Skip to content

Alla ricerca di una città sostenibile. Il servizio taxi e il problema del traffico a Roma da Rutelli a Veltroni: riforme attuate e riforme tentate (1994-2007)

Proteste dei tassisti in tutta Italia contro il Taxi collettivo

Nel corso dell’estate del 1997, i tassisti di tutta Italia scioperano per ben 2 volte in pochi mesi. A giugno, taxi fermi in tutte le città, in segno di protesta contro le inadempienze del Governo per la mancata emanazione di importanti modifiche al Codice della Strada, per la mancata applicazione di semplici misure fiscali e sociali a beneficio della categoria e per l’ingiustificato aumento dei canoni di concessione a carico delle centrali di radio-taxi.

Lo stato di mobilitazione, precisano Cna Trasporto Persone, Confartigianato, Sna/Casa, Claai, Uti, Unica Cgil Taxi e Ancst Lega Coop, in una nota congiunta, si è reso necessario per richiamare l’attenzione del Governo rispetto ad un insieme di norme e di condizioni che, allo stato attuale, impediscono una gestione corretta dei servizi taxi. I tassisti chiedono una serie di interventi legislativi finalizzati, da un lato, a recuperare le condizioni e gli errori nell’ambito della stesura del Codice della Strada e del suo regolamento, e dall’altro ad intervenire sul piano fiscale e sociale per favorire il ripristino delle condizioni minime attraverso le quali è possibile continuare a sviluppare attività di auto servizio pubblico.

A settembre invece, finisce la pazienza dei tassisti che non accettano l’idea del taxi collettivo. I tassisti romani aderenti all'Ait, l'Associazione italiana tassisti, che raggruppa la maggior parte dei conducenti romani (circa 2500 iscritti), scendono in piazza per protestare contro la proposta di legge, avanzata dal ministero dei Trasporti, che prevede un servizio di taxi collettivi. La protesta, nazionale, ed indetta dalla Confartigianato, dalla Cna, e da altre sigle sindacali vedrà confluire a Roma, secondo le previsioni, circa 50 mila conducenti da tutta Italia.

Il raduno e' in programma al Circo Massimo, dove la circolazione dovrebbe diventare impossibile. Nella Capitale ai motivi dello sciopero nazionale se ne aggiungono altri: tra queste la preoccupazione per il rischio di una caduta delle offerte di lavoro, in particolare nell'area di Fiumicino. Nonostante le ripetute richieste di un incontro con l'assessore Walter Tocci, per discutere della delibera sui pulmini da noleggio in servizio all'aeroporto, i tassisti non hanno avuto risposte. Di qui la decisione dell'Ait di aderire allo sciopero nazionale e di iniziare una nuova fase di conflittualità con il Campidoglio. I tassisti continuano a dover combattere, giorno dopo giorno, contro i noleggi che arrivano da fuori Roma e contro l'abusivismo.

Quello che i conducenti rimproverano principalmente al Campidoglio, ed il motivo della manifestazione del Circo Massimo, è la costante invasione di auto da noleggio da fuori città e l’ormai conosciuto e già controverso problema del taxi collettivo, diventata una questione nazionale. La grande mobilitazione nazionale del servizio taxi, causa più problemi di quanto si potesse pensare. Il centro di Roma è paralizzato dalla manifestazione per tutta la mattinata del 10 settembre. Traffico a passo d’uomo sull’autostrada tra Bologna e Firenze. «È una vera e propria statalizzazione del settore, così il governo ci rovina.»79, accusano i manifestanti. Due i momenti caldi: l’Autosole A1 all’altezza di Firenze, dove si è tenuto un corteo di auto e pullman che ha per ore rallentato il traffico nei due sensi di marcia e un corteo con sit-in di protesta finale davanti al ministero dei Trasporti a Roma. Nella capitale, la serrata manda letteralmente in tilt anche i collegamenti con l’aeroporto. A Milano, dove era previsto il terzo appuntamento forte della mobilitazione della categoria, i disagi per gli utenti sono stati limitati. Una parte consistente dei 4.552 taxi milanesi ha infatti effettuato regolarmente il servizio mentre i manifestanti non hanno inteso bloccare il traffico decidendo di presidiare alcune piazze già pedonalizzate.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Alla ricerca di una città sostenibile. Il servizio taxi e il problema del traffico a Roma da Rutelli a Veltroni: riforme attuate e riforme tentate (1994-2007)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Saveri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: pubblica amministrazione
  Relatore: Fortunato Minniti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riforma
roma
rutelli
tassisti
veltroni
taxi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi