Skip to content

La Smart City quale modello metropolitano orientato allo sviluppo sostenibile: le best practices torinesi

Città italiane Smart

Con l’iniziativa Smart Cities, la Commissione Europea sostiene le città che hanno espresso l’obiettivo di ridurre, entro il 2020, le proprie emissioni di gas serra del 40% attraverso l’incremento dell’efficienza energetica dei propri edifici, delle reti energetiche e dei sistemi di trasporto.
L’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) sul piano nazionale ha avviato alcune iniziative, tra cui il laboratorio Smart Cities, con l’obiettivo di promuovere l’evoluzione dei Comuni italiani verso un modello di città coerente con i recenti orientamenti comunitari che sia più sostenibile ed “intelligente”.
In Italia attualmente manca un grande programma nazionale che possa mettere in luce le best practices al fine di ottimizzare gli sforzi e renderli il più possibile fruibili. Un rapporto efficiente tra Pubblico Privato ed Università potrebbe favorire le piccole e medie città dell'Italia, quali campi di sperimentazione ed esempi concreti di città che hanno avviato politiche intelligenti ed il tema dell’e-Gov, della community e dell’Open Data quali mezzi per rilanciare le nostre città.
Nella recente ricerca di Fiab, Legambiente e Cittàinbici attraverso strumenti quali il “modal split” (misurazione del numero di spostamenti effettuati in città con i diversi mezzi di trasporto raggruppati in sostenibili -a piedi, in bici, con i mezzi pubblici- ed insostenibili –moto, auto-) si è recentemente valutata la reale percorribilità delle città in bicicletta.
La reale ciclabilità di una città è data dall’equilibrio e dal grado d’integrazione tra le varie modalità di spostamento che si possono avere in un centro urbano, rendendo quest’elemento più determinante dell’estensione. Secondo il dossier la città ottimale ha almeno un 15% di spostamenti in bici e allo stesso tempo una mobilità in auto e moto minore del 50%.
Tra le realtà italiane più bike-friendly troviamo per fare alcuni esempi Bologna, Reggio Emilia, Padova, Venezia, città che hanno inserito l’iniziativa di rendere ciclabile la città in un più ampio progetto di smart grouth.
Lo studio sostiene che solo investendo sulla bicicletta sarà possibile raggiungere gli obiettivi dell’UE previsti per il 2050 di riduzione del 60% delle emissioni nel settore dei trasporti, ma i risultati italiani al momento non sono incoraggianti.
Per quanto riguarda la diffusione della banda larga sia l’Agenda digitale europea che l’Agenda digitale italiana richiamano l’attenzione sull’importanza della creazione di una piattaforma di diffusione capillare che consenta la trasmissione di informazioni con elevati livelli di qualità e capacità. A tal proposito, lo studio dell’Osservatorio ICT evidenzia come l’Italia si posizioni sotto la media europea. Situazione principalmente imputabile alla complessità orografica che caratterizza la penisola ma non solo.
Il Piemonte si differenzia rispetto al resto d’Italia avendo sviluppato un esteso sistema di connessione Wi-Fi ma rimane comunque al di sotto delle posizioni occupate dai paesi del Nord Europa principalmente a causa della qualità della connessione. Nell’uso, l’incremento più significativo ha toccato le famiglie, che però adoperano il mezzo principalmente per i servizi privati. La Pubblica Amministrazione ha visto una crescita complessiva modesta frenata da un lato dall’assenza di una strategia digitale per il 90% dei comuni e dall’altro da fattori pratici come la qualità della banda e l’ingente costo per il cablaggio del territorio. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Smart City quale modello metropolitano orientato allo sviluppo sostenibile: le best practices torinesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Spatola
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management Internazionale
  Relatore: Massimo Pollifroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 294

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi