Skip to content

La Gestione del Rischio attraverso i CDS

Il Contesto e lo sviluppo dei CDS

I CDS nati nel 1993, si affermarono lentamente principalmente per due ragioni, la scarsa standardizzazione del prodotto e la mancanza di regole universalmente condivise.
Tuttavia, in seguito grazie ad interventi mirati da parte delle principali istituzioni coinvolte, il panorama di incertezza si trasformò in campo fertile per la crescita del prodotto CDS sul mercato. Attualmente, i CDS sono il derivato creditizio più diffuso, ce lo testimoniano i dati dell'ISDA. I dati fanno riferimento a mercati "OTC" (over the counter, mercati non regolamentati), dal momento che ad oggi i CDS vengono trattati soltanto in questo ambito.

I primi anni del nuovo millennio, il CDS fu travolto da un importante tasso di crescita, che raggiunse l'apogeo nel secondo semestre del 2007, crescita dovuta soprattutto allo svincolarsi del CDS in quanto tale dal sottostante di riferimento, assistiamo infatti, alla diffusione imperterrita dei c.d. "naked CDS", letteralmente CDS scoperti. Negli anni di maggiore diffusione "chiunque" acquistava protezione (mediante pagamento di un premio periodico fisso) in virtù del basso costo richiesto dalle compagnie assicurative contro i rischi legati ai CDS, pur non avendo un diretto interesse nei confronti dell'evento assicurato, in sostanza, si scommetteva che una determinata società di riferimento fallisse o che comunque non sarebbe stata in grado di onorare i propri debiti a breve. Ovviamente la causa di un tale proliferare va ricercata anche nel contesto normativo prima e storico poi, quest'ultimo caratterizzato da bassi tassi di default sul debito di società private. Sono pochi infatti, gli operatori privati che falliscono nel triennio 2004-2007 e quelli che lo fanno, non suscitano un clamore eccessivo. Motivo per cui assistiamo ad una compressione degli spread sul credito che giustificano l'impennata nella domanda di CDS. A fronte di spread bassissimi (intesi come premio periodico che grava in capo all'acquirente di protezione), costava poco agli investitori assicurare i propri titoli , mentre gli assicuratori (venditori di protezione) consci di quanto fosse remota l'ipotesi di fallimento, stipulavano contratti assicurando nozionali che andavano al di là di ogni possibilità di copertura.
Per avvalorare la tesi sopra proposta, si osservi il triennio 2004-2007, ovvero quello caratterizzato dal maggior tasso di crescita del prodotto CDS, sia anche caratterizzato anche dal minor tasso annuale di default sul debito per le società private.
La domanda di assicurazioni contro i rischi raggiunse il suo picco massimo agli inizi del 2008, ma la rotta presto si invertì, con le prime avvisaglie sui mutui subprime, accompagnate dalla scomparsa della "Bear Stearns". Il mercato cominciò ad avere paura ed inevitabilmente gli spread di credito si allargarono invertendo la tendenza alla compressione. Quello che inizialmente sembrava un problema circoscritto al solo caso USA, si estese rapidamente ad altri segmenti dei mercati del credito e ai mercati finanziari più in generale, al punto da pregiudicare seriamente il funzionamento di ampie parti del sistema finanziario. Questo è quanto emerge anche dalla 78a Relazione annuale della BRI (Banca dei Regolamenti Internazionali).

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Gestione del Rischio attraverso i CDS

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Caloia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Fabrizio Cacciafesta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi finanziaria
derivati
assicurazione
swap
pricing
credit default swap
gestione rischio
matrici di transizione
contratto credit default swap
valutazione rendimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi