Skip to content

Le riforme del lavoro pubblico e gli enti locali: uniformità con il modello statale ed autonomia organizzativa

I poteri e le funzioni dirigenziali

Fin dall'articolo 6 della legge delega appare chiaro l'intento di rafforzare il ruolo dei dirigenti, permettendogli di operare con "i poteri del datore di lavoro pubblico, nella gestione delle risorse umane", in piena autonomia e responsabilità. La ragione dell'attribuzione di questi maggiori poteri in capo al dirigente è legata allo spoil system, il quale aveva immobilizzato e reso precaria la categoria dei dirigenti.

Il decreto delegato, che all'articolo 34 dà attuazione a questo criterio delega, specifica i poteri dirigenziali di micro - organizzazione, relativi alla direzione ed all'organizzazione del lavoro nell'ambito delle risorse umane ed economiche assegnategli: gli organi preposti alla gestione assumono le determinazioni per l'organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro con la "capacità e i poteri del privato datore di lavoro".

Per evitare che si incorra in contenziosi per eccesso di potere con riguardo alla provvista e alla gestione delle risorse umane, l'azione del dirigente è sottoposta a una serie di vincoli, garanzie e divieti, la violazione dei quali comporta l'irrogazione di sanzioni nei suoi confronti: ogni valutazione del dirigente e il suo operato sono sottoposti a controllo ad opera del Comitato dei Garanti.

Ulteriore potere a lui attribuito, oltre a quello di organizzazione degli uffici, è quello disciplinare, attraverso il quale può gestire in piena autonomia il procedimento disciplinare collegato ad infrazioni che comportano l'irrogazione di sanzioni superiori al rimprovero verbale ma inferiori alla sospensione dal servizio per più di dieci giorni; di questo tema si tratterà in modo approfondito nel capitolo dedicato alle sanzioni disciplinari e alla responsabilità dei dipendenti pubblici. E' opportuno a questo punto individuare le funzioni attribuite ai dirigenti pubblici, in forza di questi poteri.

Gli articoli 38 e 39 intervengono ad integrare gli articoli 16 e 17 del decreto n. 165, dedicati alle funzioni dei dirigenti di uffici dirigenziali generali ed alle funzioni dei dirigenti, aumentandone le competenze. I primi "propongono le risorse e i profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti dell'ufficio cui sono preposti anche al fine dell'elaborazione del documento di programmazione triennale del fabbisogno di personale di cui all'articolo 6, comma 4", mentre i secondi possono soltanto concorrere all'individuazione delle risorse e dei profili professionali: entrambi questi poteri sono deducibili dal ruolo e dalla posizione ricoperta dai dirigenti.

Ad eccezione dell'indicazione del documento di programmazione triennale delle assunzioni, non si rileva alcun cambiamento nelle funzioni dei dirigenti: questo documento ed i suoi aggiornamenti sono elaborati, ai sensi del comma 4-bis dell'articolo 6 del decreto n. 165, su proposta dei dirigenti competenti dei singoli enti che individuano i profili professionali di cui hanno necessità per dare attuazione all'indirizzo politico. Appare chiara, in questo modo, la titolarità esclusiva in capo ai dirigenti delle funzioni di gestione amministrativa, con riferimento alla provvista di personale necessario al funzionamento dei singoli enti.

Ai dirigenti preposti ad uffici dirigenziali di secondo livello è inoltre attribuito il compito di effettuare "la valutazione del personale assegnato ai propri uffici, nel rispetto del principio del merito, ai fini della progressione economica e tra le aree, nonché della corresponsione di indennità e premi incentivanti", riconoscendo meriti e demeriti ai dipendenti. Ad una prima lettura di questo articolo sembra che sia garantita ai dirigenti un'ampia libertà di manovra: in realtà la valutazione è una procedura complessa che prevede l'intervento di diversi soggetti come la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche e l'Organismo indipendente di valutazione della performance; per questa ragione, il margine lasciato alla dirigenza è molto più limitato di quanto appare. Da questa competenza valutativa sul personale non dirigente sono esclusi i dirigenti di uffici dirigenziali generali, i quali devono effettuare soltanto la valutazione dei dirigenti degli uffici dirigenziali non generali nei quali si articola l'ufficio cui è preposto.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le riforme del lavoro pubblico e gli enti locali: uniformità con il modello statale ed autonomia organizzativa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Micaela Cattaneo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Amministrazioni e politiche pubbliche
  Relatore: Gabriele Bottino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblica amministrazione
lavoro pubblico
riforma brunetta
decreto legislativo 150 del 2009

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi