Skip to content

La Banca Islamica: Fattore di Integrazione e di Cooperazione tra l'Italia e la Tunisia

Confronto tra la Banca Islamica e la banca tradizionale

Mettendo a confronto la Banca Islamica con la banca tradizionale da un punto di vista quantitativo, cioè della sua diffusione nel mondo, è chiaro che la seconda ha una espansione maggiore rispetto alla prima, anche per ragioni storiche e temporali. Da un punto di vista qualitativo, alcuni ritengono che il fenomeno dell'economia islamica non abbia apportato nessuna modifica significativa allo scenario mondiale, scontrandosi, però, con quelli che sostengono che tale tesi non trova una continuità in quanto non tiene conto di alcuni fattori fondamentali: primo fra tutti, in proporzione alla presenza di banche tradizionali, le banche islamiche sono ancora minoritarie, non abbastanza per poter rivoluzionare l'economia in un periodo breve. Inoltre, queste istituzioni stanno vivendo i primi anni della loro vita, nei quali è ancora importante la valutazione delle misure da adottare per essere il più vicini possibile alla legge islamica. Non per ultimo, bisogna anche considerare che il più delle volte gli istituti bancari islamici non vengono supportati dai governi, dal sistema di tassazione, e dalle banche centrali dei vari paesi, ma vengono solo gestiti da particolari permessi. Come si è già detto, comunque, la diffusione della Banca Islamica ha conosciuto un rapido sviluppo nelle ultime decadi, e le previsioni per il futuro sono positive.
Da un punto di vista qualitativo, la Banca Islamica è diversa dalla banca tradizionale perché è differente la sua missione e i suoi obiettivi. Infatti, deve garantire la stabilità economica, finanziaria e politica della comunità, facendo riferimento ai dettami di Allah, mentre la banca convenzionale si basa su principi elaborati dall'uomo. Si può dire, dunque, che la banca convenzionale si concentra maggiormente sugli aspetti economici e finanziari delle transizioni, avendo come unico fine il massimo profitto, mentre la banca islamica, sebbene miri ad un guadagno, dà, allo stesso tempo, la medesima importanza alla dimensione etica, morale, sociale e religiosa. Non a caso, tra le operazioni della banca islamica, vi è anche quella di occuparsi della Zakāt, mentre l'altro genere di istituto non si occupa di tasse solidali.
Il chiaro e principale motivo di divergenza tra i due sistemi bancari è quello che riguarda l'interesse: la banca convenzionale è detta "interest based" proprio perché è attorno alla gestione degli interessi che si regge, mentre quella islamica non opera in denaro, ma in rapporti, in collaborazioni. Dal momento che il tasso di interesse è fisso e prestabilito presso la banca tradizionale, viene data poca importanza allo sviluppo di competenze nei progetti di valutazione, mentre dato che la banca islamica condivide il guadagno, ma anche la perdita, dà più importanza a sviluppare progetti di valutazione per la realizzabilità dei progetti. Pertanto, le operazioni che avvengono nell'economia occidentale non sono strettamente legate a dei beni o servizi, per cui avrà dei vantaggi di libertà e facilità nello scenario globale, incitando una massimizzazione rischiosa, instabile e incerta dei profitti, senza restrizioni di nessun genere.
Infatti, la Banca Islamica non può concedere prestiti superiori alle reali possibilità del debitore proprio in rispetto del divieto dell'azzardo, mentre nelle banche convenzionali questo fattore viene ignorato dal momento che si ritiene improbabile che tutti i depositari richiedano il denaro nello stesso momento, quindi si azzarda a prestare una somma che supera le reali possibilità del debitore. Pertanto, l'economia islamica è garantita dagli attivi, mentre quella convenzionale e capitalista dall'idea che le banche e gli istituti finanziari trattano soltanto la moneta. L'Islàm, invece, non riconosce la moneta come l'oggetto del commercio, in quanto non ha un'utilità intrinseca è solo un mezzo di scambio. Come conseguenza, ogni tipo di pratica finanziaria nel sistema islamico crea dei beni reali.
Un altro importante punto da mettere in evidenza nel confronto tra Banca Islamica e banca convenzionale è il diverso modo di vedere la relazione tra il cliente e il creditore, o tra l'imprenditore e il capitale. Secondo il sistema economico capitalista il capitale e l'imprenditore sono due fattori di produzione differenti e separati. Chi fornisce il capitale, prende interessi fissi a prescindere da come andranno le cose, mentre l'imprenditore ha il diritto di avere il profitto o la perdita in base agli esiti del suo progetto. L'Islàm, invece, considera ogni persona che fornisce capitale come fattore produttivo, che ha il diritto di condividere il profitto in base ai risultati delle operazioni, ma allo stesso tempo assume il rischio di perdita. Quindi cliente e banca non hanno il ruolo di creditore e debitore, come avviene per la banca tradizionale, ma quello di collaboratori.
Ad ogni modo, tanto la Banca Islamica, quanto la banca convenzionale amministrano l'economia, fungono da intermediari nella finanza, hanno sviluppato delle tecniche per investire denaro e trarne profitto e comunque bisogna ricordare che tutti i servizi di una banca tradizionale che non hanno a che fare con gli interessi sono attivi nella Banca Islamica.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Banca Islamica: Fattore di Integrazione e di Cooperazione tra l'Italia e la Tunisia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sonia Li Veli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Lingue e Culture Moderne
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Abdelkarim Hannachi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

islam
cooperazione
integrazione
arabo
tunisia
corano
riba
economia islamica
banca islamica
rivoluzioni arabe

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi