Skip to content

L’Esperienza dell’Unione Libera Italiana del Calcio e il football in Italia prima del fascismo

La fine della fase democratica

Le difficoltà economiche ed organizzative della U.L.I.C. portarono all’accordo con la Federazione del 1922, da cui risultarono esclusi Luigi Maranelli ed alcuni altri fondatori dell’Unione. Con l’assorbimento della U.L.I.C. nella F.I.G.C., la nuova struttura risultò composta da: un Comitato Centrale Direttivo, i Comitati locali, le società calcistiche regolarmente affiliate ai Comitati locali e gli Uliciani benemeriti.
Con le nuove disposizioni, il Comitato Centrale Direttivo rimase l’organo dirigente della U.L.I.C ed era ora composto da un Presidente, un Segretario-Cassiere, un Commissario Tecnico, due Consiglieri e due Ispettori che però venivano designati dal Presidente della FIGC. Il comitato direttivo aveva l’incarico di indire i campionati di prima e seconda Categoria, il campionato Boys e gli eventuali altri tornei. Ad esso spettava inoltre la decisione, su ragionevole richiesta dei Comitati Locali, di ratificare la squalifica di squadre e giocatori che avessero violato il regolamento.
I campionati locali ed i campionati regionali erano gestiti dai Comitati Locali e dai direttori regionali della FIGC, mentre quelli interregionali dal C.C.D. Tutti i Comitati locali dovevano versare al C.C.D. una quota annuale di affiliazione ed una quota annuale per ogni società iscritta al campionato. I membri dei Comitati Locali e i comitati stessi potevano essere sospesi temporaneamente o sollevati dall’incarico nel comitato direttivo se, con il loro comportamento, avessero danneggiato l’immagine della U.L.I.C. oppure se non avessero rispettato il regolamento o si fossero dimostrati inadempienti alla corresponsione delle somme previste.
Il presidente della F.I.G.C., su richiesta del comitato direttivo, provvedeva alle nomine degli Uliciani benemeriti, ovvero coloro che si erano distinti nella promozione dell’attività della U.L.I.C. e per questo erano premiati con tale titolo. La supervisione dell’operato e del comportamento dei vari comitati spettava agli organismi regionali della F.I.G.C. congiuntamente al C.C.D. Questi contribuivano, inoltre, alla costituzione dei nuovi Comitati, al collegamento tra i Comitati della zona e il Comitato Direttivo, stanziavano i premi per le squadre ed intervenivano presso le Società federali per fare in modo che ci fosse disponibilità di campi per i campionati U.L.I.C.
Di fronte ai successi della U.L.I.C. anche la Federazione dovette prendere atto che le cose non andavano proprio bene: erano troppi i giocatori squalificati che per via delle sanzioni passavano nelle fila della U.L.I.C. e viceversa per non scontare le sanzioni comminate. Fu per questo motivo che dopo circa tre anni di trattative, martedì 7 novembre 1922, si arrivò all’accordo tra la F.I.G.C. e U.L.I.C. che fu il riconoscimento ufficiale dell’opera svolta dalla U.L.I.C. nel formare i giovani. Si posero, in questo modo, le basi per lo svolgimento di un’attività congiunta e l’Unione avrebbe usufruito di sussidi di importo variabile da parte della Federazione e della disponibilità dei campi federali. L’Unione, grazie al nuovo assetto sportivo, si occupò solo dei giovani fino ai ventuno anni.
Nel 1922 la U.L.I.C. contava 190 squadre iscritte. Con la grande crescita delle forze in seno alla U.L.I.C. la situazione finanziaria dell’Unione divenne insostenibile, poiché, all’aumentare degli aderenti i conti risultarono sempre più in rosso. Le società sarebbero diventate più numerose di quelle iscritte all’attività della F.I.G.C: nel 1929 diventarono 1.412, a fronte delle 928 iscritte ai campionati federali.
Iniziarono anche ad essere, però, sempre più numerosi i reclami per le società che per vincere le fasi di qualificazione ed arrivare alle finali del campionato italiano ricorrevano a trucchi ed irregolarità, a dispetto dei princìpi perseguiti da Maranelli, su cui lo stesso non transigeva. Nei confronti dei "non dilettanti" autorizzati dalla Carta di Viareggio, nel 1926, la scelta della U.L.I.C. fu quella di impedire a questi ultimi la partecipazione ai campionati liberi.
Le crisi in seno all’Unione portavano spesso a dover ricostituire in Assemblea gli organici dei Comitati Direttivi dimissionari prima della scadenza che avveniva annualmente. Nel 1925, sotto la presidenza di Lando Ferretti, il CONI (Comitato Olimpico Internazionale Italiano) intraprese l’assorbimento di tutte le federazioni e le associazioni nell’ottica della fascistizzazione dell’attività sportiva. La U.L.I.C. venne inserita nella struttura dell’ente federale il 1 settembre 1927 con la denominazione “U.L.I.C. Sezione Autonoma di Propaganda” e divenne il vivaio delle società italiane che potevano attingere da questo grande serbatoio di giocatori giovani, poiché essi erano liberi di scegliere, a proprio piacimento, la squadra con cui giocare.
A questo si aggiunsero gli effetti della leva obbligatoria e della coscrizione per la guerra in Etiopia nel 1935, che privarono le squadre uliciane di numerosi giocatori in età d’armi. Le perdite subite e le difficoltà economiche causate dagli effetti della “crisi del 1929” portarono al ritiro di numerose società ed i provvedimenti federali, sempre più frequenti, fecero venne meno un altro dei caratteri distintivi della U.L.I.C. originaria. Si inserì infatti il vincolo di tesseramento per le società libere, in modo da evitare le acquisizioni dei giovani più promettenti dell’Unione da parte delle società federali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’Esperienza dell’Unione Libera Italiana del Calcio e il football in Italia prima del fascismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Gandini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Roberto Chiarini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi