che, per la sua logica fortemente innovativa e l'intuitività degli elementi alla base del modello, ha avuto un rapido successo sia negli ambienti accademici, con numerosi studi che ne perfezionano e declinano negli ambiti, sia nella asset management industry, dove le principali istituzioni finanziarie si sono dotate di unità e software per la sua implementazione.
Per comprendere meglio la portata di questa innovazione finanziaria, si deve considerare la sua definizione.



Con il termine performance attribution ci si riferisce ad un insieme di metodologie volte alla scomposizione del differenziale tra il rendimento acquisito da un portafoglio e quello ottenuto da un appropriato benchmark, in distinte componenti, che identificano e quantificano l'impatto delle decisioni prese dal management nel processo di investimento.

Comune, dunque, sia al primo modello che a quelli successivi è il confronto tra un portafoglio gestito attivamente e un portafoglio passivo riflettente la politica di investimento di lungo periodo del fondo (aste allocation strategica).
Quest'ultima viene strutturata in base alle limitazioni provenienti dallo sponsor o dal regolamento del fondo, riguardanti la propensione al rischio, l'orizzonte temporale e le tipologie di strumenti finanziari che possono essere incluse nel portafoglio.

La causa principale della differenza di performance è dovuta alle scelte del manager di deviare dalla composizione strategica del benchmark, investendo di più o di meno su taluni mercati, settori e/o singoli titoli inclusi in portafoglio, al fine di "battere" il benchmark e giustificare l'esistenza stessa della gestione attiva.
Con la stessa logica, l'attribuzione di performance nasce per individuare i suddetti scostamenti di breve periodo e calcolare i loro effetti sulla performance finale della gestione.
Il rendimento attivo viene dapprima quantificato sottraendo al rendimento conseguito dal portafoglio quello del benchmark e, successivamente, suddiviso in varie componenti (o effetti di attribuzione), ciascuna corrispondente a una determinata decisione presa dal management nell'arco di tempo considerato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fixed Income Performance Attribution

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Bertolini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Barbara Alemanni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riskmetrics
bonds
credit spread
investment process
yield curve
euro debt crisis
key-rate durations
cash flow mapping
contribution to duration
top-down bottom-up

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi