Skip to content

Applicazione di un modello prestazionale visuo – spaziale al calcio di punizione nel rugby

Modello visuo-spaziale

Come accennato in precedenza, in questo mio lavoro ho ipotizzato un metodo per utilizzare il sistema visivo come un sistema che svolga un ruolo "attivo" dal punto di vista psicologico e motorio. Ciò implica il considerare la vista non semplicemente come un senso coinvolto, ad esempio, nella visione della ripresa registrata del proprio gesto tecnico, ma come un senso che permetta all'essere umano di vedere il movimento da una prospettiva soggettiva e di rievocarlo.
La visione di determinati gesti sportivi tramite l'uso di video-camere infatti, consente alla persona di vedersi "all'opera" da un punto di vista che non è il proprio, bensì quello di una terza persona.
A differenza della cornice teorica evidenziata nella review di Ste-Marie e colleghi (2012), i modelli acustici descritti nel capitolo precedente ed il modello visuo-spaziale che è stato utilizzato per questa ricerca, sono "ritagliati" sulla soggettività dell'atleta. Le tracce audio utilizzate nei diversi studi di psicologia dello sport (cfr. cap. 3) e quelle visuo-spaziali utilizzate in questo esperimento, sono prodotte dall'azione dell'atleta stesso e sono
successivamente somministrate al soggetto da un punto di vista soggettivo.
Ritengo infatti che la vista sia un senso che può permettere all'uomo di immaginarsi e di rivivere l'azione dal proprio punto di vista e quindi abbiamo bisogno di un modello visuo.spaziale (un esempio si può trovare in Righi et al., 2010) con il quale l'atleta possa recuperare e "ricostruire" sia da un punto di vista mentale che motorio la propria azione nello spazio.
La codifica spaziale della rincorsa sarebbe immediatamente disponibile anche per la programmazione motoria in quanto, in accordo con la Theory of Event Coding di Hommel e colleghi (2001), il sistema di codifica degli stimoli è un sistema comune a diversi sistemi sensoriali e motori ed inoltre a diverse funzioni cognitive.
In letteratura è noto che da un punto di vista mnemonico è molto più facile recuperare un'informazione che è stata memorizzata, se nel contesto nel quale bisogna recuperarla sono presenti dei cues (principio di specificità della codifica; Brandimonte 2007): ad esempio vengono rievocate molte più parole se viene chiesto di rievocare tutte le parole che iniziano per "p", piuttosto che se si chiede di dire qualsiasi parola venga in mente.
Perché non dovrebbe valer lo stesso ragionamento per un atto motorio? A differenza delle informazioni di tipo semantico presentate nell'esempio precedente, un atto motorio è pur sempre un'informazione che può essere appresa e memorizzata, oltre che riprodotta.
Come già descritto in precedenza nel secondo capitolo, la rincorsa per calciare il pallone nel rugby include già delle componenti di movimento "costanti":

• la posizione per calciare viene raggiunta camminando lungo due cateti immaginari di un triangolo rettangolo;

• Il primo "cateto" è disposto su una linea immaginaria che unisce il giocatore e l' "H" (acca) formata dai pali;

• La rincorsa è effettuata seguendo una traiettoria simile ad un arco di circonferenza che unisce il punto iniziale ed il punto finale dei due cateti.

Considerando dunque le caratteristiche estremamente "geometriche" della rincorsa nel calcio di punizione nel rugby, ho pensato che si sarebbe potuto provare ad applicare un modello prestazionale visuo – spaziale a questo atto motorio.
Partendo da queste caratteristiche e dagli studi menzionati precedentemente (Righi et al., 2010; Prpic et al., 2010), è nata l'idea di provare ad applicare il paradigma sperimentale dei modelli prestazionali acustici, , ad una situazione simile al calcio di punizion ne nel calcio, che però tentasse di utilizzare un s senso fondamentale per l'uomo come la vista.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Applicazione di un modello prestazionale visuo – spaziale al calcio di punizione nel rugby

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Chittaro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Tiziano Agostini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
sport
psicologia dello sport
rugby
modello visuo-spaziale
calcio di punizione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi