Skip to content

La comunicazione del sistema moda: dai linguaggi tradizionali al fashion film

Il rapporto tra il cinema e la moda

Il cinema è considerato come uno dei principali sistemi e linguaggi comunicativi di massa. «Quale grande depositario e motore dell’immaginario sociale, le narrazioni che il cinema ci presenta sono parte integrante della vita quotidiana». Possiamo considerare che fin dai suoi albori il cinema sia stato strettamente connesso con il sistema moda. Calefato ci suggerisce di pensare al cinema in costume ma soprattutto al concetto che, nel sistema di costruzione del senso che è il cinema, la moda «rappresenta un’ulteriore macchina significante che esprime il senso del corpo del personaggio». Cinema e moda quindi si incontrano molto presto, possiamo pensare già agli inizi del Novecento, e portano avanti un connubio che si rafforza sempre di più. Una tappa fondamentale è la nascita, dagli anni Trenta, del sistema cinematografico hollywoodiano. Con la nascita dello star system, dei divi e dei film diventati di culto, si compone il nostro immaginario collettivo e il cinema esercita il maggiore influsso sulla moda, fino a imporsi come diffusore di stili e tendenze. In quegli anni nasce anche la figura del costumista:
«soltanto a partire dal 1948 venne istituito il premio Oscar per i costumi: alle origini del cinema, infatti, le attrici provvedevano personalmente al loro guardaroba oppure, per i film in costume, ricorrevano alle sartorie teatrali».
Calefato ci ricorda che il ruolo dello stilista e quello del costumista cinematografico differiscono tra loro, anche se abbiamo casi in cui lo stilista non firma solo gli abiti utilizzati ma lavora anche sulla funzione dell’abito come «unità semiotica essenziale al film».Un caso celebre citato dall’autrice è quello del lavoro svolto da Jean-Paul Gaultier per il film Il quinto elemento (Luc Besson, 1995), dove lo stilista crea abiti visionari, utilizzando tele e gomme, passando dal minimal all’esagerazione, per accrescere il senso futuristico del film. Un’opera recente che riteniamo interessante menzionare è quello de Il cigno nero (Darren Aronofsky, 2010), per il quale Laura e Kate Mulleavy del marchio Rodarte hanno disegnato e curato i costumi, in linea con il loro personale stile gotico. Riprendendo in considerazione il rapporto tra abiti e costumi di scena, Volli osserva che quando ci troviamo di fronte ai prodotti della moda all’interno di opere cinematografiche, sono le leggi dello spettacolo a regolarne il funzionamento. Non quelle classiche della moda. L’autore afferma che:
«l’apparato cinematografico li trasforma inevitabilmente in “costumi”, cioè in un genere particolare di accessori scenici, che devono rispondere ai criteri generali di tutti gli oggetti in scena».
L’autore continua proponendoci un interessante quesito: cosa accade quando il costume cinematografico diventa moda? La risposta che troviamonel suo saggio Block Modes verte sulla creazione di una cosiddetta “moda seconda”, ovvero «una regola di comportamento messa in gioco da apparati narrativi e non dalla moda stessa, e sull’esempio dello stile casual, nato da un certo cinema e diventato poi, una volta radicato, uno dei fondamentali stili della moda moderna».
Abbiamo fino ad ora osservato come sia la moda che si offre come strumento, di produzione di senso, al cinema. Inoltre, serve al cinema, in quanto «codice costitutivo nella struttura dell’immagine filmica» e come «dispositivo di accentuazione dei caratteri dei personaggi». Secondo Volli, il cinema in genere non la nomina, come questa non lo cita quasi mai. Il loro, però è un «rapporto saldo, intimo e complesso». Un «rapporto simbiotico». Perché la moda, dal canto suo, trova giovamento in questo connubio, in quanto il cinema «diventa un apparato di produzione delle mode di grande efficacia e capacità inventiva». Per Calefato, è riconosciuto al cinema di essere una «macchina generatrice di senso in grado di produrre sensazioni, desideri, sentimenti».

Questo brano è tratto dalla tesi:

La comunicazione del sistema moda: dai linguaggi tradizionali al fashion film

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alex Magnani
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Pubblicità, Editoria e Creatività d'Impresa
  Relatore: Vanni Codeluppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
moda
publicità
fashio
fashion film

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi