Skip to content

Circuiti di solidarietà e cooperazione nelle migrazioni dei senegalesi. Dalla Sardegna al Senegal e ritorno

La Muridiyya

Le confraternite musulmane presenti da più tempo in Senegal, la Qadriyya e la Tidjianiyya furono introdotte nel paese, corredate ovviamente delle caratteristiche tipiche del sufismo, da potenti confraternite originarie del nord-africa tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo. Il processo di islamizzazione della società Wolof assunse però il carattere di conversione di massa soltanto con la comparsa, ai principi del XX secolo, della Muridiyya, la confraternita fondata da Mohammed ibn Mohammed ibn Habib Allah, meglio noto come Cheikh Ahmadou Bamba.
Bamba diede al termine mouride (in arabo murīd) il suo pieno significato, cioè “colui che aspira alla conoscenza di Dio attraverso coloro che ne sono gli intercessori”, seguendo l'insegnamento e sottomettendosi alle pratiche della confraternita. Il mouride è quindi, nel senso «bambista» del termine, prima di tutto il musulmano sunnita che ha intrapreso la ricerca di Dio (Sy, 1969, pp.132-133).
La persistenza di tratti culturali wolof nel muridismo ha consentito di parlare di “wolofizzazione dell'Islam” (Sy, 1969, p. 142). Esso infatti, da comunità transetnica quale era all'origine, si è andata nel tempo sempre più costituendosi come la vivida espressione del nazionalismo wolof (Piga, 2000b, p.179), riuscendo tuttavia a conservare una grande forza attrattiva soprattutto per i giovani appartenenti alle altre etnie, in particolare per i sereer (Schmidt di Friedberg, 1994, p. 28). Nel Senegal del XXI secolo, l'egemonia un tempo della Tidjaniyya è ormai passata indubbiamente alla Muridiyya, la cui vitalità e il cui potere economico hanno raggiunto a partire dagli anni Novanta livelli senza eguali in tutto il panorama confrerico nonostante la sua diffusione sembri essere essenzialmente ristretta ai meri confini nazionali oltre che a quei paesi verso cui si è indirizzata la diaspora, prevalentemente commerciale, dei senegalesi (Piga, 2003, pp. 34-35).
Per quanto concerne la pratica religiosa ho avuto modo di constatare parecchie volte, trovando ancora dimostrazione pratica di quanto asserito da Mbiti, che «Dio viene spesso adorato attraverso i canti e ai popoli africani piace molto cantare»(Mbiti, 1969, p.72); le riunioni e cerimonie religiose mouridi sono infatti sempre accompagnate da canti che «non solo aiutano a trasferire la conoscenza religiosa da una persona o gruppo all'altro, ma aiutano a creare e rafforzare il senso di appartenenza alla collettività e la solidarietà» (ib., p. 72).
I fondamenti propri della dottrina mouride sono stati indicati da A. M. Diop in tre aspetti principali:

la baia con la quale si istituisce il rapporto maestro-discepolo, la irada, cioè la volontà del discepolo di camminare verso Dio, e infine la khidma, il servizio che questi deve svolgere (1985, p. 198; cit. in Schmidt di Friedberg, 1994, p.13)

Già agli inizi degli anni Novanta i mourides hanno subito aspre critiche da parte della Lega Internazionale Musulmana, per la loro «“popolarizzazione” delle pratiche religiose islamiche con l'incorporazione di tradizioni pre-islamiche e, talvolta, per il rigetto integrale delle pratiche ortodosse» (Carter, 1991, p. 62) arrivando infine a non essere ufficialmente riconosciuta dalla Lega.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Circuiti di solidarietà e cooperazione nelle migrazioni dei senegalesi. Dalla Sardegna al Senegal e ritorno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gaspare Messana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Felice Tiragallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

senegal
solidarietà
reti etniche
wolof
teranga
mouridiyya
migrazioni transnazionali
islam
ricerca multilocale
dahira

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi