Skip to content

Comunicazione e pubblicità come fonte di valore per il marchio: il caso Guess

La comunicazione pubblicitaria

Secondo Philip Kotler, considerato uno dei maggiori esperti al mondo nelle strategie di marketing, la pubblicità è "qualunque forma di presentazione e promozione non personale d'idee, beni o servizi finanziata e svolta da un soggetto promotore ben identificato" (Kotler 2007, 652).
L'audience, relativa ad un veicolo pubblicitario, è data dall'insieme di individui esposti ai messaggi dello stesso, in un determinato periodo di tempo (Vernuccio 2006, 169).
Esso può rivolgersi a un pubblico indifferenziato (bambini, adulti, uomini, donne...) oppure a un segmento di mercato specifico (solo le donne, solo i giovani ecc.). I mezzi di comunicazione più diffusi e usati sono: televisione, quotidiani, riviste, radio, cinema, Internet, affissioni, mezzi di trasporto, gadget, volantini, sms ed email. La forza comunicativa della pubblicità risiede nella sua capacità di "muovere" il pubblico, cioè di indirizzare la sua attenzione verso un oggetto pubblicizzato.
L'attrattiva di un brand o di un prodotto si ricava soprattutto grazie alla creazione di un ambiente mentale e una propensione d'animo favorevoli.
L'advertising tramite l'accostamento d'idee e immagini piacevoli, carica il prodotto di caratteristiche inedite e rilevanti e il soggetto attraverso la spesa sente di aver "migliorato la sua condizione di vita".
Essa però è anche soggetta al cambiamento: non rimane mai uguale a se stessa, segue nel tempo le dinamiche e l'evoluzione dei contesti di comunicazione in cui si trova.
Gli scopi pubblicitari fondamentali per un'impresa sono:

- far sapere al consumatore che esiste e formare in lui un sistema di percezione positivo;

- costruire un'immagine coerente al concept aziendale;

- sviluppare l'intenzione di acquisto e della domanda primaria;

- avere il maggior numero di clienti fedeli.

Un'impresa dopo aver investito per creare, innovare e produrre un prodotto o un servizio a valore aggiunto, ha bisogno della pubblicità per comunicare questa diversità.

"La pubblicità è una conseguenza della marca […], è l'ultima fase di un processo che comincia con la creazione di una differenza, di un valore aggiunto, e procede con la messa in produzione industriale e l'assunzione del rischio finanziario connesso" (Kapferer 1991, 47- 48).

La comunicazione è necessaria, il mercato deve essere informato dell'esistenza di un miglioramento o della modifica del prodotto. Senza la pubblicità, la marca non potrebbe raggiungere rapidamente il suo target di riferimento e dovrebbe attendere il lento formarsi del passaparola dei consumatori che hanno provato per primi i beni commercializzati.
Infatti, come sostiene il sociologo Fabris:

"La pubblicità svolge una funzione insostituibile nel fornire un sorriso alle merci; nell'attribuire loro colore e calore; nel portare, sia pure a livello iconico e virtuale, i beni nelle nostre case; nel conferire un significato epico o comunque memorabile ai prodotti più dimessi e ai nostri comportamenti quotidiani; nel mettere a disposizione di tutti un'enciclopedia di facile consultazione sull'universo dei consumi" (Fabris 1991, 16).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comunicazione e pubblicità come fonte di valore per il marchio: il caso Guess

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Salerno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Stefano Calabrese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi