Skip to content

Il potere disciplinare del datore di lavoro nel settore privato

Rapporto tra illecito disciplinare ed illecito penale

Tra gli elementi di maggior differenziazione dei due sistemi disciplinari può essere collocato il rapporto tra processo penale e procedimento disciplinare. Si tratta di diversità collegate all'esistenza di delitti (contro la personalità dello Stato, contro la pubblica amministrazione e contro la fede pubblica), per i quali é rilevante la posizione del lavoratore pubblico; con questo si evince che il settore pubblico é da tempo destinatario di una serie di disposizioni volte a regolare i rapporti tra i due giudizi, secondo una tendenza che da ultimo é sfociata nella privatizzazione del rapporto. L'esperienza del settore privato non ha ricevuto la stessa attenzione da parte del legislatore e la riforma ha prodotto un'autonomia del giudizio civile di impugnazione della sanzione disciplinare, qualora questa venga irrogata per gli stessi fatti oggetto del giudicato penale; il venir meno della pregiudizialità penale sul giudizio civile fa sì che il giudizio circa la condotta del lavoratore incolpato sia autonomo dal concorrente accertamento in sede penale. Sugli assetti relativi alla pregiudizialità incide fortemente la l. 27 marzo 97/2001 contenente "Norme sul rapporto tra procedimento penale e procedimento disciplinare ed effetti del giudicato penale nei confronti dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni". La finalità di questa legge consiste nell'introduzione di regole di trasparenza , sia sul versante attinente al giudizio penale che consegue agli illeciti, che i profili di tipo disciplinare e risarcitorio. Scopo della legge é quello di intensificare il rapporto tra i due ambiti nella considerazione per cui l'indipendenza tra i giudizi, in virtù della modifica del codice penale del 1988, si é tradotta in molti casi in una valutazione discrezionale da parte delle pubbliche amministrazioni circa le responsabilità emerse sul piano penale a carico dei dipendenti.
La legge 97/2001 si muove nella direzione di accrescere la portata degli esiti del processo penale nell'ambito disciplinare. Ora, nel settore del diritto del lavoro privato esiste il principio dell'autonomia tra illecito penale e illecito disciplinare La conseguenza é che, anche se i fatti imputati al lavoratore sono gli stessi, il datore di lavoro può in ogni caso procedere all'esercizio del potere disciplinare, senza dover tenere conto degli sviluppi del procedimento penale pendente. L'unica eccezione é prevista all'articolo 654 del codice di procedura penale il quale testualmente recita: "nei confronti dell'imputato, della
parte civile e del responsabile civile che si sia costituito o che sia intervenuto nel processo penale, la sentenza penale irrevocabile di condanna o di assoluzione pronunciata in seguito al dibattimento, ha efficacia di giudicato nel giudizio civile o amministrativo, quando in questo si controverte intorno ad un diritto o ad un interesse legittimo il cui riconoscimento dipende dall'accertamento degli stessi fatti materiali che furono oggetto del giudizio penale, purché i fatti accertati siano stati ritenuti rilevanti ai della decisione penale e purché la legge civile non ponga limitazioni alla prova della posizione soggettiva controversa
".
A prescindere dall'articolo, anche questo dovrà essere restrittivo, sia dal punto di vista soggettivo poiché vi é una stretta coincidenza tra i due giudizi, che oggettivo dato che la rilevanza si limiterà solo a circostanze specifiche connesse all'imputazione, e non a meri elementi di valutazione. Il principio di autonomia, di cui qui si discute, vale anche per la determinazione della consistenza della sanzione; infatti la qualificazione dell'illecito in sede penale non é vincolante ai fini di quella disciplinare, poiché nell'ambito del rapporto di lavoro si deve tener conto di un ulteriore elemento, quale appunto la fiducia data dal datore di lavoro al lavoratore; questo aspetto é da considerare se é correlato al licenziamento disciplinare quale sanzione più grave, poiché, a prescindere dalla qualificazione del reato in sede penale, quello che rileva in ambito lavorativo é il comportamento del dipendente, che deve consistere in un inadempimento tale da mettere in discussione la prosecuzione del rapporto. Questo non esclude né che il datore di lavoro, né che il giudice civile possano utilizzare le prove acquisite dal giudice in sede penale, purché soltanto al fine di acquisire maggiori elementi di valutazione e senza perdere l'autonomia del giudizio.
Quindi il datore di lavoro potrà ma non dovrà tener conto, dovendo procedere ad una valutazione dell'infrazione-inadempimento. Diversa é la situazione nell'ipotesi in cui sia la stessa contrattazione collettiva a prevedere l'irrogazione di una sanzione disciplinare come diretta conseguenza di una sentenza di condanna in sede penale, escludendo ovviamente la sentenza di patteggiamento e l'applicazione di pena su richiesta; vi sono delle eccezioni poiché in alcuni contratti collettivi la rilevanza di questi provvedimenti predibattimentali viene menzionata, mediante un processo di equiparazione logica, rispetto alle sentenze definitive passate in giudicato. Negli altri casi in cui ciò non accade, non si esclude che il giudice di merito possa ritenere che la volontà delle parti contrattuali, pur con un generico riferimento alla sentenza passata in giudicato, fosse diretta a comprendere anche un'altra forma di condanna penale in seguito alla quale la posizione del "condannato" non sia sostanzialmente differente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il potere disciplinare del datore di lavoro nel settore privato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Catara
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Sebastiano Bruno Caruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

licenziamento disciplinare
sanzione
contratto collettivo
illecito penale
settore pubblico
demansionamento
datore di lavoro
potere disciplinare
procedimento disciplinare
settore privato
illecito disciplinare
art. 2106
statuto del lavoratori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi