Skip to content

Scelte intertemporali del consumatore ed evidenze empiriche sul legame tra reddito e consumo

Le nuove teorie del consumo: le teorie del ciclo vitale e del reddito permanente

L’idea che sta alla base della teoria keynesiana del consumo si fonda sul presupposto che gli individui effettuano le decisioni di consumo solo sulla base del reddito corrente a loro disposizione. Questa assunzione differenzia la teoria di Keynes dalle successive elaborate da Modigliani e Friedman, che saranno oggetto di quest’ultima parte della trattazione.

L’evidenza empirica non supporta pienamente le previsioni della teoria keynesiana e la validità dell’ipotesi del reddito assoluto. Osservando gli avvenimenti storici, infatti, si rileva che negli anni successivi alla fine della seconda guerra mondiale le previsioni pessimistiche riguardo una drastica riduzione della domanda non trovarono riscontro. Dopo la fine del conflitto, quando negli Stati Uniti la spesa pubblica inevitabilmente cadde, l’ annunciata recessione non si verificò. La spesa per consumi fu decisamente più elevata del previsto, il pieno impiego fu mantenuto e si ebbe anche una sostanziale inflazione.

Anche se l'evidenza ottenuta dagli studi sui bilanci delle famiglie o dalle analisi a breve termine sopportarono l'ipotesi del reddito assoluto, i risultati degli studi a lungo termine e l'esame dei movimenti trimestrali del consumo rifiutarono la teoria. I dati rilevati hanno mostrato chiaramente che il consumo non sembra essere sensibile a variazioni temporanee del reddito e che nel lungo periodo la propensione media e quella marginale tendono a rimanere costanti.

Il fallimento empirico dell'ipotesi del reddito assoluto divenne evidente alla fine degli anni ’40, e per queste ragioni si manifestò una spinta verso la ricerca di teorie alternative. Questo tipo di critiche ha portato gli economisti più vicini all’impostazione classica a sviluppare un approccio alla teoria del consumo aggregato che si fonda sostanzialmente su due elementi: il primo consiste nella micro-fondazione della funzione di consumo aggregato, ossia nel prendere in esplicita considerazione il comportamento di consumo degli individui; il secondo riguarda la natura intertemporale del consumo stesso. Ciò implica che il consumo corrente non sia indipendente dal consumo passato e futuro, ed in quanto tale è condizionato dall’evoluzione temporale delle risorse a disposizione dell’individuo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Scelte intertemporali del consumatore ed evidenze empiriche sul legame tra reddito e consumo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Antoci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Mariacristina Piva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi