Skip to content

Le dichiarazioni di terzi nel processo tributario

Il divieto di prova testimoniale oggi

È stato osservato che l'esclusione della prova testimoniale sia deducibile dalla natura prettamente documentale del processo tributario e ciò è stato confermato anche dalle singole leggi d'imposta che hanno escluso la prova per testi e affermato la centralità della prova documentale riguardo a determinati fatti e circostanze. Il processo tributario, oltre a non prevedere il requisito dell’oralità, non sarebbe in grado, nemmeno in virtù di un principio di economia processuale, di sostenere la complessità dell’acquisizione di una simile prova.

A tal proposito la Cassazione ha recentemente confermato che «il divieto relativo all’acquisizione della prova testimoniale nel processo tributario, trova fondamento nell'esigenza di celerità e speditezza del rito». La stessa Cassazione, con sentenza 19 giugno 2009 n. 14328, ha inoltre affermato che «qualora l’interessato voglia contestare la veridicità dell’atto richiamato nel processo verbale di constatazione dovrà necessariamente proporre la querela di falso. Siffatta constatazione non può avvenire mediante una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, in quanto nessuno può costituire titoli di prova a favore di se stesso, e poiché l’efficacia probatoria dell’accennata dichiarazione trova, con specifico riferimento al contenzioso tributario, ostacolo invalicabile nella previsione dell’art. 7, comma 4, del D.lgs. n. 546/1992, giacché finirebbe per introdurre nel suddetto processo, eludendo il divieto di giuramento e di prova testimoniale, un mezzo di prova, non solo equipollente a quello vietato, ma anche costituito fuori dal processo».

Va tuttavia precisato che le "informazioni scritte" che è possibile farsi rilasciare da soggetti terzi in virtù dei poteri d'indagine conferiti alle Commissioni tributarie ex art. 7, comma 1, del D.lgs. n. 546/1992, sono differenti dalla testimonianza. Difatti, come confermato dalla dottrina, le deposizioni trascritte nei processi verbali redatti nell'attività ispettiva dagli uffici tributari o dalla Guardia di Finanza, nonché, le dichiarazioni di terzi introdotte in sede processuale mediante la produzione del documento che la racchiude, sono ammissibili a tutti gli effetti ai fini della definizione della controversia. La Suprema Corte si è premurata di ricondurre le dichiarazioni di terzi all'alveo di «elementi indiziari»; il valore di tali elementi indiziari potrà essere contestato dal contribuente con mezzi alternativi o con dichiarazioni contrarie, sarà affidato alle Commissioni tributarie il compito di valutare con prudente apprezzamento l'attendibilità delle stesse.

In virtù di queste considerazioni, dobbiamo dunque tracciare una distinzione importante, ai fini dell'attività istruttoria condotta nel processo tributario, fra «informazioni testimoniali», da una parte, e «prova testimoniale» dall’altra. Le prime vengono desunte da dichiarazioni precostituite e sono dichiarazioni di scienza provenienti da terzi utilizzabili ai fini della definizione del giudizio, seppur con i limiti fissati dalla Suprema Corte; esse possono consistere anche in informazioni che l'Amministrazione finanziaria dello Stato ha la facoltà di chiedere ai privati in virtù degli artt. 32 D.P.R. 600/1973 e 51 D.P.R. 633/1972. La prova testimoniale vera e propria, invece, non può essere ammessa in nessun caso proprio in virtù del divieto espresso sancito dall'art. 7, comma 4, del D.lgs. n. 546/1992. Secondo parte della dottrina, però, il divieto di prova testimoniale dipende esclusivamente da ragioni di natura contingente e non perché sussiste un'incompatibilità oggettiva tra controversie tributarie e prova testimoniale. È assurdo pensare che se la controparte non s'identifichi con il Fisco, solo per questa ragione, questi debba essere considerato inaffidabile, dal momento che l'affidabilità di una prova testimoniale va comunque giudicata dal libero apprezzamento del giudice, senza alcun vincolo di prova legale.

Buona parte della dottrina obietta che l'unica ragione che conduce al divieto di prova testimoniale sia la ricerca di un processo spedito e sommario che però va a mortificare i principi costituzionalmente garantiti di oralità, del contraddittorio e della formazione giudiziale della prova. Il divieto di prova testimoniale rischia quindi di andare a violare il principio di "parità delle armi" nel processo, dal momento che va ad avvantaggiare in modo sproporzionale gli uffici fiscali, i quali hanno la possibilità di acquisire dichiarazioni di terzi direttamente nei processi verbali per poi utilizzarle in sede processuale, andando ad aggirare, secondo l'opinione di molti, il quarto comma dell'art. 7 del citato decreto, possibilità che invece viene negata al contribuente e allo stesso giudice.

Neanche l’esame delle dichiarazioni di terzi da parte del giudice serve a ripristinare il principio di parità processuale delle parti, atteso che al giudice non viene data la possibilità di chiedere riscontri diretti al dichiarante o di valutare la credibilità deducendola dal complessivo atteggiamento. Si è obiettato inoltre che tali dichiarazioni quando vengono fornite durante particolari procedure, quali per esempio gli accertamenti da parte della Guardia di Finanza, possono portare all'alterazione del contenuto della dichiarazione nel caso in cui vengano esercitate pressioni da parte dei verbalizzanti ed è per questo motivo che è stato richiesto l'intervento di un riesame giudiziale di tali dichiarazioni. Date le concordanti opinioni presenti in materia appare difficile trovare una soluzione che soddisfi tutti e che allo stesso tempo vada a salvaguardare il divieto di prova testimoniale nonché la valenza probatoria delle dichiarazioni raccolte a verbale dagli uffici finanziari. La tesi «garantista» prevede che il divieto di prova testimoniale nel processo tributario renda pregiudizialmente inutilizzabile qualsiasi dichiarazione di terzi raccolta a verbale oppure imponga di confermarla con prove di altra natura: essa andrebbe a vanificare tutti i poteri istruttori degli uffici tributari che si limiterebbero alle sole dichiarazioni di terzi raccolte a verbale.

Un compromesso razionale potrebbe apparire l’interpretazione restrittiva del divieto di prova testimoniale, ammettendo nel processo tributario anche le dichiarazioni scritte di terzi prodotte dal contribuente a proprio favore. In realtà la Corte Costituzionale, pur pronunciandosi favorevolmente nei confronti del quarto comma dell'art. 7 del D.lgs. n. 546/1992, ritenendo legittimo il divieto imposto, ha omesso di indicare una soluzione soddisfacente a questa diatriba che va animando da anni il campo del diritto processuale tributario. Secondo gran parte della dottrina, il divieto di prova testimoniale dovrebbe essere mitigato, magari ricercando un compromesso con l'esigenza di speditezza del processo, d'altro canto, si dimentica forse che la valutazione della prova testimoniale e la susseguente ammissione è ordinariamente rimessa alla discrezionalità del giudice, il quale, nel processo tributario, terrebbe sicuramente conto di tale esigenza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le dichiarazioni di terzi nel processo tributario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carla Romano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Salvatore Sammartino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

divieto di prova testimoniale
dichiarazioni di terzi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi