Skip to content

La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI

Gli anni di Putin e gli sviluppi della CSI

Vladimir Vladimirovič Putin, nativo di Leningrado, l’odierna San Pietroburgo, visse un’infanzia povera all’interno di una kommunalka, un appartamento condiviso da più famiglie. Figlio di un’operaia e di un sommergibilista della Marina Militare sovietica, nel 1975 si laureò in Diritto Internazionale presso l’Università Statale di Leningrado e si iscrisse al PCUS. Finiti gli studi, entrò nel KGB, organizzazione per la quale lavorò in diversi ruoli fino al 1990 e che lo portò anche a vivere per cinque anni a Dresda, nella Repubblica Democratica Tedesca. Nel 1990 fu richiamato a Leningrado, dove fu inserito nella sezione di Affari Internazionali dell’Università Statale e strinse i rapporti con Anatolj Sobčak, l’allora Sindaco di Leningrado, nonché professore assistente e relatore di Putin ai tempi degli studi. Divenutone Consigliere per gli Affari Internazionali nel maggio del 1990, nel giugno del 1991 fu poi posto a capo del comitato per le relazioni esterne della città. Il 20 agosto dello stesso anno, in seguito al fallito golpe, Putin rassegnò le proprie dimissioni dal KGB.
Nel 1992 gli venne affidata la direzione SPAG, un’agenzia immobiliare tedesca con sede a San Pietroburgo. Nel 1994 venne nominato deputato alle elezioni supplementari della città di San Pietroburgo. Dal 1995 fino al giugno del 1997 Putin guidò la delegazione pro-governo della città nel Partito politico Nostra Casa-Russia; durante questo stesso periodo fu inoltre a capo del Gruppo editoriale del giornale Sankt-Peterburgskie Vedomosti. Nel 1996, in seguito alla sconfitta elettorale di Sobčak ed alla vittoria di Jakovlev come Sindaco di San Pietroburgo, Putin venne chiamato a Mosca e divenne Capo Delegato del Dipartimento per la Gestione della Proprietà Presidenziale, mentre l’anno successivo El’cin lo pose alla direzione del Personale Presidenziale. Tra maggio e luglio del 1998 fu nominato Primo Delegato Capo del Personale Presidenziale per le Regioni e Presidente della Commissione per la Preparazione degli Accordi sulla limitazione del potere alle Regioni, assumendo poi ad agosto la leadership del FSB. Nel marzo del 1999 diventò il Responsabile del Consiglio di Sicurezza della Federazione russa ed il 9 agosto Primo Ministro. Dopo le dimissioni di El’cin, si ritrovò ad essere Presidente ad interim in quanto Capo del Governo ed ebbe modo di accrescere la propria fama dimostrando durezza e personalità nell’affrontare la crisi caucasica. Alle elezioni presidenziali del 26 marzo 2000 Putin vinse al primo turno con il 52,94% dei voti (39.740.467 preferenze), staccando nettamente Zjuganov (29,21%, 21.928.468).
Il neo Presidente federale dovette innanzitutto confrontarsi con le recrudescenze dello scenario caucasico: dopo la pacificazione del Daghestan, realizzata nel settembre del 1999, era riesploso il conflitto tra Mosca e Grozny.
Il 26 agosto, infatti, l’esercito russo lanciò un’offensiva armata, volta alla riconquista dei territori in mano ai separatisti ceceni e basata inizialmente su pesanti bombardamenti. Il primo ottobre Putin, da poco nominato Primo Ministro, dichiarò illegittima l’autorità del Presidente ceceno Maskhadov e del Parlamento a lui sottoposto. Il 10 ottobre Maskhadov presentò un piano di pace, nel quale si prendevano le distanze dai leader della guerriglia Basev e al-Khattab e se ne condannavano gli attentati terroristici, ma Putin non volle aprire nessuna trattativa ed optò per la prova di forza. Il Presidente ceceno, a sua volta, dichiarò la jihad, la guerra santa, contro la Federazione russa, richiamò nell’esercito tutti i riservisti ed istituì la legge marziale. Il 2 febbraio del 2000, dopo mesi di duri scontri, i Russi presero Grozny, ormai un cumulo di macerie, e le ostilità si spostarono nelle zone montuose della regione. Entro maggio, l’esercito russo aveva assunto il controllo della quasi totalità del territorio ceceno: di conseguenza, Putin poté imporre un nuovo Governo filorusso, guidato da Akhmad Kadyrov. La situazione venne così stabilizzata, almeno per il momento, anche se gli scontri fra Russi e ribelli indipendentisti ceceni si protrassero fino al 2009.
La fermezza dimostrata da Putin nell’affrontare la seconda crisi cecena gli valse un’immediata credibilità, sia interna che internazionale. Il Presidente ebbe allora la possibilità di concentrarsi sui problemi salienti della Federazione russa, come il miglioramento delle condizioni economiche e l’affermazione del potere centrale sui gruppi oligarchici di potere che avevano prosperato negli anni el’ciniani.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La nuova Russia e la politica di neoegemonia all'interno della CSI

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Barbon Di Marco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Cesare La Mantia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

urss
putin
csi
perestrojka
gorbacev
el'cin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi