Skip to content

Dal metodo di lavoro al Capacity ''Gentan-I'' del processo di taglio

La settimana Kaizen

Nella battaglia agli sprechi, si può mettere in atto una terza rivoluzione con la quale si ottengono, in breve tempo, risultati particolarmente premianti.

"Se non riesci a ottenere un miglioramento rilevante in 3 giorni, significa che stai sbagliando qualche cosa".

Nonostante l’affermazione valga per un’area ristretta, in cui sono coinvolti dai 10 ai 30 operatori, è possibile applicare un nuovo approccio alle azioni di miglioramento, che consente risultati a brevissimo tempo. Sul piano pratico, è possibile prendere a riferimento una settimana: il 1° giorno serve per impostare il lavoro dei successivi 3 e il 5°giorno viene utilizzato per presentare i risultati alla Direzione. Ciò significa realizzare una Settimana Kaizen.
Concetto fondamentale di questa impostazione di lavoro è dunque l'azione rapida, che viene declinata in 2 slogan:

- veloce e rozzo, non lento ed elegante: è un modo originale di concepire l’azione, poiché i cambiamenti vengono realizzati rapidamente e con grande dinamismo, senza andare per il sottile, ma puntando al risultato, attraverso analisi rapidissime e il coinvolgimento diretto del personale interno;

- fallo e fallo subito: si tratta di un richiamo all'azione immediata, basato sul trystorming, che consiste nel fare esperienza, mettendo in conto anche la possibilità di sbagliare. Se la prova fallisce, se ne fa un’altra e così di seguito, con la logica della quantità.

Partendo da questi 2 concetti fondamentali, è possibile iniziare a comprendere le logiche sottostanti la settimana Kaizen:

- le attività svolte nel corso della settimana vedono impegnate persone dell'azienda costituite in un team che varia da 5 a 10 persone, che conoscono bene il lavoro svolto nell'area interessata al processo di miglioramento;

- si svolge sotto la guida di un consulente esperto che conosce gli approcci e le tecniche della produzione snella;

- è un evento altamente organizzato e si svolge con attività ben definite e codificate;

- consente di ottenere rapidamente dei miglioramenti rilevanti, ma diventa anche uno strumento di sviluppo delle risorse umane, affinché perseguano autonomamente il miglioramento nelle attività svolte ogni giorno;

- Ha come punto di partenza l’individuazione degli sprechi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dal metodo di lavoro al Capacity ''Gentan-I'' del processo di taglio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Gazzillo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Roberto Spina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

just in time
valutazione dei rischi
ergonomia
kaizen
kanban
lean manufacturing
analisi tempi e metodi
movimentazione dei carichi
rilevamento cronometrico
foglio d’istruzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi