Skip to content

La disciplina giuridica del fenomeno dell'immigrazione e la tutela dei diritti fondamentali in Italia e Spagna

I migranti in cerca di protezione nell'Unione Europea

La Convenzione europea di Ginevra del 1951 relativa allo status dei rifugiati, dopo aver enunciato il divieto all'art. 32.1 le limitazioni al potere degli Stati di procedere all'espulsione dei rifugiati regolarmente presenti sul territorio,
all'art. 33 sancisce il divieto, non assoluto, di espellere i rifugiati verso Paesi in cui la loro vita o la loro libertà sono minacciate.
In epoca successiva si è assistiti ad un ampliamento del principio del non-refoulement, che ha fatto si che tra i beneficiari del medesimo non figurano più solo i rifugiati, ma anche le persone che, se non accolte all'interno dello Stato, rischiano di subire atti di tortura o trattamenti inumani o degradanti, o attentati alla vita, ampliando così il fenomeno del refoulement sia all'allontanamento che al respingimento di quelle persone soggette a tali rischi.
L'Unione europea, conformemente alla prassi affermatasi nel diritto internazionale, pone una distinzione tra Paese di origine sicuro, Paese terzo sicuro e Paese di primo asilo, aggiungendo ad essi un'ulteriore categoria di Paese sicuro di più recente creazione normativa: il Paese terzo europeo sicuro.
Il primo tentativo di armonizzazione della regolamentazione del fenomeno in sede europea si ha con la c.d. risoluzione di Londra del Consiglio dei Ministri del 30 novembre e 1 dicembre 1992, che tuttavia lascia gli Stati liberi di seguire un proprio orientamento.
Il Trattato di Amsterdam, firmato nel 1997, rappresenta un fondamentale passo versa la comunitarizzazione delle normative nazionali, per mezzo dello spostamento della materia di asilo e immigrazione dal terzo pilastro dell'Unione, regolato dalla cooperazione intergovernativa, al primo pilastro contraddistinto dal metodo comunitario.
Il programma di Tampere del 1999 si pone poi come obbiettivo la creazione di un sistema europeo comune di asilo, tracciando le scadenze e le priorità per una piena attuazione del Trattato di Amsterdam.
Il Trattato di Lisbona del 2007 segna il vero punto di svolta verso una politica comune, prevedendo l'adozione, da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, degli atti relativi ad un Sistema europeo comune di asilo che includa: uno status uniforme in materia di asilo valido in tutta l'Unione; uno status uniforme in materia di protezione sussidiaria; un sistema comune volto alla protezione temporanea degli sfollati in caso di afflusso massiccio; criteri e meccanismi di determinazione dello Stato membro competente ad esaminare una domanda di asilo o protezione sussidiaria.
L'art. 78.3 TFUE prevede che qualora uno o più Stati membri debbano affrontare una situazione di emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di Paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio dello Stato membro interessato.
L'art. 80 TFUE afferma il principio di solidarietà ed equa ripartizione delle responsabilità tra Stati membri per le politiche di immigrazione e asilo, anche in termini finanziari, tuttavia allo stato attuale non sono previsti meccanismi di redistribuzione interna tra gli Stati membri di cittadini di Paesi terzi immigrati o beneficiari di protezione internazionale, su base obbligatoria.
Il primo provvedimento in materia è rappresentato dalla direttiva 2003/09, recante norme minime relative all'accoglienza dei richiedenti asilo negli Stati membri, che contempla diverse misure comportanti restrizioni alla libertà di movimento dei richiedenti asilo senza però precisarne la portata.
La prevista misura del confino in un determinato luogo consiste in una misura privativa della libertà personale, ed è positiva la previsione che essa possa essere disposta solo ove necessaria.
Tuttavia, data la vaghezza della norma, non è da escludersi che la possibilità di fissare "un luogo di residenza" per i richiedenti asilo possa risolversi, in fase di recepimento, in una misura privativa della libertà.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La disciplina giuridica del fenomeno dell'immigrazione e la tutela dei diritti fondamentali in Italia e Spagna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Adriano Manna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi Europei
  Relatore: Salvatore Bonfiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi