Skip to content

La canzone in scena. Il musicarello negli anni 50 e 60

Carosello napoletano: le canzoni dal teatro al film

Carosello napoletano è un film sul teatro e lo spettacolo della città di Napoli, che fa della scena musicale e teatrale e della sua storia, la storia stessa della città. Per questo motivo il protagonista principale è la sua Napoli, che si lascia godere da quei viaggiatori che scorrono il tempo contemplando le più belle cose di questo mondo.
«La mia prima idea di un ritratto di Napoli – dice Giannini - prese forma in un progetto per un film.

Ma il cinema in Italia era rimasto prigioniero della sua genialità, nella nuova strada del neoralismo. Non erano ammesse alternative. Invenzione? Fantasia? Forse realismo magico? Nessuna adesione a questa possibilità».
Il regista non ha né un intreccio né un traliccio narrativo: fa scorrere i quadri scenografici attraverso il ritmo vivace della tarantella settecentesca, fino alle note più classiche del primo dopoguerra come, ad esempio, O’ surdato ‘nnammurato. Il successo autentico e spontaneo dello spettacolo teatrale Carosello napoletano suscitò nuovo interesse non solo per le vecchie e nuove canzoni napoletane, ma anche per le canzoni italiane moderne che la passione per la musica jazz e per le composizioni americane avevano fatto trascurare.
Proprio subito dopo lo spettacolo di Giannini nacque il Festival di Sanremo e l’anno seguente ebbe inizio, a Napoli, il Festival della canzone Napoletana, due manifestazioni che riscossero entrambe l’entusiasmo del pubblico. Le raffinate canzoni del ‘600 e ‘700 napoletano che Giannini aveva richiamate dall’oblio e portate a un nuovo successo, vengono ripresentate per anni, in varie occasioni, e l’influenza dell’opera di Giannini è chiaramente rintracciabile non solo nell’attività della Nuova compagnia di Canto Popolare, ma soprattutto nella originale composizione di Roberto De Simone dal titolo ‘La Gatta Cenerentola’.
Nel campo più strettamente musicale, influenzerà le ricerche di altri musicisti.
Purtroppo dello spettacolo teatrale non esiste nessun documento, fatta eccezione di qualche fotografia, nonché i commenti, le recensioni e, data importante la memoria dei pochi testimoni. Il Carosello teatrale più di quello cinematografico era riuscito a sollecitare una irresistibile suggestione, come a rendere, pienamente, la spontanea essenza dei napoletani. Diversamente nel film dichiara, in modo esplicito, la finzione scenica, senza occultare gli artifici, propri della rappresentazione teatrale. Giannini trasporta in pellicola il ‘mettere in scena’, attento ad evidenziare le azioni di chi agisce e di chi osserva. Egli faceva volgere, ai suoi personaggi, le spalle o il fianco alla macchina da presa diventando, così, veri e propri spettatori.
Se l’esperienza teatrale di Carosello napoletano si era concluso con un enorme successo, segnato dalle trionfali tournèes in giro per il mondo, è anche vero che il suo ricordo si sarebbe spento subito dopo la chiusura dell’ultimo sipario. Il regista sceglie, perciò, la via del cinema per lasciare una dichiarata traccia del suo lavoro, regalando alle nuove generazioni future un ricordo visivo di grande importanza e lo fa elaborando la messa in scena teatrale per lo spazio del cinema, ossia con il linguaggio della modernità. Napoli viene narrata, guardata, analizzata, dunque svelata: la città capricciosa, ingenua, quella che apre le affettuose braccia del suo golfo all’amico ed al nemico, perché possiede l’arte di saper conquistare anche il suo vincitore. Passano i Normanni, gli Svevi, gli Angioini, gli Aragonesi, i Borboni, arrivano i piemontesi e gli americani, ma Napoli resta uguale ed eterna, tra miserie e grandezze, trionfi e calamità. «La vita è teatro – dice Giannini – e Napoli è un immenso palcoscenico».
La parola, in Carosello, diventa subito dialogo, la musica vibra nell’aria delle sue strade, circola tra le sue case. Lo spirito della danza illumina le plastiche movenze dello scugnizzo, anima i teatrali atteggiamenti di una baruffa in piazza. La danza è tarantella, rituale magico ed antropologico, ed ecco perché – continua il regista –la pittura, la musica, la parola e la danza sono chiamate a comporre ed animare il Carosello napoletano. Il passaggio dal teatro al cinema è come la ricerca di un completamento. Il regista è abile a muoversi tra le innovazioni: fonde con armonia il teatro ed il cinema, cosi che la scrittura filmica è esaltata da quella teatrale, facendone materia, linguaggio e immagine della drammaturgia cinematografica. Di tutta la produzione musicale per il cinema degli anni cinquanta questo film è l’unico – per rigore e felicità nell’invenzione scenografica e coreografica, per ricchezza dei costumi, per i forti legami con la tradizione musicale, integrazione perfetta tra regia teatrale e cinematografica – in grado di competere con i grandi musical americani. Prendendo a motivo conduttore la vita di una povera famiglia di un cantastorie ambulante, il cui albero genealogico si perde nel tempo, attraverso canzoni, luoghi, gesti, colori, maschere, Giannini cerca di portare sul grande schermo l’anima della sua città. Parte da una canzone antichissima ‘Michelemmà’, per giungere a quelle di fine ‘800 e dei primi del ‘900 ‘Funiculi funiculà’, ‘Santa Lucia luntana’, ‘O surdato ‘nnammurato’ creando una sorta di grandioso libro musicale, di grande intensità emotiva e culturale.
Interprete e portavoce delle disgrazie napoletane è la maschera di Pulcinella. Se il film tocca e fa vibrare ininterrottamente le corde dell’emozione, il culmine è rappresentato dalla morte di Antonio Petito e dal discorso del figlio al pubblico in sala: «Spettabile pubblico, recitando il monologo, mio padre è morto. Ma mi ha lasciato la sua maschera perché Pulcinella non lo possiamo far morire».
Giannini riesce a trasporre nel film gli aspetti della civiltà e della cultura napoletana, in maniera così perfetta e studiata da consentire allo spettatore di calarsi in quel mondo. Ecco che va in scena il motivo della tarantella, della maschera di Pulcinella, del gioco del lotto, della confusione che popola le strade di Napoli. Queste ultime appaiono come animate dai luoghi di un ‘presepe’ reale, dalle feste che illuminano ed agitano i quartieri, pervasi di energia, e che si concludono con la spettacolarità astratta dei fuochi d’artificio sul mare. Il film non guarda al racconto, bensì al profondo senso etico, a quella morale tra tradizione e storia, che è la vera anima di questa città, del suo ritmo, della sua musica.
«Con il suo unico film Giannini ha avuto il merito di fissare per sempre nella nostra memoria di spettatori del dopoguerra un quadro e uno spirito della città che, nonostante tutto, non possiamo e non vogliamo far morire».

Questo brano è tratto dalla tesi:

La canzone in scena. Il musicarello negli anni 50 e 60

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angela De Gregorio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Raffaello Mazzacane
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
cinema
musica
personaggi
cantanti
attori
musicarello
la canzone napoletana
il carosello napoletano
modello di propp

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi