Skip to content

L'Azione Revocatoria Fallimentare dopo la Riforma

L’indebitamento complessivo

Recenti proposte interpretative della giurisprudenza e della dottrina, sono orientate nel senso di ritenere che la valutazione dell’effetto riduttivo della rimessa, che deve essere «consistente» e «durevole» per giustificarne la revoca, non vada riferita alla «esposizione» del conto corrente, ma bensì alla «esposizione complessiva» del correntista nei confronti della banca, comprensiva anche dei rapporti diversi dal conto corrente.

«Ai sensi dell’art. 67 1. fall., nel nuovo testo normativo, le rimesse in conto corrente bancario sono revocabili se sono intervenute nei sei mesi anteriori alla dichiarazione di fallimento ed abbiano ridotto in maniera consistente e durevole l’esposizione debitoria del fallito nei confronti della banca con la scientia decoctionis dell’accipiens, senza che possa più assumere rilevanza la distinzione tra conto passivo e conto scoperto elaborata nell’interpretazione giurisprudenziale emersa nella trascorsa disciplina per individuare le rimesse aventi natura solutoria.

Ai fini dell’azione revocatoria fallimentare, pur in presenza di un conto affidato e l’esistenza di un saldo attivo, occorre considerare le operazioni con cui la banca abbia estinto i propri crediti verso la correntista “(nella specie, pur sussistendo un contratto di affidamento inerente ad un rapporto di conto corrente in corso, ma di fatto non più operante, la banca aveva utilizzato le rimesse non per effettuare pagamenti a terzi nell’esercizio della funzione di intermediazione nell’ambito del rapporto di conto corrente in corso, ma per ripianare esposizioni del cliente derivanti da altri rapporti di import ed export operanti su conti separati con l’istituto, divenendo effettiva beneficiaria dei versamenti intervenuti)”.

Ai fini della valutazione della “consistenza” e della “durevolezza” della riduzione dell’esposizione debitoria del correntista per la revocatoria fallimentare delle rimesse in conto corrente bancario ex art. 67, terzo comma, lett. b), 1. fall., la movimentazione successiva del conto corrente che abbia esteso o ricreato il saldo debitore non esclude la revocabilità delle rimesse anteriori qualora non si sia trattato di operazioni di riutilizzo del conto da parte del cliente, ma di addebiti di posizioni creditorie della stessa banca (“nella specie, finanziamenti all’esportazione scaduti”).

Il requisito della “consistenza” e della “durevolezza” della riduzione dell’esposizione debitoria del correntista, ai fini della revocatoria fallimentare delle rimesse in conto corrente ai sensi dell’art. 67, terzo comma, lett. b), 1. fall„ va valutato alla luce dell’esposizione complessiva del cliente, quale risultante dalla sommatoria del debito di conto corrente e di quelli relativi ad altre forme tecniche di finanziamento, e sussiste qualora la riduzione superi le normali oscillazioni dei saldi di conto corrente.

L’art. 70, terzo comma, 1. fall. introduce un criterio per limitare l’oggetto della restituzione a seguito della revocatoria fallimentare e segna il limite quantitativo entro il quale il convenuto risponde; esso integra pertanto una condizione impeditiva che va eccepita tempestivamente dal convenuto sul quale incombe l’onere della prova, allegando e dimostrando quale fosse l’esatto ammontare della differenza fra la massima esposizione debitoria raggiunta dal fallito nel periodo c.d. “sospetto” ed il saldo finale, tenendo conto di tutte le linee di credito accordate, a prescindere dal fatto che al momento della rimessa fossero già state formalmente contabilizzate sul conto».

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Azione Revocatoria Fallimentare dopo la Riforma

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigino Narduzzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'Economia
  Relatore: Andrea Morsillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art.67 rd 267/1942
riforma legge fallimentare
composizione negoziale crisi d'impresa
commissione trevisanato
azzeramento azioni revocatorie
dimidiazione periodo sospetto
scientia decoctionis par condicio creditorum
teoria indennitaria, lobby bancaria
riduzione consistente e durevole
professionista attestatore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi