Skip to content

Web 2.0 e Inbound Marketing: il caso Hubspot

Interruption marketing vs permission marketing

Interruption contro Permission. Le ragioni del confronto sono principalmente due: a) Permette di chiarire il disorientamento che può generare l’uso dell’espressione Outbound Marketing come contrappeso a quella di Inbound Marketing, ma anche (nel caso trattato) come equivalente di Interruption Marketing. b) Esemplifica efficacemente l’antitesi tra Outbound Marketing e Inbound Marketing, chiarendo quali siano le divergenze ed i lineamenti tipici dei due sistemi

Punto a) In realtà, la confusione sorge se non vi è chiarezza in merito all’ambito di applicazione dei due termini. Se infatti ci si riferisce al Product Development, allora l’Inbound Marketing corrisponde al c.d. Inbound Product Management: si esplica nell’assorbimento di informazioni per intercettare i bisogni del consumatore, task svolta dal reparto di intelligenza competitiva dell’azienda (ricerche riguardo il mercato e i trends di settore, analisi industriale e dei concorrenti, analisi SWOT).

Il flusso è outside-in. All’opposto, l’Outbound Product Management, anche noto come Outbound Product Marketing, da cui il pasticcio semantico. Qui “Outbound” segnala una serie di impulsi inside-out: raccolti tutti i dati utili a misurare l’ambiente esterno all’unità economica, il focus si sposta sulla comunicazione con il mercato circa il prodotto. Nel ciclo descritto dal c.d. marketing mix, ci troviamo ora nel periodo della Promozione. E allora l’Outbound Product Marketing provvede a preparare i venditori, spingere messaggi, curare le relazioni con il pubblico, fare pubblicità via mass media e pure via internet.

In ultima analisi, l’espressione Outbound Product Marketing/Managemen delinea un ben voluminoso contenitore, facendovi entrare senza troppa cura sia l’idea di Inbound Marketing che quella di Outbound Marketing, invece distinte più lucidamente da Brian Halligan nel 2005.

Punto b) Interruption Marketing esprime l’opinione negativa circa questa metodologia. Riguarda la promozione, pubblicizzazione e commercializzazione del prodotto tramite tecniche che -come intuibile dal termine- interrompono l’individuo da qualsiasi attività egli stia compiendo, letteralmente inondandolo di messaggi: Cold Calling via telefono, telepromozioni, cartellonistica e inserzioni su giornali ed altro materiale cartaceo, così come intermezzi pubblicitari per radio o in TV, spam tramite email, pop-up e pop-under a là PageView.

Oggi come oggi, d’altronde, il soggetto così bersagliato “sta comprendendo maniere sempre più creative di bloccare” le interruzioni (HALLIGAN B., 2010): si pensi ai filtri pubblicitari come AdBlock, o al Caller ID con cui è possibile definire il numero del telefono di una chiamata in entrata, o ancora ai filtri anti-spam per email, o a strumenti quali i convenienti RSS e parimenti all’obsolescenza dell’advertising cartaceo. Non solo invadente e sovente indesiderato, l’Interruption Marketing è oltretutto poco economico.

Mentre da un lato il suddetto sistema rappresenta tutto ciò che è ascrivibile alla visione Outbound, il Permission Marketing si colloca all’esatto opposto e ne esprime una sorta di concreto sviluppo. Il vocabolo è stato reso celebre da Seth Godin, guru del marketing: “Permission Marketing is just like dating. It turns strangers into friends and friends into lifetime customers” (GODIN S., 1999). A proposito, i due strumenti che più degli altri permettano un contatto diretto sono la newsletter e l’email. Tipicamente, il Permission obbliga un marketer a richiedere l’autorizzazione dell’utente ad essere contattato al fine della prosecuzione del processo di vendita. Permission Marketing, a dire la verità poco praticato in passato, funziona oggi solo per merito del Web 2.0. Internet abbassa i costi e consente immediato feedback nella comunicazione; il flusso di informazioni è bidirezionale, e l’interazione durevole. “Marekting used to be a one way street because the marketer published and the consumer consumed. Today, though, it’s a twisty road. For one thing, consumers are publishers also” (BROADBENT A., 2012).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Web 2.0 e Inbound Marketing: il caso Hubspot

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Iommazzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management
  Relatore: Corrado Cerruti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
web 2.0
inbound
inbound marketing
hubspot

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi