Skip to content

Cinema e cultura delle differenze

Il ruolo del cinema nell'educazione

Tra i vari media su cui è necessario lavorare nelle scuole, un ruolo particolare lo ha il cinema. I film infatti sono strumenti relativamente semplici da reperire e facili da utilizzare anche all'interno delle ore di lezione; si riferiscono a contenuti dei più diversi ambiti problematici e disciplinari; utilizzano un linguaggio che gli alunni conoscono e comprendono anche meglio di quello scritto; consentono di modificare lo stimolo rispetto all'insegnamento tipicamente verbale della scuola. La forza principale del cinema consiste nella possibilità che ha di rimandare in modo immediato e concreto ad ambiti spaziali e temporali definiti e a soggetti in carne ed ossa, per cui può diventare molto utile per descrivere un fatto o presentare un problema. Inoltre, grazie alla sinergia del linguaggio parlato, visivo, gestuale e musicale, ha una forte presa emozionale che consente il coinvolgimento e l'identificazione suscitando interesse e interrogativi e motivazione allo studio.
Non bisogna inoltre dimenticare che il cinema è diventato un protagonista indiscusso della divulgazione. La scuola non ha certo la possibilità di competere con la forza divulgativa dei media e del cinema ma può utilizzare questi prodotti per analizzarli in profondità e con senso critico. L'uso che si può fare del cinema nelle scuole è molto vario e in genere valido se inserito all'interno di una progettazione didattica. Per questo l'unico modo in cui non deve essere usato il cinema è quello riempitivo o passatempo occasionale perché questo modo toglie al cinema la connotazione che lo rende uno strumento con cui svolgere un compito di riflessione e di studio.

Nell'ambito di una proposta didattica attenta alla dimensione culturale il cinema si pone come strumento utile per diverse ragioni. Per prima cosa perché permette di "vedere" e questo lo rende uno strumento assolutamente indispensabile in tutti quei percorsi interculturali che cercano di avvicinarsi e conoscere l'altro. Infatti un filmato proprio per il suo carattere visivo è in grado più di qualunque testo scritto o narrazione orale, di descrivere lo spazio e quindi di mostrare ambienti concreti, di presentare soggetti reali nella loro dimensione quotidiana, di far percepire situazioni, oggetti, gesti diversi a cui l'alunno è abituato. Permette quindi di entrare in contatto e di osservare realtà diverse e questa può essere l'occasione per relativizzare le proprie certezze e per chiedersi le ragioni delle differenze o delle somiglianze nei valori, nei desideri o nelle strategie di sopravvivenza da parte di popoli di culture diverse o di soggetti con particolarità diverse dalla normalità. In secondo luogo il cinema riesce a mettere a fuoco una situazione problematica, grazie alla sua capacità di raccontare una storia nel breve tempo di un filmato e alla forte presa emozionale del linguaggio audiovisivo. Per questo può diventare uno strumento molto utile per cominciare a presentare un problema di tipo sociale, politico, storico, ambientale che poi dovrà essere approfondito ed analizzato.
Inoltre, sempre grazie alla potenza comunicativa che favorisce il coinvolgimento e l'identificazione, un film può far emergere stereotipi e pregiudizi mettendoli successivamente in discussione e favorire l'ampliamento dei punti di vista. In questo caso è il cinema stesso che diventa oggetto dell'analisi interculturale, in una ricerca su come il linguaggio audiovisivo intervenga nel costruire l'immaginario collettivo, il senso comune e l'insieme dei valori di una società. Leggendo i film in modo de costruttivo, infatti, potremmo cogliere per esempio cosa sia considerato "normale" in campo sessuale, l'immagine della donna e del suo ruolo, il rapporto con lo straniero a seconda che venga da un paese ricco o povero, il rapporto con il denaro o con la natura, le differenze socio-economiche e religiose ecc. Questi sono elementi molto importanti per riflettere sulla nostra identità nazionale, sulla cultura europea o su quella occidentale, sulla cultura degli altri in un momento in cui si continua a parlare di scontro tra civiltà. Attraverso il film vengono fuori tutti gli aspetti della differenza che vengono in seguito analizzati, scomposti e decostruiti attraverso percorsi didattici organizzati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cinema e cultura delle differenze

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Amelia Farina
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Alessandro Vaccarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi