Skip to content

L'Attuale Disciplina del Fallimento e L'Attività del Curatore Fallimentare

Il ruolo del Curatore nella governance della procedura

La riforma non ha cambiato soltanto i soggetti che possono assumere la carica di Curatore, ma ha modificato in maniera sostanziale le funzioni del Curatore. Questi non ha più l’amministrazione “… del patrimonio fallimentare sotto la direzione del Giudice Delegato” ma è l’amministratore del “… patrimonio del fallimento e compie tutte le operazioni sotto la vigilanza del Giudice Delegato e del Comitato dei Creditori”.

La gestione della procedura non è più sotto la direzione del Giudice Delegato, ma è passata al Curatore che la esercita comunque sotto la vigilanza del Giudice Delegato e del Comitato dei Creditori. Pertanto, il Curatore rappresenta l’organo al quale è affidata la gestione della procedura.

Ad esso è quindi affidato il compito di portare avanti il fallimento compiendo tutte le attività necessarie alla conservazione e alla liquidazione dell’attivo, che, a loro volta, sono finalizzate al pagamento dei creditori ammessi al passivo. Le operazioni devono essere svolte dal Curatore personalmente. Sono peraltro sancite due deroghe a tale regola generale. Il Curatore può infatti:

· delegare ad altri alcune specifiche operazioni (dalle quali sono comunque escluse attività espressamente indicate dalla legge all’art. 32 l. fall.), purché sia stato a ciò autorizzato dal comitato dei creditori. In tal caso, il compenso del soggetto delegato è liquidato sempre dal Giudice Delegato, ma sottratto al compenso dovuto al Curatore medesimo;

· farsi affiancare da altri soggetti dotati di specifiche competenze che completano quelle già rivestite dal Curatore: essi vengono retribuiti e operano sotto la responsabilità dell’organo nominato dal Tribunale. In questo caso, del compenso riconosciuto al coadiutore, si tiene conto ai fini della liquidazione del compenso finale riconosciuto al Curatore.

Come si può ben vedere sono cambiati i rapporti tra i diversi organi della procedura: il Giudice Delegato non è più l’organo motore della procedura, essendo stata sostituita l’attività di direzione, con quella di vigilanza e controllo. Non di meno, proprio questi poteri sono stati rafforzati in funzione di verifiche che la maggiore autonomia del Curatore non si risolva in una gestione incontrollata.

Da qui la previsione di convocazione del Curatore e del Comitato dei Creditori, quella di vincolare all’autorizzazione del Giudice ogni iniziativa giudiziale, quella di liquidare il compenso ai difensori nominati dal Curatore e di disporre la revoca. Mentre in precedenza le autorizzazioni degli organi giudiziari erano da considerarsi ordini di vere e proprie disposizioni che il Giudice Delegato, ovvero il Tribunale, impartivano al Curatore, la devoluzione tout court del potere di amministrazione del patrimonio fallimentare, ancorché sotto la vigilanza del Giudice Delegato e del Comitato dei Creditori, è inevitabilmente destinata a riflettersi sul significato e sulla portata del potere di autorizzazione ancora prefigurata per la straordinaria amministrazione, poiché destinato a rimuovere un ostacolo al compimento di un atto rimesso all’esclusivo apprezzamento del Curatore.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Attuale Disciplina del Fallimento e L'Attività del Curatore Fallimentare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Cerino
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di I Livello
Anno: 2013
Docente/Relatore: Alessandro Cerino
Istituito da: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

curatore fallimentare
legge fallimentare
decreto correttivo
processo civile telematico
decreto sviluppo
tribunale di roma
legge di stabilità 2012
dl 179/2012
istruttoria prefallimentare
amministratore fallito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi