Skip to content

"Misurare la felicità": opportunità e limiti degli indici di benessere tra Pil e democrazia

La felicità è una questione politica?

Perché lo stato dovrebbe preoccuparsi di sapere se i cittadini sono felici? E' una domanda ricorrente – e comprensibile – che rispecchia non solo il timore nei confronti di metodi di misurazione nuovi e inusuali, ma anche la perplessità su un interesse che a fatica, oggi, si riconosce ai governi. Se effettuare ricerche sulle dimensioni del benessere nella sua totalità crea, come si vedrà, non poche difficoltà sia metodologiche che comunicative, occuparsi nello specifico di felicità – o benessere soggettivo – comporta un aumento non indifferente di complicazioni, che i media certamente non nascondono. E' fondamentale contestualizzare il Swb nell'ambito delle misurazioni del benessere per chiarire che si tratta semplicemente di un ulteriore aspetto di interesse, peraltro non sempre considerato. Occorre altresì commentare i metodi di indagine riportando le evidenti difficoltà, gli aspetti critici e quei risultati che possono sembrare al limite del paradossale: l'esempio del metodo Acsa, in questo senso, ci sembra una proposta convincente per chi obietta sulla semplicità nell'assegnare un voto da 1 a 10 alla propria felicità. Eppure la domanda sopra citata rimane alla base dell'intera questione e non sempre trova risposte pienamente convincenti. Prima di passare all'analisi dei principali indici di benessere, dunque, é bene soffermarsi sulla ragione che porta i governi ad occuparsi di benessere e, in alcuni casi, di felicità.
E' certamente corretto portare la riflessione sul fatto che lo Stato ha il dovere preoccuparsi del grado di benessere dei suoi cittadini, così come lo è esigere che chi amministra i pubblici poteri si chieda cosa è veramente importante per gli individui: se conti di più l'ambiente pulito o un maggior benessere economico, se la sicurezza sia ritenuta più importante della gestione delle strutture pubbliche, se gli investimenti pubblici debbano servire per sviluppare la mobilità o piuttosto per favorire le occasioni di socializzazione nelle città. La politica, in fin dei conti, si occupa proprio di definire le priorità, rispecchiando per quanto possibile le esigenze dei cittadini, i quali ritengono sia onere dei governanti garantire le opportunità per raggiungere un soddisfacente livello di felicità. La logica dello sviluppo, per tutto il tempo in cui ha funzionato, ha forse ridotto l'attenzione nei confronti di una tale ovvietà, ma nel momento in cui si sperimentano i limiti della crescita, è inevitabile che la politica debba interrogarsi su tutti i fattori che determinano la qualità della vita. Non solo: deve chiedersi cosa gli uomini intendano per ‘felicità' e quale peso abbia nella loro vita, quanto sia determinante nel plasmare la loro visione dell'ordine sociale. La democrazia, se vogliamo, nel riconoscere i diritti civili, politici e sociali fondamentali dell'uomo mira proprio alla sua soddisfazione complessiva, nonostante agli occhi di molti la crisi di legittimità degli ultimi trent'anni abbia reso tale obiettivo un'utopia.

Ciascuno di noi, con poche eccezioni, desidera certe cose: la sopravvivenza, il cibo, un tetto, la salute, l'amore, il rispetto, la sicurezza, una famiglia, degli amici, un lavoro soddisfacente, dei divertimenti, eccetera. Il modello specifico dei vostri desideri sarà probabilmente diverso dal modello di qualcun altro, come la maggior parte delle persone, certamente vorrete esercitare un qualche controllo sui fattori che determinano se e in che misura potrete soddisfare i vostri desideri: una certa libertà di scelta, la possibilità di plasmare la vostra vita in base ai vostri scopi, preferenze, gusti, valori, responsabilità, convinzioni. La democrazia tutela questa libertà e queste opportunità meglio di qualunque altro sistema politico mai concepito (Dahl 1998,57)

Proprio Dahl lamenta la distanza che si è creata fra la realtà della democrazia ed il suo ideale: ideale che invece, fin dagli albori, non solo contempla in maniera determinante la felicità, ma utilizza come termometro proprio il punto di vista dei cittadini. La produttività pratica in termini di giustizia, libertà e coesione sociale è solo una faccia della medaglia, mentre l'attenzione alla concezione della cosa pubblica può riportare a considerare l'importanza dell'antico rapporto tra democrazia e felicità, la quale, di fatto, è anche una questione politica.

Questo brano è tratto dalla tesi:

"Misurare la felicità": opportunità e limiti degli indici di benessere tra Pil e democrazia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Daghia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale
  Relatore: Giancarlo Gasperoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pil
felicità interna lorda
democrazia partecipata
indice di benessere
misurazione felicità
stiglitz, sen, fitoussi
storia della felicità
misurazione benessere
democrazia e felicità
felicità in bhutan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi