Skip to content

Artiglierie a confronto: Piemontesi e Napoletani a Gaeta

L’Italia Meridionale al centro degli interessi del ''partito d'azione''

Nella primavera del 1860 un vigoroso passo avanti verso la trasformazione dello status politico dell’Italia era compiuto. Esistevano ancora vari problemi: l’Austria occupava ancora il Veneto; lo Stato pontificio sopravviveva grazie al presidio francese; il regno delle Due Sicilie esprimeva l’antitesi vivente del progresso verso il movimento liberale e nazionale dell’Italia.
La crisi politica succeduta a Villafranca aveva ridato spazio all’azione mazziniana e alle pressioni perché il movimento nazionale si sottraesse alla tutela di Napoleone III. La svolta della fine del 1859 aveva restituito l’iniziativa alle forze filocavouriane: Giuseppe La Farina aveva ricostituito la “Società nazionale”, quasi come un partito governativo, ottenendo che Garibaldi ne accettasse la presidenza. Però la crisi per la cessione di Nizza e della Savoia aveva riaperto l’antagonismo. Garibaldi, divenuto aspro avversario di Cavour dopo la cessione di Nizza, aveva lasciato la “Società nazionale”e aveva dato vita ad un’associazione chiamata “La nazione armata”.
All’ombra del prestigio garibaldino nasceva il “partito d’azione”, capeggiato da uomini come Francesco Crispi, Agostino Bertani, Nicola Fabrizi. Il re stesso lasciava trasparire una certa simpatia verso i progetti del “partito d’azione”, sospinto anche dal Rattazzi e dal persistente dissenso verso il Cavour. Vittorio Emanuele non condivideva le cautele diplomatiche del suo primo ministro e propendeva per un’iniziativa vigorosa e immediata. Per questo frequentemente si incontrò con Garibaldi.
Tra le regioni verso cui orientare i piani d’azione, scartato il Veneto per le naturali difficoltà con l’Austria e scartato lo Stato pontificio, perché ciò avrebbe portato a un conflitto con la Francia, rimaneva l’Italia meridionale, da anni considerata oramai matura per una rivolta.
La situazione interna, infatti, del Regno delle Due Sicilie, chiamato comunemente Regno, dava ragione alla diagnosi di coloro che affermavano l’esistenza di una
crisi sempre più profonda. L’immobilità economica, l’inerzia politica e l’isolamento internazionale erano cresciuti col trascorrere del tempo. La morte di Ferdinando II, il 22 maggio 1859, aveva tolto di scena l’uomo che, pur nei suoi difetti, aveva rappresentato alcunché di vitale. Il suo successore, Francesco II, figlio primogenito, giovane di indole sensibile ma di educazione politica limitata, non possedeva certo la personalità risoluta e dominante del padre; era invece debole e insicuro, perciò era l’opposto del sovrano che sarebbe stato necessario in un momento di crisi come quello che si stava avvicinando.
L’ascesa al trono del nuovo sovrano ( ma soprattutto la posizione strategica del Regno nel Mediterraneo) aveva offerto l’occasione per il ristabilimento delle relazioni diplomatiche con la Francia, la Gran Bretagna ed il regno di Sardegna. Il Cavour inviò a Napoli, in missione straordinaria, un fidato collaboratore, il conte di Salmour, al quale affidò l’incarico di persuadere Francesco II a un mutamento di rotta radicale, che riportasse in vigore la mai abrogata costituzione del 1848 e fosse rafforzato da un’alleanza tra Napoli e Torino. Francesco II dal canto suo aveva già iniziato un mutamento di linea, chiamando al potere il principe Filangieri. Ma la posizione del Regno nella penisola era tale che difficilmente il governo napoletano poteva intravedere un vantaggio per sé dalla stipulazione di un’alleanza con quello torinese. Pertanto l’accoglienza che il Salmour ottenne fu negativa e rimase tale anche dopo l’armistizio di Villafranca.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Artiglierie a confronto: Piemontesi e Napoletani a Gaeta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Scarpati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze strategiche
  Relatore: Giuseppe Bracco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

borboni
esercito
regno delle due sicilie
savoia
guerra d'indipendenza
artiglieria
gaeta
piemontesi
napoletani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi