Skip to content

Utilizzo dei flussi di scarto di impianti di depurazione per lo sviluppo di biomassa algale destinata alla produzione di biogas

Collocazione nell’impianto di depurazione

Nelle fasi iniziali della sperimentazione si è valutato che la collocazione più idonea di un trattamento con microalghe fosse a valle dei trattamenti terziari, in modo da sfruttare la posizione agevole per l’affinamento finale degli effluenti e per poter così ridurre ulteriormente le concentrazioni di azoto totale in uscita. Questa soluzione permetterebbe di rispettare le nuove normative ambientali in recepimento della Direttiva Nitrati, emanata dalla Comunità Europea (Direttiva 91/676/CEE).
La collocazione della produzione delle microalghe al termine della filiera dei trattamenti pone, però, alcuni aspetti critici:

- le microalghe prodotte andrebbero separate per rispettare i vincoli sullo scarico di solidi sospesi, COD e BOD5. Ciò richiede l’utilizzo di un sistema di separazione molto efficiente di queste dalla sospensione e, date le dimensioni microscopiche, l’unico sistema che garantirebbe un’acqua in uscita di qualità sarebbe una filtrazione terziaria. Tale processo risulta, però, molto dispendioso dal punto di vista energetico ed economico.
Utilizzando il surnatante in uscita dalla nastropressa come substrato per la crescita algale, si è valutata la possibilità di inserire l’unità di produzione delle microalghe a valle dell’unità di disidratazione dei fanghi.

La corrente in uscita dal fotobioreattore, contenente la biomassa prodotta, verrebbe poi inviata direttamente a monte dei trattamenti primari, senza necessitare di gravose operazioni di separazione meccanica. Buona parte della biomassa verrebbe così trattenuta dal sedimentatore primario, con un effetto sinergico sul processo di flocculazione, in modo tale da essere inviata, insieme ai fanghi primari, a digestione anaerobica. Nel caso di una grossa produzione di biomassa, sarebbe più opportuno realizzare un sistema di separazione dedicato.

I vantaggi derivanti da un’integrazione impiantistica di questo tipo potrebbero essere:
- Buona rimozione di azoto e fosforo dal chiarito e conseguente diminuzione dei carichi inquinanti inviati alla sezione di trattamento biologico;
- Fissaggio della CO2 prodotta dalla combustione del biogas, con produzione di biomassa particolata aggiuntiva da inviare a digestione anaerobica;
- Ottenimento di certificati verdi derivanti dalla produzione di energia rinnovabile.

Per rendere tale integrazione vantaggiosa anche dal punto di vista economico sarebbe necessario:
- Un significativo aumento della quantità di solidi inviati a digestione anaerobica ed un conseguente sensibile aumento della produzione di biogas;
- Ridurre al minimo la superficie occupata dall’unità di produzione delle microalghe, cercando di massimizzare la produzione realizzando uno speciale sistema di collettamento della luce in grado di sfruttare al massimo l’energia luminosa incidente. Pertanto, l’impianto di depurazione dovrà disporre di una superficie pianeggiante ed esposta al sole dove collocare i fotobioreattori.
- Massimizzare l’efficienza di trasferimento della CO2 nell’acqua, in modo tale da renderla disponibile per il metabolismo microalgale;
- Minimizzare i costi di trasferimento della CO2 dal gas esausto alla sospensione microalgale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Utilizzo dei flussi di scarto di impianti di depurazione per lo sviluppo di biomassa algale destinata alla produzione di biogas

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Belloni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Valeria Mezzanotte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biogas
scienze ambientali
microalghe
depurazione acque reflue

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi