Skip to content

Fattori di protezione dei comportamenti a rischio:il ruolo dell'appartenenza associativa

Il gruppo dei pari e l’associazionismo giovanile

Attili (2001) fornisce una definizione affermando che si possa parlare di gruppo vero e proprio quando gli individui che ne fanno parte hanno la possibilità di avere tra di loro delle interazioni, caratterizzate da interdipendenza. Kurt Lewin (1948) afferma a tale proposito che “non è la somiglianza o la diversità che decide se due individui appartengono allo stesso gruppo o a due gruppi diversi, ma l’interazione sociale o altri tipi di interdipendenza”.

Il gruppo sociale è considerato una società in miniatura, dove gli individui interagiscono, si aggregano, si organizzano e si sostengono vicendevolmente. Secondo Mattioli (1995) un gruppo può definirsi sociale se è costituito da tre o più persone che interagiscono e cooperano tra di loro per il conseguimento di uno scopo comune, nella piena consapevolezza di essere parte di un gruppo.

Il senso di appartenenza radicato fortemente nei membri fa si che il gruppo continui ad esistere virtualmente anche quando i componenti non attuano alcuna interazione, cioè quando le attività in comune sono temporaneamente sospese. I gruppi rappresentano il tessuto della società, che metaforicamente può apparire come una rete di relazioni e raggruppamenti più o meno connessi tra di loro; ogni individuo, facendo parte di diverse cerchie sociali, rappresenta un nodo di collegamento fra loro.

Sempre Mattioli (1995) afferma che l’elemento fondamentale che favorisce la nascita di un gruppo è lo scopo comune a più persone, che può essere conseguito esclusivamente attraverso la continua cooperazione, il sostegno reciproco, la divisione dei compiti e il comune accordo. Lo scopo caratterizza anche la tipologia dei gruppi sociali: qualora esso sia prevalentemente legato allo scambio di affetti, di emozioni, connotato da interazioni di tipo intimo e informale, si parla di gruppo primario. Il gruppo primario viene anche definito gruppo spontaneo, perché si forma sotto la spinta di istintiva attrazione tra persone che si stimano, che sviluppano un rapporto di amicizia e di affetto.

Questo tipo di gruppo è generalmente di dimensioni ridotte, per consentire ai membri di stabilire rapporti reciproci sufficientemente profondi, ad un livello di intimità significativo; per questo motivo si dà loro anche la definizione di gruppi ristretti o psicogruppi (Attili, 2001). Non bisogna incorrere però nella facile inferenza che gruppo ristretto e gruppo primario significhino sempre la stessa cosa, visto che possono formarsi piccoli gruppi non per scambiare affetto o amicizia, ma per realizzare un compito pratico, materiale, che prescinde dalla qualità dei rapporti tra i membri.

Possiamo invece definire gruppo secondario quello che si crea in risposta ad un bisogno di organizzazione e di cooperazione per il raggiungimento di scopi pratici; questo tipo di gruppo, secondo Petruccelli (2010), è caratterizzato da un’organizzazione pre-esistente e da un struttura più o meno delineata, utile al raggiungimento dello scopo e alla razionalizzazione delle procedure. Partendo da questa classificazione e considerando le dinamiche che ne consentono la creazione, i gruppi dei pari rientrano nelle forme di socializzazione primaria di tipo spontaneo. I peer groups o gruppi amicali sorgono nel momento in cui i loro membri vi aderiscono in modo libero, attratti in questa dinamica di associazione libera dalla possibilità di condividere bisogni e problemi comuni legati, nel caso si consideri l’adolescenza e la giovane età adulta come riferimento, alla pubertà, allo sviluppo cognitivo, la scoperta della sessualità. In questi gruppi spontanei gli individui non incontrano barriere gerarchiche precostituite, poiché le relazioni si connotano nella parità reciproca e si sviluppano su un piano intensamente affettivo-emotivo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fattori di protezione dei comportamenti a rischio:il ruolo dell'appartenenza associativa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Guanciale
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Chiara Simonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
pari
associazionismo sportivo
associazionismo giovanile
teenager
comportamenti a rischio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi